referendum-aeroporto-raggiunti-due-terzi-delle-firme
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
27 min

Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia

Ai Ronchini una sezione in più delle elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore.
Ticino
3 ore

‘Nessuno sta sotto i ponti. Malessere giovanile, non economico’

Presentati gli aggiornamenti del Morisoli Welfare Index. Pamini: ‘Lo Stato sociale è da riformare integralmente ripensando l’uso delle attuali risorse’
Luganese
3 ore

Gestione acquedotto Collina d’Oro, è riuscito il referendum

Si andrà a votare sulla proposta del Municipio d’istituire il passaggio della gestione dell’impianto alle Ail. Il sindaco: ‘non ritiriamo il messaggio’
Mendrisiotto
3 ore

Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio

In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
Ticino
11 ore

‘Norme moderne e solide per la Cantonale e le polcom’

Il capo del Dipartimento istituzioni Gobbi sulla revisione totale della Legge polizia.Il comandante Cocchi: si è iniziato a lavorare dieci anni fa
Ticino
13 ore

Scuole post obbligatorie, riconosciuta la parità formale

Le licenze di scuola media non avranno più la ‘menzione Sms’, che creava un’asimmetria per l’accesso alle scuole professionali e a quelle medio superiori
Luganese
13 ore

Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici

Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
29.12.2019 - 08:27
a cura de laRegione

Referendum aeroporto, raggiunti due terzi delle firme

Per indire una votazione popolare sul credito di 6 milioni il Partito socialista di Lugano, con Verdi e Pc, sta raccogliendo le firme (finora 2000)

Il Partito socialista Lugano – unitamente ai Verdi Lugano e al Pc – sta raccogliendo le firme per indire una votazione popolare sul credito di 6 milioni di franchi, deciso dal Consiglio comunale di Lugano al fine di effettuare il rilancio dei voli di linea all’aeroporto di Agno. Le firme sinora raccolte per il referendum comunale sono 2'000, ossia i 2/3 delle firme necessarie da consegnare il 13 gennaio. “Non riteniamo razionale buttare via altri 10 milioni (per l’esattezza 5.76 milioni della Città, 3.84 del Cantone), che si aggiungono ai 40 milioni di denaro pubblico già versati dal 2006 al 2018. La concorrenza della ferrovia e dei vicini terminal aerei internazionali rende ormai impossibile l’utilizzo dell’aeroporto di Lugano-Agno per i voli di linea. Lo dimostrano i fatti: nessuna compagnia di linea vola più ad Agno”, scrive in un comunicato stampa Raoul Ghisletta, presidente Ps Lugano e Gran consigliere.

'Attività poco rispettosa dell'ambiente'

“Inoltre per riattivare, se mai fosse possibile, nuovi e numerosi voli di linea, Cantone e Città dovrebbero prolungare la pista interrando la strada cantonale Agno-Muzzano (circa 30 milioni), dovrebbero coprire disavanzi fin oltre il 2030 e dovrebbero stanziare ulteriori fondi per altri investimenti. In tutto ci vorrebbero ancora 60-70 milioni, oltre ai dieci milioni già approvati da Gran Consiglio e Consiglio comunale, che sono oggetto di referendum“, scrive il presidente del Ps di Lugano. “Purtroppo invece di investire i soldi pubblici nella mobilità sostenibile, trasferendo i lavoratori in questo settore, la maggioranza politica si ostina a tenere artificialmente in vita un’attività poco rispettosa dell’ambiente, gettando soldi in un pozzo senza fondo”, si legge nella nota.

 No all'accanimento terapeutico

“Invece di dilapidare altri milioni per un accanimento terapeutico – scrive Ghisletta – è meglio avviare un piano di ricollocamento del personale dell’aeroporto di Agno. Una parte di esso potrà essere impiegato nell’aeroporto stesso, gestito e finanziato da privati per i soli voli privati. Per il personale che rimarrà senza lavoro, data l’assenza di voli di linea, il ricollocamento andrà fatto presso la Città, il Cantone e le aziende di trasporto sussidiate, che potranno avvalersi delle loro competenze tecniche e amministrative. Il Partito socialista si è già impegnato a sostenere questo piano di reimpiego del personale: lo ha fatto sia in Consiglio comunale, sia in Gran Consiglio”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved