in-aula-le-immagini-del-mortale-di-sigirino-sulla-a2
TI-PRESS
Accusato di omicidio intenzionale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Rete mobile carente e i fai da te scontenti della Val Pontirone

Municipio e Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici intimando loro di togliere i ripetitori casalinghi illegali
Ticino
2 ore

La pioggia diserta il Mendrisiotto: ‘è sfortuna, non la regola’

A sud ha piovuto pochissimo, anche quando altrove in Ticino ci sono stati temporali. Marco Gaia (MeteoSvizzera): ‘non c’è un vero motivo scientifico’
Luganese
2 ore

Rovio, analfabetismo emotivo dietro gli spari del papà al figlio

Dallo psichiatra e psicoterapeuta Michele Mattia una chiave di lettura per decifrare il fatto di sangue capitato ad Agno una dozzina di giorni fa
Ticino
11 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
12 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
13 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
13 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
13 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
13 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
13.10.2020 - 11:02
Aggiornamento: 23:52

In aula le immagini del mortale di Sigirino sulla A2

L'imputato tre anni fa falciò a 150 all'ora sulla corsia di destra un motocilista. Aveva assunto psicofarmaci e alcol: fino all'impatto è un buio totale

«Fino all'impatto è un buio totale. Ho avuto delle minime alternanze di lucidità». Non ricorda più nulla, il 39enne in aula da stamane davanti alle Assise criminali per omicidio intenzionale. Ma le immagini dell'incidente avvenuto il 10 novembre 2017 proiettate dalla Corte sono tanto chiare quanto spaventose: l'imputato alla guida di un Suv bianco, a 150 chilometri all'ora, dopo sorpassi temerari a destra e a sinistra sull'autostrada, falcia sulla corsia di destra un motociclista, un 39enne ticinese, trascinandolo sull'asfalto e uccidendolo sul colpo.

L'accusa  ha chiesto 11 anni di reclusione per omicidio intenzionale, la corte lo ha condannato a 10.

Il giudice, Mauro Ermani: «Allora, si è rinfrescato la memoria?». L'imputato scuote la testa. Quel giorno fatale era stato dimesso dall'ospedale psichiatrico cantonale di Mendrisio. Aveva assunto psicofarmaci prescrittigli dai medici e aveva bevuto birre - raggiungendo un tasso alcolemico del 2,6 per mille. «Non so neanche se ho frenato.... » «Sì, dalle immagini si vede bene che aveva frenato» - gli ricorda il giudice.

«Se ho un problema con la droga? Sicuramente ne ho avuti, anche con l'alcol. RIspetto allora non ho più usato e non avverto più bisogno, soprattutto psicologico, grazie alle cure». L'imputato dal marzo 2018 è nella comunità di Villa Argentina. «Mi è stata data la misura, la possibilità di uscire dal carcere, sono uscito dalla Farera per intraprendere questo percorso terapeutico». 

Quel 10 novembre, di tre anni fa, alle 16.57, lungo l'autostrada A2 all'altezza di Sigirino, direzione nord sud, tentando un sorpasso sulla corsia di destra, provocò la morte quasi sul colpo dello scooterista. Il conducente, allora 36enne, è accusato in via principale di omicidio intenzionale, subordinatamente omicidio colposo. Il tasso alcolemico registrato è del 2,6 per mille. Dopo aver "effettuato sorpassi temerari a destra e manovre di uscita e di rientro vietate, perdendo la padronanza dell'autovetura, ostacolando e mettendo così in pericolo gli altri conducenti" - si legge nell'atto d'accusa stilato dal pp. Nicola Respini. A suo favore, la perizia ha ravvisato una scemata imputabilità, di grado leggero-medio e ha raccomandato una terapia stazionaria. Il processo durerà l'intera giornata per ricostruire con esattezza le responsabilità dell'imputato. Molte le testimonianze lette dal giudice di conducenti che quel 10 novembre hanno assistito alla guida folle dell'imputato, il quale a più riprese sostiene di non ricordare quasi nulla. Agli atti la perizia psichiatrica: disturbo di personalità, rabbia immotivata, bassa tolleranza alla frustrazione, sentimenti di disagio, aspetti persecutori che tuttavia non denotano una malattia psichiatrica.

Leggi anche:

Mortale Sigirino: 'è omicidio intenzionale', pena di 11 anni

Mortale di Sigirino: 10 anni per omicidio intenzionale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved