travolto-dalla-cocaina-grazie-che-mi-avete-arrestato
TI-PRESS
Tanta droga spacciata
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 sec

Tesserete ancora senza ‘Or Penagin’

Municipio e associazione Carnevale annunciato la rinuncia all’edizione a causa dei timori legati all’andamento della situazione pandemica
Locarnese
1 min

‘Azioni Kursaal, si proceda’. Ma occhio alla questione Casinò

Rischi minori dei benefici: la Gestione di Locarno favorevole all’acquisto delle quote dell’Otlmv da parte della Città, per diventare maggiore azionista
Grigioni
37 min

Ricordando il poeta di Mesocco Remo Fasani

Tra un anno la Pgi organizzerà una giornata di studio all’Università di Zurigo. Per partecipare sarà necessario l’invio e l’approvazione di un contributo
Mendrisiotto
1 ora

Corsie autostradali, anche Plr e Ps fanno muro contro l’Ustra

Dopo il Ppd altre forze politiche del Distretto si sollevano per dire ‘no’ all’area di sosta riservata ai Tir
Bellinzonese
1 ora

Una mostra per i cinquant’anni di Comunità familiare

L’esposizione è allestita nella sede di Bellinzona di Antenna Icaro ed è costituita da un ciclo di 12 opere
Ticino
2 ore

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
2 ore

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
3 ore

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Ticino
4 ore

Studi medici e farmacie a disposizione per la dose di richiamo

Il Cantone potenzia il dispositivo per la somministrazione della dose di richiamo agli over 65 e si prepara per l’apertura a tutta la popolazione
Luganese
06.08.2020 - 11:530
Aggiornamento : 14:19

Travolto dalla cocaina: 'grazie che mi avete arrestato'

Una vicenda di riscatto personale alle Assise criminali di Lugano. Invalido spacciò chili di cocaina e marijuana, pena sospesa

«Sin dal primo giorno del suo primo interrogatorio, avvenuto il 10 aprile 2019, mi ha ringraziata per averlo arrestato. E lo stesso ha fatto ad ogni verbale, ha ringraziato le autorità giudiziaria, tutti gli agenti». Così la procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo, ha dichiarato stamane durante la sua requisitoria all'inedito processo alle Assise criminali di Lugano a carico di un 41enne luganese di origini italiane, invalido, che ha ammesso da subito le proprie responsabilità: traffico di oltre 1,2 chili di cocaina e di 2,7 chili di hascisc, tra il 2014 e il 2019, vendite a consumatori luganesi. Trentamila franchi di guadagno, «ma non l'ho mai fatto per lucro, bensì per finanziare il mio consumo personale» - ha evidenziato l'imputato, che ha raccontato il suo inferno e il suo purgatorio: «Ho iniziato per la mia malattia, ero depresso e ho iniziato a consumare cocaina per lenire i dolori. Ma ora da 1 anno e 4 mesi non faccio più uso di droghe, ora riesco a vedere il sereno della vita e ho capito che con la droga si perde tutto, si perde ogni affetto, si perde la realtà. Grazie al mio percorso con lo psicologo ho ricominciato a vivere». La sua legale, l'avvocatessa Silvia Gianetta, ha fatto sapere che il suo cliente gli aveva confidato di "avere già un piede nella fossa e chi mi ha arrestato mi ha salvato la vita". Importante, infatti, il consumo personale di dosi alle quali era giunto l'uomo: un chilo di cocaina e un chilo di marijuana in pochi anni. 

Presto a processo il suo fornitore e il complice, la droga spacciata nel Luganese 

La pp Lanzillo ha chiesto per il 41enne una pena di 3 anni di carcere, dei quali 6 da scontare e la rimanenza sospesa con la condizionale.  Lo stesso magistrato ha ammesso le diverse attenuanti dell'imputato: ha spacciato per garantirsi il consumo personale, non ha lucrato e gli va riconosciuta una scemata responsabilità per il forte consumo attestato. Ha inoltre contribuito all'arresto del suo fornitore che presto sarà processato e dell'"amico di merende" che lo aiutava a spacciare sulla piazza di Lugano. Senza le sue ammissioni - ha riconosciuto la pp Lanzillo - l'inchiesta non sarebbe stata in grado di attestare questi importanti quantitativi di droga. L'imputato è stato smascherato da una cliente consumatrice che comprava da lui, e da quel momento il suo telefono è stato posto sotto controllo dagli inquirenti.

La difesa si è battuta per una pena di due anni completamente posta al beneficio della sospensione condizionale. Durante la sua arringa ha messo in evidenza la sofferenza della malattia che lo ha costretto all'invalidità dal 2006 e la sua capacità di riscattarsi da una brutta vicenda di droga e di «risvegliare la propria voglia di vivere e di guardare il futuro con più ottimismo».
La Corte, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, ha accolto le attenuanti evocate dalle parti e ha condannato il 41enne a una pena di 24 mesi sospesa con la condizionale per 2 anni, come richiesto dalla difesa. La Corte ha giudicato oggettivamente e soggettivamente gravi i fatti, il 41enne era divenuto "imprenditore di se stesso". «Da consumatore non potevano sfuggirgli gli effetti nefasti che procura la droga» - ha evidenziato il presidente. La Corte ha tenuto conto dell'ampia collaborazione fornita: l'atto d'accusa si basa sulle sue ammissioni. All'imputato è stato riconosciuto il sIncero pentimento, di qui la riduzione massiccia della pena.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved