philipp-plein-unia-piu-che-morale-o-immorale-illegittimo
La sede di Cassarate del noto marchio di moda tedesco Philipp Plein (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
55 min

Diploma d’onore a quattro agenti della Polizia cantonale

Sono stati premiati dalla Fondazione Carnegie per i salvatori di vite umane per aver impedito che un conducente in contromano provocasse un incidente
Mendrisiotto
3 ore

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Luganese
3 ore

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
3 ore

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
9 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
9 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
13 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
14 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
09.06.2020 - 16:49
Aggiornamento : 17:31

Philipp Plein, Unia: 'Più che morale o immorale, illegittimo'

Il segretario regionale Giangiorgio Gargantini sui tagli: 'Il lavoro ridotto non è una misura di sostegno alle aziende, ma di preservazione dell'impiego'

«Più che morale o immorale, illegittimo». Non sono piaciute a Giangiorgio Gargantini le dichiarazioni di Philip Plein ("In assenza di prospettive, non licenziare è immorale"), pubblicate stamattina da 20Minuti/Tio. Lo stilista tedesco, ricordiamo, ha svelato di aver licenziato una trentina – su 110, a marzo – di dipendenti durante la pandemia, a causa della crisi da Covid-19. L'azienda, con sede a Cassarate, ha tuttavia anche chiesto e ottenuto le indennità per il lavoro ridotto.

'Il lavoro ridotto serve per evitare i licenziamenti'

«Il lavoro ridotto non è una misura di sostegno economico alle aziende, ma di preservazione dell'impiego – sottolinea il segretario regionale di Unia, da noi sentito –. Quindi per evitare dei licenziamenti. Se lo si richiede sapendo già che si licenzierà è comunque immorale, perché si è chiesto alla collettività pubblica dei finanziamenti per evitare una decisione che comunque è già stata presa. Bisogna fare tutto il possibile per evitare i licenziamenti».

Licenziamenti collettivi o a scaglioni?

Il sindacalista aggiunge che una trentina di dipendenti su poco più di 100 iniziali è una percentuale elevata. Qualora questi tagli siano avvenuti in blocco, è anche possibile che si sia superato il limite (che scatta alla decima unità) del licenziamento collettivo. «In tal caso ci sarebbero degli obblighi da rispettare, dalle consultazioni alle informazioni al Cantone. Ma non abbiamo però ricevuto informazioni in merito». È possibile infatti che i tagli siano avvenuti a scaglioni: già a inizio aprile il noto marchio di moda aveva annunciato una prima ondata (7) di licenziamenti. Abbiamo provato a prendere contatto con l'azienda di Cassarate, ma per il momento senza ottenere risposta in merito.

Nel mercato del lavoro hanno pagato per primi precari, stagionali, interinali

Allargando il discorso sul mercato del lavoro, Gargantini ci spiega che «siamo ancora in una situazione intermedia, ancora nel periodo del 'doping del lavoro ridotto', una visione precisa l'avremo solo fra un paio di mesi quando tutte le attività avranno realmente ripreso. Tuttavia, quel che vediamo è che chi ha già perso il lavoro sono prevalentemente lavoratori precari, interinali, stagionali. Alcuni settori economici, turismo e servizi in primis, sono per ora più toccati di altri. Nel turismo la quasi totalità degli stagionali ad esempio non sono entrati a inizio primavera. Questi non risultano però nelle statistiche dei licenziati. Nel settore industriale per il momento è più difficile da valutare».

Leggi anche:

Lugano, una trentina di licenziamenti alla Philipp Plein

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved