laRegione
deposito-arl-di-viganello-il-municipio-si-alla-tutela
Lo stabile Arl di Viganello è una testimonianza dell'architettura industriale di inizio Novecento (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
TICINO
10 ore

Le sfide della scuola a distanza

All'assemblea della Conferenza cantonale dei genitori sarà presentata l'indagine ticinese sull'insengamento durante il Covid
Bellinzonese
13 ore

'L'ex oratorio sia un primo passo per la Casa delle culture'

Il Ps auspica che il Municipio non si limiti all'occupazione degli stabili di Giubiasco. Malacrida: 'per il momento ci concentriamo su questo progetto'
Ticino
17 ore

Coronavirus, in Ticino 7 decessi, più ricoveri e più dimissioni

Il numero di casi è leggermente calato rispetto a ieri. L'occupazione dei posti letto negli ospedali rimane invece elevata a 352
Il commento
21 ore

La gioia per le disgrazie altrui

La sfortuna altrui può anche far piacere
Bellinzonese
21 ore

Centro benessere di Acquarossa, pronto il piano di quartiere

I promotori del Sun Village hanno presentato la documentazione necessaria per continuare la procedura edilizia. Molta attenzione all'impatto paesaggistico
Mendrisiotto
21 ore

Ivo Durisch ha deciso: 'Lascio il Municipio di Riva San Vitale'

Il municipale socialista ha rassegnato le dimissioni dopo 16 anni: 'L'ho fatto per dare continuità al lavoro nell'esecutivo'
Locarnese
21 ore

Ascona, così potrà crescere il Castello del Sole

Pronta la variante pianificatoria che permetterà di convertire una zona agricola in area edificabile
Ticino
1 gior

Covid, da domenica Lombardia e Piemonte saranno aree arancioni

Per i ticinesi non dovrebbe cambiare nulla: accesso nelle due regioni confinanti consentito solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità
Ticino
1 gior

Covid e mezzi pubblici, 2'300 firme chiedono più corse

Il Sindacato indipendente studenti e apprendisti consegna la petizione contro i trasporti affollati: il Cantone deve fare di più
Mendrisiotto
1 gior

Ruspe in vista in via Laveggio a Mendrisio

Presentata una domanda di costruzione che prevede di demolire tre vecchi stabili commerciali
Locarnese
1 gior

Locarno, prostituzione, coppia rumena in manette

Da un'inchiesta di Polizia è emerso che sfruttavano tre ragazze straniere che esercitavano la professione, trattenendo parte dei loro incassi
Luganese
1 gior

‘Lugano si attivi per il Pronto soccorso dell'Italiano’

Un'interrogazione rosso-verde chiede al Municipio di domandare al Consiglio di Stato garanzie per la riapertura
Ticino
1 gior

L’accusa di Unia: ‘Impresari poco attenti alla pandemia’

Il sindacato denuncia un certo lassismo sulle misure di protezione. Bagnovini (Ssic-Ti): ‘Piani rispettati e i casi di contagio sono pochissimi’
Ticino
1 gior

‘La pianificazione ospedaliera deve rimanere al Gran Consiglio’

L'Associazione per la difesa del servizio pubblico si schiera contro l'iniziativa parlamentare di Matteo Quadranti (Plr)
Luganese
1 gior

Caso Proto, avviato il processo a Brescia ma senza imputato

L'ex consulente finanziario, espulso dal Ticino, accusato di truffa, ha presentato un certificato medico
TICINO
1 gior

Domani giorno della colletta alimentare

In 9 supermercati del cantone sarà possibile donare prodotti di prima necessità al Tavolino Magico
Luganese
23.10.2020 - 19:280
Aggiornamento : 23:05

Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'

Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza

Sì alla tutela locale dell'autorimessa delle Autolinee regionali luganesi (Arl). Il Municipio di Lugano si allinea alla posizione della maggioranza della Commissione della pianificazione del territorio, che a inizio settembre ha formulato un rapporto positivo sulla mozione del dicembre scorso che chiedeva una modifica del Piano regolatore per salvaguardare lo storico stabile. Le osservazioni dell'esecutivo sono state discusse giovedì e rappresentano un tassello importante su uno dei temi cittadini più dibattuti durante l'ultimo anno.

Scudo di opposizioni al progetto di Artisa

Alla fine del 2019 viene pubblicata una domanda di costruzione che prevede l'abbattimento dello stabile Arl. L'istante, Artisa Sa – che ha sottoscritto anche un diritto di compera da 13 milioni di franchi –, intende costruire un complesso multifunzionale con appartamenti mono e bilocali a bassa pigione, un albergo a tre stelle e una zona multiuso. Un progetto conforme al Piano regolatore (Pr), ma tra dicembre e febbraio fioccano proteste e malumori di vario genere: quattro mozioni (delle quali una in Gran Consiglio), un'interpellanza, un'interrogazione, l'opposizione della Società ticinese per l'arte e la natura (Stan), la presa di posizione critica dell'Associazione cittadini per il territorio di Viganello e perfino una petizione sottoscritta da 1'700 cittadini a salvaguardia dell'edificio. Non manca nemmeno un preavviso negativo dal Cantone, che indica che il progetto non soddisfa il principio di inserimento paesaggistico e urbanistico previsto dalla Legge cantonale sullo sviluppo territoriale.

La società civile e la politica si sono mosse, ma è pur vero che ad oggi non vi è alcuna tutela a favore dell'edificio, sebbene questo sia menzionato come meritevole di conservazione dall'Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere Isos. «Il mantenimento del bene culturale è stato espresso da più parti e in maniera ampia – sottolinea Angelo Jelmini, da noi sentito per confermare la notizia –. Dopo un'attenta analisi come Municipio invitiamo il Consiglio comunale (Cc) ad accogliere la mozione, ma con due precisazioni».

Tutela sì, ma due precisazioni

Innanzitutto, il tema della revisione del Pr per l'esecutivo dovrebbe essere più ampio e non riguardare soltanto lo stabile Arl e le sue adiacenze ma l'intero comparto di via La Santa. «Qualora venissero identificate delle parti che necessiterebbero interventi prioritari, si potrebbero preparare dei moduli appositi per farlo» aggiunge il capodicastero Sviluppo territoriale. Secondariamente, per il Municipio «è opportuno sentire nuovamente i proprietari delle particelle interessate (oltre ad Arl e la Città stessa, Bolliger & Tanzi Sa, ndr). Desideriamo spiegare loro che lo sviluppo urbanistico che intravediamo può essere interessante per loro e non penalizzante, affinché capiscano che stiamo facendo un lavoro proiettato verso una densificazione qualitativa, alternativa a quella che prevede il Pr attuale».

Il Piano regolatore attuale è superato

La Città ha basato infatti la propria decisione anche su uno studio commissionato appositamente che sostanzialmente considera superato il Pr in vigore. Nel 2004, poco prima dell'aggregazione, l'allora Comune di Viganello si dotò di uno strumento che identificava in via La Santa il principale asse urbano, prevedendo una sorta di boulevard affiancato da edifici contigui e caratterizzato sul versante nord da un'alberatura e su quello sud da un porticato. «Lo studio – ancora il municipale – ha dimostrato che quest'idea, ritenuta comunque un gesto urbanistico allora sicuramente importante e condivisibile, si è dimostrata irrealizzata, se non solo molto parzialmente. Inoltre, il Pr risulta essere troppo rigido e non ha tenuto conto sufficientemente del tessuto urbano esistente, della struttura fondiaria e della sensibilità storica». In sintesi, l'idea del boulevard risulta da un lato già abbandonata e dall'altro impraticabile. «La costruzione del campus Usi-Supsi è stata possibile già grazie a un primo cambiamento di Pr, discostandosi quindi dal boulevard – spiega Jelmini –. Vi sono poi almeno un paio di anomalie: oltre a quella nota dello stabile Arl, c'è il condominio Casa Alta: il Pr ne presupporrebbe la demolizione, ma lo riteniamo difficilmente attuabile».

Tutela, con possibilità edificatorie... in altezza

L'idea del boulevard andrebbe quindi messa definitivamente da parte, per «ragionare in modo diverso: i risultati dello studio sono tranquillizzanti. Sono convinto ci siano delle opportunità interessanti, che permettono di coniugare il mantenimento di questo bene culturale significativo per quella zona, senza penalizzare da un profilo fondiario le Arl, conservando le possibilità edificatorie». In sostanza, l'autorimessa – una testimonianza storico-architettonica delle costruzioni industriali di inizio Novecento – rimarrebbe e verrebbe tutelata, ma si potrebbe costruirle attorno. «Andando maggiormente in altezza si andrebbe a recuperare quelle possibilità edificatorie che andrebbero perse dovendo mantenere il bene culturale. Penso a un recupero simile a quello effettuato per il Canvetto luganese».

Incognita Lega/Udc

La palla passa ora al legislativo, dove apparentemente sembrerebbe esserci un certo favore per la tutela dell'edificio. I commissari di Plr (escluso Nacaroglu, che ha firmato con riserva), Ps e Ppd hanno sottoscritto infatti il rapporto. Non così quelli di Lega e Udc, ma è anche vero che a suo tempo sul 'Mattino della Domenica' sono comparsi degli articoli a sostegno dello stabile. Sebbene vi sia un'incognita a destra quindi, i numeri per proteggere l'ex deposito della Ferrovia Lugano-Cadro-Dino sembrerebbero esserci. E da oggi col benestare del Municipio.

© Regiopress, All rights reserved