ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
19 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
20 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
2 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
2 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
3 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
laR
 
22.07.2020 - 17:12
Aggiornamento: 18:15

Pregassona, criticato per aver filmato la lite, si difende

Dopo la testimonianza della donna che l'ha accusato di aver fatto il video e basta, replica: 'Ho filmato, ma sono anche intervenuto'

pregassona-criticato-per-aver-filmato-la-lite-si-difende
Il luogo del fatto di sangue a Pregassona (Foto Rescue Media)

«Non è vero che sono rimasto passivo, c'è un'inchiesta in corso e non posso spiegarlo, ma sono intervenuto». Ha 60 anni Luca (vero nome noto alla redazione) e non ci sta a passare per menefreghista. Si tratta dell'uomo che lunedì pomeriggio ha filmato la lite sfociata in un'aggressione con accoltellamento di fronte all'Aldi di Pregassona. Nell'intervista che ci ha rilasciato ieri Paola – la donna che è riuscita a convincere l'aggressore a mollare il coltello –, lei, minuta, l'ha descritto come «un armadio di uomo», rimproverandogli il fatto di aver filmato e di non essere intervenuto. Una versione dei fatti sbagliata secondo Luca, che ci ha contattati per spiegare il suo punto di vista dell'accaduto, al quale diamo volentieri spazio: emergono ulteriori aspetti del violento alterco.

Quando si è accorto dell'aggressione?

Prima che diventasse tale. Ero lì anch'io per fare la spesa, quando ho parcheggiato loro due erano già lì, si stavano spintonando e ho visto che c'era una donna con bambini intimorita, gli ho detto di smetterla e mi hanno dato retta. Quando sono uscito dal negozio erano ancora lì: stavano litigando ma senza contatto fisico. Pensavo stessero risolvendo, ma nel giro di pochi secondi – il tempo di andare a prendere l'auto – la situazione è degenerata: ho visto il sangue, le ferite al volto, il coltello. 

E che ha fatto?

Sono intervenuto, ho cercato di dividerli. Di più non posso dire perché c'è un'inchiesta in corso, ma non sono rimasto lì a guardare. E quando loro due erano ormai a terra come si vede nel video, ed è arrivata la donna (Paola, ndr), ho chiamato la polizia.

Ma come mai ha fatto il video?

L'ho fatto per immortalare il coltello, perché ho immaginato che sarebbe potuto sparire. E infatti, dopo averglielo sfilato la donna a un certo punto glie l'ha ridato (come ammesso da Paola stessa: su insistente richiesta dell'accoltellatore stesso, che dopo l'avrebbe buttato sul tetto del negozio dove sarebbe stato ritrovato dagli agenti, ndr). Ma non era da ridare: avrebbe potuto ferire di nuovo l'aggredito o altre persone. E ci tengo anche a puntualizzare che non sono stato io a diffondere il video sui social.

Ricordiamo che a seguito del violento litigio, un 37enne iracheno è stato arrestato ed è accusato di tentato omicidio, esposizione a pericolo della vita altrui, lesioni gravi e lesioni semplici qualificate. A causa delle ferite subite, il 36enne suo connazionale è stato invece ricoverato all'ospedale.

Leggi anche:

Lite col coltello a Pregassona, due feriti

Lite a Pregassona, la donna intervenuta: 'Non sono un'eroina'

Lite di Pregassona, 37enne accusato di tentato omicidio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved