pink-panther-arrestati-a-pregassona-sul-banco-degli-imputati
Pochi giorni dopo l'arresto i quattro vennero trasferiti a Zurigo (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
24 min

L’Ordine degli avvocati: tutorie, sì al sistema giudiziario

La riforma proposta dal Dipartimento istituzioni convince l'Oati: riorganizzazione 'necessaria e urgente'. Chiusa la consultazione: circa 130 le prese di posizione
Locarnese
11 ore

Losone, sfida al sindacato con i guanti di velluto

Intervista ai candidati Bianda (Ppd) e Catarin (Plr): uno scontro fra due amici e colleghi di Municipio. Ma qualche differenza di veduta emerge
Luganese
11 ore

Cadempino, si volta pagina in condizioni mutate

Faccia a faccia tra i candidati alla carica di sindaco, Tom Cantamessi e Juri Bonizzi
Ticino
12 ore

Scuole medie, professionali e speciali: nomine

Le decisioni del Consiglio di Stato per quanto riguarda direzioni e vicedirezioni degli istituti
Ticino
12 ore

Ancora pochi giorni per partecipare al Premio di giornalismo Atg

La scadenza per inoltrare i propri lavori è il 10 maggio. Le categorie sono cinque: stampa scritta, televisione, radio, fotografia e online
Ticino
13 ore

La Prestazione ponte Covid si rafforza e si allunga

Aumentati gli importi massimi, eliminato il limite dei 65 anni, adeguate le soglie e prorogata fino al 31 dicembre. De Rosa: 'Aiuteremo più persone'
Luganese
13 ore

In Valmara, American flag virtuale

La mostra della Artust coinvolgerà quattro Comuni del Basso Ceresio
gallery
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio, quando la fotografia è anche memoria

Piazzale alla Valle ospita fino al 24 maggio la mostra "Tracce della memoria", esposizione itinerante a cura dell'agenzia fotografica Ti-Press
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Terza corsia A2, i contrari a Palazzo federale con 6'300 firme

Consegnata la petizione che fa muro al progetto dell'Ustra. Ad aderire cittadini di Mendrisiotto, Basso Ceresio e Luganese
Luganese
14 ore

San Salvatore, in vetta per la festa

Annunciate per domenica novità e animazioni per celebrare le mamme alle quali gli ospiti potranno fare gli auguri e liberarli in cielo.
Locarnese
14 ore

Minusio, scatta la polemica sul vicesindacato

Alessandro Mazzoleni (Uniti x Minusio) privato della carica dopo 7 anni: ‘Triste e deluso’. Il Municipio a maggioranza assoluta Plr gli ha preferito Mondada
Luganese
23.09.2020 - 19:160

Pink Panther arrestati a Pregassona sul banco degli imputati

Chieste a Zurigo pene fra i 5,5 e i 7 anni a carico dei tre dei quattro presunti membri della banda arrestati dalla Polizia cantonale

Tre dei quattro presunti membri della banda balcanica di rapinatori di gioiellerie denominata "Pink Panther", arrestati nel febbraio 2018 a Pregassona dalla Polizia cantonale, sono da oggi a processo davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo. Pochi giorni dopo l'arresto, un 37enne cittadino croato, un 38enne bosniaco, un 39enne croato e un 41enne serbo vennero trasferiti in diverse prigioni della città sulla Limmat e l'inchiesta passò nelle mani della procura zurighese che come primo passo chiese per tutti la detenzione preventiva. Come si ricorderà, il quartetto si stava preparando a mettere a segno una rapina contro uno o più obiettivi nel centro di Lugano, in via Nassa e a Gstaad (Be) come emerse successivamente. La notizia face scalpore siccome il nome della banda, formata da ex militari dei Balcani è nota per rapine spettacolari effettuate in gioiellerie di tutto il mondo. 

Preparativi sorvegliati per mesi

La polizia li aveva sorvegliati per mesi ed era riuscita a piazzare un microfono nella loro auto, sentendo così i piani malavitosi riguardanti il colpo nel centro di Lugano. L'atto d'accusa mostra quanto meticolosamente agivano i tre nei preparativi del colpo: hanno spiato per giorni i negozi presi di mira, hanno organizzato via internet l'affitto di un appartamento adeguato nei pressi del confine per nascondersi dopo la rapina e si sono procurati, a Milano, armi e targhe false. I tre scooter con cui volevano fuggire dopo la rapina pianificata a Lugano sono invece stati organizzati in luoghi diversi, tra cui Zurigo, mentre il furgone con cui volevano portarli in Ticino è stato noleggiato nel canton Sciaffusa. Non solo. La banda ha effettuato vari viaggi di prova con gli scooter, ha percorso il centro di Lugano a piedi, sperimentato la via di fuga e visitato a più riprese le gioiellerie prese di mira, in modo da capire quante persone vi lavorassero e quali dispositivi di sicurezza vi fossero. Ancor prima del colpo previsto a Lugano, due di essi hanno "ispezionato", sempre con le stesse modalità, una gioielleria a Gstaad. Sarebbe stata la prossima sulla lista di quelle che volevano derubare. Nel giorno in cui avevano programmato la rapina in via Nassa la polizia canzonale li ha però arrestati. Poi sono stati trasferiti in diverse prigioni zurighesi.

La sentenza domani pomeriggio

Il ministero pubblico zurighese chiede per i tre imputati pene detentive comprese tra cinque anni e mezzo e sette anni, l'espulsione dalla Svizzera per dieci e quindici anni e pene pecuniarie di 30 aliquote giornaliere per tentata rapina e altri delitti. L'espulsione va iscritta nel sistema d'informazione di Schengen: i tre non potrebbero più entrare in nessun paese dello Spazio di Schengen. Gli avvocati hanno invece sostenuto che i loro assistiti non sono membri dei "Pink Panther", ma solo semplici turisti del crimine. Per il 39enne, il legale ha chiesto una pena detentiva di due anni sospesa con la condizionale, mentre i difensori del 42enne e del 44enne hanno invocato l'assoluzione. In aula i tre - con le manette ai polsi e alle caviglie - hanno negato tutte le accuse mosse nei loro confronti. La sentenza è attesa per domani pomeriggio. Un quarto membro della banda arrestato a Pregassona sarà processato separatamente perché, invece, ha confessato la tentata rapina.

Colpi spettacolari in tutto il mondo

Da anni i Pink Panther compiono, in diverse formazioni, rapine spettacolari in gioiellerie di tutto il mondo. La banda criminale formata da ex militari dei Balcani avrebbe collegamenti fino agli alti livelli in ambienti della politica e della polizia. Caratteristica è la preparazione meticolosa dei colpi e la loro rapida attuazione in piccoli gruppi, in cui ognuno ha un ruolo preciso. Ma perché Pink Panther (Pantera rosa)? Il nome fu affibbiato alla banda dagli inquirenti inglesi in seguito a un colpo messo a segno nel 2003 a Londra: in quell'occasione i poliziotti di sua Maestà trovarono una pietra preziosa nascosta in una confezione di crema per il viso, proprio come nel film "La pantera rosa" del 1963. Il nome sembra piacere agli stessi rapinatori, che in alcuni casi hanno indossato delle camicie di color rosa durante le rapine.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved