ex-direttore-arl-assolto-l-azienda-fara-ricorso
Il capannone Arl a Tesserete (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
1 ora

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
5 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
5 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
5 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
12 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
15 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
15 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
15 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
15 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
16 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
16 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
16 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
28.10.2020 - 19:580

Ex direttore Arl assolto, l'azienda farà ricorso

Non ha per nulla convinto la motivazione verbale del giudice che ha scagionato il 69enne dall'accusa di ripetuta amministrazione infedele

«Impugneremo la sentenza al Tribunale d'appello». Queste le parole di Gianmaria Frapolli, presidente del Consiglio di amministrazione delle Autolinee Regionali Luganesi Sa (Arl) al termine della seduta di stasera all'indomani della sentenza pronunciata lunedì da Marco Kraushaar, giudice della Pretura penale, che ha prosciolto Curzio Bernasconi, 69 anni, ex direttore dell'azienda di trasporto, dalle accuse di amministrazione infedele ripetuta e in parte aggravata. Una seduta in cui Il CdA ha quindi deciso di contestare la sentenza, la cui motivazione verbale aveva convinto nemmeno l'avvocato di parte civile Costantino Castelli. Il dibattimento si è tenuto lunedì in Pretura penale a Bellinzona. Il proscioglimento dell'imputato ha fatto parecchio discutere siccome era stato proprio il CdA a segnalare le 'stranezze' contabili al Ministero pubblico. Stranezze emerse dopo che Bernasconi era stato fortemente 'invitato' a rassegnare le dimissioni a seguito dei conflitti sorti con il Cantone, in particolare con il Dipartimento del territorio (Dt) e il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs).

'Stranezze' contabili segnalate in Procura

Ma andiamo con ordine. Curzio Bernasconi, secondo il giudice, non ha commesso alcun reato nell’aver fatto lavorare tre dipendenti dell’azienda, per una decina di mesi, nella ristrutturazione di un rustico di proprietà della moglie, allo scopo di compensare le vacanze e le ore di straordinario, anche se non ha avvertito preventivamente il CdA. In sostanza, il giudice ha accolto la richiesta formulata in sede di arringa dall’avvocato difensore Marco Broggini. Ai vertici dell'azienda che avevano segnalato le stranezze contabili al Ministero pubblico la sentenza è però andata di traverso. Allo stesso modo non sono piaciute la spiegazioni del giudice, secondo cui era prassi consolidala all'interno della Arl Servizi Sa impiegare una parte del personale anche in interventi esterni a favore di terzi. Una prassi nota ai vertici dell'azienda che erano a conoscenza dei lavori effettuati dai dipendenti all'esterno. Nel caso concreto però, gli interventi richiesti hanno favorito l'ex direttore che ha scaricato le ore di lavoro degli impiegati sulle Arl.

Fanno breccia le tesi difensive

È stata una crassa violazione dei suoi doveri quella dell'imputato, stando alla tesi del procuratore pubblico Daniele Galliano, che lunedì nel corso del dibattimento a Bellinzona ha chiesto nei confronti di Bernasconi una pena pecuniaria sospesa per un periodo di prova di due anni. Un imputato che secondo l'accusa, ha privilegiato i propri interessi rispetto a quelli dell'azienda che aveva amministrato per oltre 30 anni. Non solo. Avrebbe pure abusato e approfittato dell'ampia autonomia che gli concedevano i vertici delle Arl, impiegando in maniera occulta il personale per scopi personali causando un danno economico di circa 130'000 franchi. Il legale dell'imputato ha invece replicato sottolineando l'incensuratezza del proprio assistito che ha sempre operato nel pieno dell'autonomia nella gestione del personale.  Bernasconi non doveva pertanto chiedere il permesso ai vertici delle Arl visto che tutti all'interno dell'azienda sapevano dell'impiego del personale della Arl Servizi Sa a favore della stessa Arl e per lavori esterni, ristrutturazione del rustico della moglie compresa. Gli argomenti proposti nell'arringa hanno convinto il giudice.

Quel bisticcio con il Cantone

C'è voluto qualche mese ma alla fine si è chiuso con un “Happy end” il braccio di ferro innescatosi verso la fine agosto del 2017 fra le Arl Sa e il Decs. Dalla ripresa delle attività scolastiche, nel gennaio successivo, gli allievi della Media di Pregassona sono tornati ad essere trasportati dall'azienda. Il motivo del contendere? L’assenza di un Contratto collettivo di lavoro (Ccl) in Arl. La richiesta esplicita di un Ccl era stata formulata dalla Confederazione e confermata dal tribunale che aveva accolto il ricorso di una concorrente che si era aggiudicata la linea contestata. L’altra questione era relativa al rifiuto dell’azienda di Viganello di rinegoziare al ribasso, come avevano fatto tutte altre ditte ticinesi, le condizioni della concessione federale decennale in scadenza alla fine del 2018. Tanto che il Dipartimento del territorio (Dt) aveva pubblicato in maggio sul Foglio ufficiale svizzero (Fus) l’intenzione di mettere a concorso le linee di Arl. La vertenza fra Decs e Dt, da una parte e Arl Sa, dall’altra, era sfociata, lo ricordiamo, con la prova di forza dell’azienda che, a fine agosto 2017 aveva inviato i bus presso le Medie di Pregassona, malgrado gli fosse stata revocata l’autorizzazione.
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved