ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
2 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
3 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
4 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
4 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
5 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
5 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
6 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
6 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
6 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
6 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
6 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
6 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
30.01.2020 - 06:10

Toto-elezioni a Lugano: il Plr rischia più del Ppd

I liberali con un seggio in meno e il raddoppio dei rosso-verdi: questo lo scenario più realistico sulla base delle elezioni cantonali e federali del 2019

toto-elezioni-a-lugano-il-plr-rischia-piu-del-ppd

Il Ppd o il Plr perderanno un seggio? La Lega saprà difendere la propria maggioranza relativa? L’area rosso-verde sarà in grado di fare il raddoppio? E poi ancora: le nuove formazioni – Movimento Ticino e Lavoro, Mps/Pop e Più Donne – riusciranno a far breccia perlomeno in Consiglio comunale (Cc)? A Lugano è arrivata l’ora di fare i calcoli. Dopo le turbolente fasi di ricerca e approvazione dei candidati per le elezioni comunali di aprile, la campagna elettorale entra nel vivo.

A differenza del 2016 – quando dalle urne scaturì un Municipio fotocopia, a eccezione dell’ingresso di Roberto Badaracco al posto dell’uscente Giovanna Masoni Brenni –, regna l’incertezza. Non solo per i già numerosi colpi di scena che questa prima fase ha regalato, ma anche perché gli equilibri di rappresentanza potrebbero subire delle mutazioni.

Basandoci sui quozienti elettorali per la ripartizione dei seggi – consultabili sul sito www.ti.ch/diritti-politici –, abbiamo quindi provato a fare un esercizio per capire quali sono le soglie che determineranno l’avanzata, la difesa o la perdita delle posizioni di partito. Una sorta di simulazione quindi, in considerevole parte di fanta-politica però. È importante precisare che, in particolare per il Cc, l’assegnazione dei seggi dipenderà da parametri flessibili che saranno noti unicamente a spoglio concluso, come ad esempio il numero totale di voti. Riguardo al Municipio, tuttavia, qualche certezza c’è. Per le nostre proiezioni ci siamo basati sui voti a Lugano durante le elezioni cantonali di aprile 2019 e quelle nazionali di ottobre.

È sicuro infatti che per eleggere almeno un rappresentante in esecutivo, i partiti devono superare il 12,5% dei consensi. La formazione più vicina a questa soglia, alle comunali, era stato il Ppd dell’uscente Angelo Jelmini. Allora i voti – compresi quelli dei già ‘congiunti’ Verdi liberali – furono il 13,5%. Difficile dire se il partito abbia perso o meno l’1% nel quadriennio. Il municipale che non si ripresenta e tensioni interne, con tanto di consiglieri comunali ben votati come Sara Beretta Piccoli e Giovanni Albertini che corrono col Movimento Ticino e Lavoro: sulla carta il Ppd è molto a rischio.

Raddoppio rosso-verde e un solo Plr

Prima di decretarne il requiem, è necessaria però un’importante dose di prudenza. Agli ultimi appuntamenti elettorali, il Ppd (sempre congiunto coi Verdi liberali, nei nostri calcoli) non ha sfigurato: il 14,2 e il 15,6% rispettivamente per Gran Consiglio e Consiglio di Stato alle elezioni cantonali, il 15% al Consiglio nazionale lo scorso ottobre. Elezione che vai, dinamica che trovi, certo. Ma stando agli ultimi test alle urne il Ppd rischia, ma potrebbe riuscire nel suo obiettivo principale: confermare il seggio.

Discorso diverso nell’altro partito centrista, il Plr. In flessione già nel 2016 rispetto al 2013 – dal 33,2 al 31,4% –, per confermare i due municipali i liberali dovrebbero fare almeno il 25%. Un compito all’apparenza semplice, se non che la locomotiva elettorale, il vicesindaco Michele Bertini, non sarà della partita, e alle elezioni cantonali e federali il partito figura tra gli sconfitti: 23,9% (Consiglio di Stato), 24,3% (Gran Consiglio) e 20,3% (Consiglio nazionale), le preferenze raccolte. Pare forse un po’ azzardato da dire, visto che dovrebbe lasciare sul campo oltre il 6% dei voti, ma ad oggi a perdere il seggio potrebbe essere proprio il Plr.

Con altrettanta prudenza, si potrebbe ipotizzare che a rubargli il seggio potrebbe essere il fronte rosso-verde. Ps, Verdi e Comunisti nel 2016 si fermarono al 16,7%, ben lontani dal 25% del raddoppio. Se ad aprile le tre formazioni assieme erano ancora sotto alla soglia – 22,3% per il governo e 22,7% per il parlamento –, il vero exploit è arrivato a ottobre, col 27%. Un risultato tuttavia parzialmente falsato dal fatto che delle varie anime unite sotto Verdi e Sinistra alternativa hanno fatto parte anche Movimento per il socialismo (Mps) e Partito operaio popolare (Pop), che hanno scelto a Lugano invece di correre autonomamente. Mps e Pop alle elezioni cantonali hanno ottenuto il 2,2%: tecnicamente sufficiente per riscendere sotto il 25%.

Sonni più tranquilli in casa Lega e Udc, che nel 2016 – col 37,3 – sfiorarono il 37,5% necessario per assegnare i tre municipali, che effettivamente l’area conta, già in prima battuta. Risultati inferiori sono stati ottenuti sia alle elezioni cantonali – 31,4 e 31,9% rispettivamente per Consiglio di Stato e Gran Consiglio – sia a quelle federali, col 34,7% per il Consiglio nazionale. Riassumendo: Plr e Ppd/Verdi liberali ne farebbero uno a testa, Lega/Udc e Ps/Verdi/Pc due. Il totale sarebbe di sei, ne resterebbe quindi da attribuire uno, e si dovrebbero procedere pertanto con la seconda ripartizione. Sia nel 2016 che nel 2013 i voti complessivi durante le tornate elettorali per le comunali erano stati poco più di 239’000. Ipotizzando uno stesso ordine di grandezza e utilizzando il modello caricato sul sito del Cantone, sulla base dei dati elettorali del 2019, a ottenere il settimo seggio sarebbero... Lega e Udc, che confermerebbero così la propria maggioranza relativa nell’esecutivo di Palazzo civico.

Questo lo scenario più realistico, a oggi, di quanto potrebbe accadere a Lugano il 5 aprile. Una prospettiva che modificherebbe significativamente gli equilibri. La conferma, o smentita, l’avremo comunque solo alle urne, senza dimenticare altre ipotesi sul tavolo: la perdita del seggio Ppd, lo status quo, il quarto rappresentante di Lega e Udc.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved