toto-elezioni-a-lugano-il-plr-rischia-piu-del-ppd
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
47 min

Riva San Vitale, Beach volley ritirato ma sarà riproposto

L’Esecutivo ha ritirato il discusso messaggio sul progetto al Lido comunale e stigmatizza le ‘pressioni esterne’. Ridotto il moltiplicatore all’80%
Bellinzonese
49 min

858 posti Pci all’interno della Gottardo Arena

Approvata la liquidazione, per un importo di tre milioni di franchi, a favore della Valascia Immobiliare Sa per la realizzazione delle strutture protette
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, prolungata la mostra Kiki Berta e il Quadrato magico

Alla Galleria Job l’esposizione sarà aperta al pubblico fino al 26 febbraio
Locarnese
1 ora

Più su il livello del Lago Maggiore, preoccupato il Cantone

Il Dipartimento del territorio: “In gioco c’è la sicurezza contro le esondazioni e la tutela degli ambienti naturali protetti delle Bolle di Magadino”
Ticino
1 ora

Nel weekend test Covid al ‘drive-in’ a Rivera e in 3 check-point

Disponibili anche diverse farmacie sul territorio cantonale. Necessaria la prenotazione online
Bellinzonese
1 ora

Riviera ha più abitanti e attività economiche

Nel 2021 la popolazione è cresciuta di 65 unità mentre i nuovi insediamenti sono stati 36
Ticino
2 ore

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
4 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
5 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
7 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
7 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
13 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
16 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
17 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
17 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
18 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
30.01.2020 - 06:100

Toto-elezioni a Lugano: il Plr rischia più del Ppd

I liberali con un seggio in meno e il raddoppio dei rosso-verdi: questo lo scenario più realistico sulla base delle elezioni cantonali e federali del 2019

Il Ppd o il Plr perderanno un seggio? La Lega saprà difendere la propria maggioranza relativa? L’area rosso-verde sarà in grado di fare il raddoppio? E poi ancora: le nuove formazioni – Movimento Ticino e Lavoro, Mps/Pop e Più Donne – riusciranno a far breccia perlomeno in Consiglio comunale (Cc)? A Lugano è arrivata l’ora di fare i calcoli. Dopo le turbolente fasi di ricerca e approvazione dei candidati per le elezioni comunali di aprile, la campagna elettorale entra nel vivo.

A differenza del 2016 – quando dalle urne scaturì un Municipio fotocopia, a eccezione dell’ingresso di Roberto Badaracco al posto dell’uscente Giovanna Masoni Brenni –, regna l’incertezza. Non solo per i già numerosi colpi di scena che questa prima fase ha regalato, ma anche perché gli equilibri di rappresentanza potrebbero subire delle mutazioni.

Basandoci sui quozienti elettorali per la ripartizione dei seggi – consultabili sul sito www.ti.ch/diritti-politici –, abbiamo quindi provato a fare un esercizio per capire quali sono le soglie che determineranno l’avanzata, la difesa o la perdita delle posizioni di partito. Una sorta di simulazione quindi, in considerevole parte di fanta-politica però. È importante precisare che, in particolare per il Cc, l’assegnazione dei seggi dipenderà da parametri flessibili che saranno noti unicamente a spoglio concluso, come ad esempio il numero totale di voti. Riguardo al Municipio, tuttavia, qualche certezza c’è. Per le nostre proiezioni ci siamo basati sui voti a Lugano durante le elezioni cantonali di aprile 2019 e quelle nazionali di ottobre.

È sicuro infatti che per eleggere almeno un rappresentante in esecutivo, i partiti devono superare il 12,5% dei consensi. La formazione più vicina a questa soglia, alle comunali, era stato il Ppd dell’uscente Angelo Jelmini. Allora i voti – compresi quelli dei già ‘congiunti’ Verdi liberali – furono il 13,5%. Difficile dire se il partito abbia perso o meno l’1% nel quadriennio. Il municipale che non si ripresenta e tensioni interne, con tanto di consiglieri comunali ben votati come Sara Beretta Piccoli e Giovanni Albertini che corrono col Movimento Ticino e Lavoro: sulla carta il Ppd è molto a rischio.

Raddoppio rosso-verde e un solo Plr

Prima di decretarne il requiem, è necessaria però un’importante dose di prudenza. Agli ultimi appuntamenti elettorali, il Ppd (sempre congiunto coi Verdi liberali, nei nostri calcoli) non ha sfigurato: il 14,2 e il 15,6% rispettivamente per Gran Consiglio e Consiglio di Stato alle elezioni cantonali, il 15% al Consiglio nazionale lo scorso ottobre. Elezione che vai, dinamica che trovi, certo. Ma stando agli ultimi test alle urne il Ppd rischia, ma potrebbe riuscire nel suo obiettivo principale: confermare il seggio.

Discorso diverso nell’altro partito centrista, il Plr. In flessione già nel 2016 rispetto al 2013 – dal 33,2 al 31,4% –, per confermare i due municipali i liberali dovrebbero fare almeno il 25%. Un compito all’apparenza semplice, se non che la locomotiva elettorale, il vicesindaco Michele Bertini, non sarà della partita, e alle elezioni cantonali e federali il partito figura tra gli sconfitti: 23,9% (Consiglio di Stato), 24,3% (Gran Consiglio) e 20,3% (Consiglio nazionale), le preferenze raccolte. Pare forse un po’ azzardato da dire, visto che dovrebbe lasciare sul campo oltre il 6% dei voti, ma ad oggi a perdere il seggio potrebbe essere proprio il Plr.

Con altrettanta prudenza, si potrebbe ipotizzare che a rubargli il seggio potrebbe essere il fronte rosso-verde. Ps, Verdi e Comunisti nel 2016 si fermarono al 16,7%, ben lontani dal 25% del raddoppio. Se ad aprile le tre formazioni assieme erano ancora sotto alla soglia – 22,3% per il governo e 22,7% per il parlamento –, il vero exploit è arrivato a ottobre, col 27%. Un risultato tuttavia parzialmente falsato dal fatto che delle varie anime unite sotto Verdi e Sinistra alternativa hanno fatto parte anche Movimento per il socialismo (Mps) e Partito operaio popolare (Pop), che hanno scelto a Lugano invece di correre autonomamente. Mps e Pop alle elezioni cantonali hanno ottenuto il 2,2%: tecnicamente sufficiente per riscendere sotto il 25%.

Sonni più tranquilli in casa Lega e Udc, che nel 2016 – col 37,3 – sfiorarono il 37,5% necessario per assegnare i tre municipali, che effettivamente l’area conta, già in prima battuta. Risultati inferiori sono stati ottenuti sia alle elezioni cantonali – 31,4 e 31,9% rispettivamente per Consiglio di Stato e Gran Consiglio – sia a quelle federali, col 34,7% per il Consiglio nazionale. Riassumendo: Plr e Ppd/Verdi liberali ne farebbero uno a testa, Lega/Udc e Ps/Verdi/Pc due. Il totale sarebbe di sei, ne resterebbe quindi da attribuire uno, e si dovrebbero procedere pertanto con la seconda ripartizione. Sia nel 2016 che nel 2013 i voti complessivi durante le tornate elettorali per le comunali erano stati poco più di 239’000. Ipotizzando uno stesso ordine di grandezza e utilizzando il modello caricato sul sito del Cantone, sulla base dei dati elettorali del 2019, a ottenere il settimo seggio sarebbero... Lega e Udc, che confermerebbero così la propria maggioranza relativa nell’esecutivo di Palazzo civico.

Questo lo scenario più realistico, a oggi, di quanto potrebbe accadere a Lugano il 5 aprile. Una prospettiva che modificherebbe significativamente gli equilibri. La conferma, o smentita, l’avremo comunque solo alle urne, senza dimenticare altre ipotesi sul tavolo: la perdita del seggio Ppd, lo status quo, il quarto rappresentante di Lega e Udc.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved