aggregazione-val-mara-tre-si-e-il-rebus-di-arogno
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 min

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
4 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
13 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
14 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
14 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
14 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
14 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
15 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
15 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
15 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
15 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
16 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Luganese
laR
 
18.10.2020 - 18:46
Aggiornamento : 18.11.2020 - 17:48

Aggregazione Val Mara, tre sì e il rebus di Arogno

Ipotizzabile una soluzione ridotta, ma non è detta l'ultima. Gobbi: faremo delle verifiche con la popolazione

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un sì netto a Maroggia, Melano a Rovio, un no abbastanza risicato da Arogno. Dopo la tornata della votazione consultiva, il progetto del nuovo Comune del Basso Ceresio - a proposito, si è votato pure sul nome, si chiamerà 'Val Mara' - presenta un rebus. Proseguire per una aggregazione a 3? Il Dipartimento delle Istituzioni valuta comunque di prolungare la legislatura nei tre comuni favorevoli. E tentare di recuperare Arogno in extremis, magari attraverso una petizione popolare, come successo recentemente per Sessa, comune 'riammesso' nell'aggregazione di Tresa malgrado un primo no nella votazione consultiva? Il Dipartimento del territorio non intende lasciare nulla d'intentato. Il suo direttore, il consigliere di Stato Norman Gobbi, così ci risponde: "Per Val Mara è un po' sorprendente che sia rimasto Arogno a dire di no, ci si aspettava maggiori criticità altrove. È una aggregazione di opportunità e non di necessità, volute dai singoli COmuni. Quello che faremo come Dipartimento è quello che abbiamo fatto anche con Sessa, cioè coinvolgere anzitutto  la Commissione che ha progettato l'aggregazione, e con la popolazione, per esempio con serate, incontri con la popolazione".

Sicuramente se ne discuterà, intanto il risultato dice che nei 3 comuni favorevoli i sì hanno raggiunto in modo quasi identico il 63%, mentre ad Arogno si sono fermati al 46,74% contro un 53,26% di contrai, una differenza di esattamente 34 schede. Nel complesso dei 4 comuni, i sì totalizzano il 59,26% con una percentuale di votanti del 66,19%. Il nome Val Mara è preferito da 1030 votanti contro 472 che preferirebbero Basso Ceresio. 

Parola ai sindaci (e all'ex sindaco...)

Umori contrastanti a Maroggia, veve si sono trovati i sindaci dei quattro comuni, tutti personalmente favorevoli. Riccardo Costantini, (Rovio), presidente della commissione aggregazione. "Non posso sbilanciarmi più di tanto, purtroppo per una manciata di voti ad Arogno la popolazione si è detta contraria. Se potrebbe stare in piedi una aggregazione a tre? Bisognerà rivedere lo studio, certo Arogno è il comune che ha fatto più opere negli ultimi anni, ma è anche quello con il moltiplicatore più alto. Potrebbe anche essere che loro hanno comunque lavorato così bene che i cittadini preferiscono restare da soli".  Jean Claude Binaghi (Maroggia): "Sono contentissimo, la popolazione ha risposto, sono anche contento che sia passato il nome Val Mara. Peccato per Arogno, va rispettatala volontà popolare. Dal mio punto di vista penso che sia corretto che nasca un nuovo comune, a 3, perché sta in piedi, ma mi rimetto alla deicsione del Gran consiglio". Daniele Maffei (Melano):  "L'aggregazione è passata in modo abbastanza chiaro, sono contento sono stato molto favorevolmente sorpreso di Rovio, e per Maroggia dove il mio stesso partito, il Plr era contro, cosa che mi ha deluso".

Ecco infine Arogno, il Comune che dice no. Il sindaco Corrado Sartori: "La decisione finale spetta al Gran consiglio, vista l'esiguità della differenza c'è la possibilità di raccogliere le firme come è stato fatto a sessa., A livello politico domani abbiamo riunione del Municipio, faremo una riflessione polita: noi eravamo 5 su 5 favorevoli, 21 su 25 in Consiglio comunale. la popolazione ha ovesciato tutto, ma la democrazia ha anche queste armi. Io comunque dopo 21 anni lascerò  spazio ai giovani, ma  l'avrei dato al nuovo comune, perché il Comune di Arogno non solo economicamente, non è messo così bene".

Dall'altra Celso Tantardini, ex sindaco di Arogno, e tra i contrari. "Mi aspettavo sicuramente un voto tirato, perché in queste votazioni giocano molti fattori non valutabili. Il partito più votato qui da noi, ma penso in tutto il Ticino, è il partito dei... senza partito. Arogno è sempre sopravvissuto da solo, chiaro, si riceve un aiuto dal fondo di livellamento, ma questo è sancito da una legge che stabilisce una certa solidarietà verso i comuni che sono in una condizione geografia svantaggiata. SOno molto contento del risultato, perché questo dimostra che la popolazione di Arogno è ancora attaccata al suo paese. Gli altri 3 Comuni hanno tutto il diritto di scegliere il loro destino non credo che adesso ci possano dire che la nostra opinione non c'entra niente, anche poiché non era una aggregazione di necessità. E poi credo che una aggregazione dovrebbe sorgere dal basso e non essere imposta dall'alto, e gestita da nuovi municipi. Io comunque ho fiducia nel Consiglio di Stato".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arogno maroggia melano rovio val mara
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved