laRegione
Nuovo abbonamento
pregassona-criticato-per-aver-filmato-la-lite-si-difende
Il luogo del fatto di sangue a Pregassona (Foto Rescue Media)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

I corsi d'acqua momò tornano a 'vivere'

Due milioni e mezzo per rinaturare il Müfeta a Morbio Inferiore. Nel Mendrisiotto è in atto un 'cambio di rotta'
Bellinzonese
3 ore

Morobbia Trail, nuovo percorso per gli appassionati del genere

Un gruppo di amici si è rimboccato le maniche pulendo un sentiero in disuso e organizzando una gara per professionisti e una popolare previste nel 2021
Bellinzonese
8 ore

I campeggi del Bellinzonese resistono al Covid

L’estate soleggiata ha permesso di registrare una buona affluenza. Da considerare perso il periodo primaverile del lockdown
Ticino
8 ore

Ex funzionario Dss, Dadò rilancia: ‘Audit esterno indipendente’

Dopo la bocciatura della proposta di commissione d'inchiesta il presidente del Ppd torna alla carica con una mozione. E sul dibattito è polemica col Plr
Ticino
8 ore

Mezzi pubblici sovraffollati, un problema per gli studenti

Il Sisa chiede 'di introdurre corse supplementari verso i principali centri formativi del cantone'
Bellinzonese
19 ore

'Mi gira la testa': serata sulle labirintiti

Si terrà alla Casa del popolo giovedì 1° ottobre con l'ATiDU
Ticino
19 ore

Radar, settimana prossima ce n'è per tutti

Ecco le località dove sono previsti i controlli di velocità da lunedì 28 settembre a domenica 4 ottobre.
Luganese
20 ore

Gentilino: se il pirata della strada è... un poliziotto

Un agente della Polizia cantonale, incappato in un radar in Collina d'Oro l'anno scorso durante il servizio, sarà giudicato alle Assise correzionali
Ticino
21 ore

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

I magistrati sono però ancora in attesa di una risposta dal Consiglio della magistratura e dalla commissione parlamentare
Luganese
22.07.2020 - 17:120
Aggiornamento : 18:15

Pregassona, criticato per aver filmato la lite, si difende

Dopo la testimonianza della donna che l'ha accusato di aver fatto il video e basta, replica: 'Ho filmato, ma sono anche intervenuto'

«Non è vero che sono rimasto passivo, c'è un'inchiesta in corso e non posso spiegarlo, ma sono intervenuto». Ha 60 anni Luca (vero nome noto alla redazione) e non ci sta a passare per menefreghista. Si tratta dell'uomo che lunedì pomeriggio ha filmato la lite sfociata in un'aggressione con accoltellamento di fronte all'Aldi di Pregassona. Nell'intervista che ci ha rilasciato ieri Paola – la donna che è riuscita a convincere l'aggressore a mollare il coltello –, lei, minuta, l'ha descritto come «un armadio di uomo», rimproverandogli il fatto di aver filmato e di non essere intervenuto. Una versione dei fatti sbagliata secondo Luca, che ci ha contattati per spiegare il suo punto di vista dell'accaduto, al quale diamo volentieri spazio: emergono ulteriori aspetti del violento alterco.

Quando si è accorto dell'aggressione?

Prima che diventasse tale. Ero lì anch'io per fare la spesa, quando ho parcheggiato loro due erano già lì, si stavano spintonando e ho visto che c'era una donna con bambini intimorita, gli ho detto di smetterla e mi hanno dato retta. Quando sono uscito dal negozio erano ancora lì: stavano litigando ma senza contatto fisico. Pensavo stessero risolvendo, ma nel giro di pochi secondi – il tempo di andare a prendere l'auto – la situazione è degenerata: ho visto il sangue, le ferite al volto, il coltello. 

E che ha fatto?

Sono intervenuto, ho cercato di dividerli. Di più non posso dire perché c'è un'inchiesta in corso, ma non sono rimasto lì a guardare. E quando loro due erano ormai a terra come si vede nel video, ed è arrivata la donna (Paola, ndr), ho chiamato la polizia.

Ma come mai ha fatto il video?

L'ho fatto per immortalare il coltello, perché ho immaginato che sarebbe potuto sparire. E infatti, dopo averglielo sfilato la donna a un certo punto glie l'ha ridato (come ammesso da Paola stessa: su insistente richiesta dell'accoltellatore stesso, che dopo l'avrebbe buttato sul tetto del negozio dove sarebbe stato ritrovato dagli agenti, ndr). Ma non era da ridare: avrebbe potuto ferire di nuovo l'aggredito o altre persone. E ci tengo anche a puntualizzare che non sono stato io a diffondere il video sui social.

Ricordiamo che a seguito del violento litigio, un 37enne iracheno è stato arrestato ed è accusato di tentato omicidio, esposizione a pericolo della vita altrui, lesioni gravi e lesioni semplici qualificate. A causa delle ferite subite, il 36enne suo connazionale è stato invece ricoverato all'ospedale.

© Regiopress, All rights reserved