laRegione
Nuovo abbonamento
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
3 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
5 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
6 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
6 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
6 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
6 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
6 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
03.12.2019 - 18:340
Aggiornamento : 08.01.2020 - 17:00

Lugano, l'amore ai tempi della cocaina: condannata una coppia

Un 31enne e una 43enne sono stati condannati a pene sospese condizionalmente per aver consumato e spacciato importanti quantità di cocaina

Il procuratore pubblico Roberto Ruggeri l’ha definito «amore malato». Vedere in aula penale due imputati tenersi la mano, lanciarsi sguardi complici e prospettare progetti di vita comune è cosa atipica. Purtroppo lo spazio per il romanticismo è poco, visto il contesto: la giudice Francesca Verda Chiocchetti li ha condannati oggi per infrazione aggravata e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, oltre a reati minori. Venti mesi a una 43enne italiana e sedici a un 31enne svizzero. Entrambe le pene sono condizionalmente sospese, mentre la donna verrà espulsa dalla Svizzera per otto anni.
La coppia si è unita sentimentalmente un paio d’anni fa, dopo essersi conosciuta tramite amici comuni. Fin dall’inizio della relazione – rivelatasi in seguito piuttosto turbolenta – è iniziato il consumo di cocaina. In totale, nel periodo preso in considerazione dalla pubblica accusa, sono quasi due i chili che i due hanno acquistato dallo stesso fornitore, anch’esso arrestato e in attesa di giudizio. «Il loro rapporto si fonda sulla cocaina – ha sottolineato il pp durante la requisitoria –. Hanno ceduto alle loro debolezze, ma questo non ne riduce le responsabilità». Sì, perché sebbene gran parte della droga sia stata consumata dai due – l’uomo in particolare ne ha ‘tirata’ quasi un chilo da solo, in pochi mesi –, quasi mezzo chilo è stato rivenduto a consumatori locali. «Il loro agire è stato dettato principalmente per finanziare il consumo personale, oltre che per il loro sostentamento» ha valutato la presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano.
Gli imputati hanno entrambi confessato la maggior parte dei capi d’accusa. «La ‘dominus’ nella coppia è lei – ha evidenziato il pp –. Era prevalentemente lei a essere in contatto col fornitore, ma allo stesso tempo è lei a essersi assunta le maggiori responsabilità e ad aver collaborato meglio. Lui invece spesso si è avvalso della facoltà di non rispondere».
Gli avvocati hanno posto da parte loro l’accento sul pentimento e sulla voglia di riscatto (Elisa Lurati, legale di lei) e sul ruolo subordinato nella coppia (Andrea Pozzi, difensore di lui). Quest’ultimo in particolare ha sottolineato che è «una fortuna che la polizia sia intervenuta (arrestandoli ad agosto, ndr) mettendo fine a un’escalation che sarebbe stata ancor più devastante». «Un peccato che siano finiti a delinquere – per la giudice –, in passato hanno dimostrato di saper vivere onestamente».

© Regiopress, All rights reserved