lugano-la-capogruppo-socialista-simona-buri-lascia-il-cc
Simona Buri durante l'assemblea del Ps di Lugano il gennaio scorso, quando è stata esclusa dalla lista per le elezioni comunali (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
29 min

Riva San Vitale, Beach volley ritirato ma sarà riproposto

L’Esecutivo ha ritirato il discusso messaggio sul progetto al Lido comunale e stigmatizza le ‘pressioni esterne’. Ridotto il moltiplicatore all’80%
Bellinzonese
31 min

858 posti Pci all’interno della Gottardo Arena

Approvata la liquidazione, per un importo di tre milioni di franchi, a favore della Valascia Immobiliare Sa per la realizzazione delle strutture protette
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, prolungata la mostra Kiki Berta e il Quadrato magico

Alla Galleria Job l’esposizione sarà aperta al pubblico fino al 26 febbraio
Locarnese
1 ora

Più su il livello del Lago Maggiore, preoccupato il Cantone

Il Dipartimento del territorio: “In gioco c’è la sicurezza contro le esondazioni e la tutela degli ambienti naturali protetti delle Bolle di Magadino”
Ticino
1 ora

Nel weekend test Covid al ‘drive-in’ a Rivera e in 3 check-point

Disponibili anche diverse farmacie sul territorio cantonale. Necessaria la prenotazione online
Bellinzonese
1 ora

Riviera ha più abitanti e attività economiche

Nel 2021 la popolazione è cresciuta di 65 unità mentre i nuovi insediamenti sono stati 36
Ticino
2 ore

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
4 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
4 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
7 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
7 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
13 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
16 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
17 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
23.09.2020 - 06:000

Lugano, la capogruppo socialista Simona Buri lascia il Cc

Se ne va per motivi professionali e di conciliabilità con il Gran Consiglio, ma con la sezione i rapporti si sono raffreddati. Ultima seduta: 5 ottobre

Valzer rosa in casa rossa a Lugano. Cambiamenti all'orizzonte alla sinistra del legislativo cittadino, a pochi mesi dalle elezioni comunali posticipate all'aprile 2021: la capogruppo socialista Simona Buri e Nina Pusterla lasceranno il Consiglio comunale (Cc) e saranno sostituite rispettivamente da Beatrice Reimann ed Elena Rezzonico. Sebbene la notizia fosse nell'aria, Buri ha informato la sezione soltanto dopo il Cc di luglio: la sua ultima seduta sarà quella del 5 ottobre. Pusterla, che non si è ricandidata lo scorso aprile, resterà in carica fino alla fine dell'anno.

'Sarebbe stato troppo, non ce l'avrei fatta'

«Sarebbe stato troppo, non ce l'avrei fatta». Le ragioni dell'addio alla politica locale della capogruppo sarebbero dovute a una difficoltà di conciliare l'altro impegno politico, aggiuntosi nell'aprile del 2019: l'elezione in Gran Consiglio (Gc). E poi motivi famigliari e professionali: «Sono madre di tre figli e dal 1° ottobre inizierò a lavorare come consulente alla Mobiliare Assicurazioni di Lugano». «Avrei dato le dimissioni già dopo l'elezione in Gc – confida Buri –. Poi mi è stato chiesto di restare fino alla fine della legislatura. Ho accettato, ma è stata dura conciliare il doppio ruolo. E poi nel frattempo a causa della pandemia e del rinvio delle elezioni un anno è diventato due. Ho quindi comunicato alla sezione che sarei andata avanti quel poco finché non fosse arrivato un momento più tranquillo per il trapasso degli incarti. E questo momento è giunto».

Campagna movimentata e tensioni

Dietro all'uscita di scena non ci sarebbero quindi le tensioni con la sezione locale, culminate nel gennaio scorso con l'esclusione della granconsigliera dalla lista rossoverde per il Municipio. «No, il motivo non è quello – assicura –. Avrei voluto candidarmi soltanto per l'esecutivo, perché mettendomi in lista per il Cc ci sarebbe stato il rischio di una rielezione, che avrebbe significato mantenere il doppio impegno. D'altra parte mi sarebbe invece piaciuto dare una mano a livello di voti per tentare il raddoppio in Municipio». Una soluzione non accettata dal partito. Il colpo di scena è arrivato all'assemblea dell'8 gennaio: dopo un'iniziale rinuncia della capogruppo, l'autocandidatura sia per legislativo che per esecutivo, la sorpresa in sala, la discussione infine la votazione che ne ha sancito la definitiva esclusione dalla rosa.

'I rapporti si sono raffreddati'

Da allora tuttavia i rapporti non sono migliorati: «Sì, si sono un po' raffreddati – ammette la capogruppo –, ma nessuno è indispensabile. E poi non voglio dare adito a polemiche, non sono il mio genere. Preferisco lasciare adesso e dare spazio a persone nuove affinché abbiano il tempo di farsi conoscere in questi mesi, di valutare com'è il lavoro in Consiglio comunale, per poi ad aprile avere più chances di essere eletti». La subentrante Beatrice Reimann – assistente sociale e coordinatrice dell'Associazione malattie genetiche rare Svizzera italiana –, sebbene abbia già una lunga esperienza nel legislativo di Zurigo, non figurava nella lista per aprile 2020. «Vero, ma mi auguro che questi pochi mesi la entusiasmino e che cambi idea».

'Lascio senza rimpianti'

La 42enne di Cimadera, nonostante le recenti amarezze, lascia comunque «senza rimpianti»: «Sono contenta di essere riuscita più volte a esprimere la voce dei quartieri periferici per far capire che Lugano non è solo il centro città e sono felice di aver contribuito alla rivalutazione delle commissioni di quartiere». Resta ora l'attività in Gc. A livello cantonale la granconsigliera è salita alla ribalta l'inverno scorso in quanto candidata con Evaristo Roncelli alla co-presidenza del partito. «Avevo accettato per offrire un'alternativa interna – ricorda –. All'interno del Ps non siamo tutti uguali, c'è chi è più moderato e chi meno. A me quel che interessa è portare avanti le mie idee: di Sinistra, sociali e ambientali. Dare il mio contributo. Resto una persona al di fuori da determinati giochi. Io non sono nessuno, non faccio parte di nessuna famiglia, non sono stata portata da nessuno in politica».

Subentranti: Beatrice Reimann a Buri ed Elena Rezzonico a Pusterla

Oltre a Buri – entrata in Cc nel 2013 e diventata capogruppo nel 2016 –, si appresta a lasciare il legislativo anche Nina Pusterla, che pure siede nella commissione della Gestione. A lei subentrerà un'altra donna: Elena Rezzonico, più volte in lista in passato e membro del comitato socialista di Lugano. Mentre Carlo Zoppi, già vice, diventerà capogruppo, non è invece ancora noto chi sostituirà le due uscenti in Gestione.

© Regiopress, All rights reserved