laRegione
Nuovo abbonamento
Tipress
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore
Lugano, tre ore per approvare il consuntivo 2019
Il Consiglio comunale dopo lunghe discussioni dà luce verde ai conti della Città che hanno chiuso con un utile d'esercizio di 6,7 milioni.
Mendrisiotto
5 ore
Mendrisio: La Città odierna? In futuro potrebbe essere un lusso
Nel presente l''operazione risparmio' premia i consuntivi 2019, in rosso ma meno del previsto. Al lavoro per rivedere Piano finanziario e priorità
Bellinzonese
8 ore
Grande affluenza alla Piumogna, ma nessuna irregolarità
L'area svago di Faido presa d'assalto nel weeekend: la polizia ha appioppato diverse multe per posteggio ma non per questioni legate al Covid
Gallery
Locarnese
9 ore
Intragna, frontaliere si scontra con un camion
Ferite leggere per l'uomo, che nell'affrontare una curva ha centrato il grosso automezzo che procedeva in direzione opposta
Ticino
9 ore
Escursioni in montagna, ma senza sopravvalutarsi
Studio e raccomandazioni dell'Ufficio prevenzione infortuni. Un sito online per testare la propria preparazione
Ticino
9 ore
'Per aiutare gli allievi, corsi di recupero durante le vacanze'
Li chiede il Partito Socialista al Dipartimento educazione e cultura per sostenere chi ha avuto particolari difficoltà con l'insegnamento a distanza
GALLERY
Mendrisiotto
10 ore
Ramo si stacca e cade sulla strada a Morbio Inferiore
Si è staccato da una pianta secolare che si trova in un giardino vicino alla cantonale. Non ha causato danni
Ticino
10 ore
Il pp Andrea Minesso ritira la propria candidatura
Era anche lui in corsa per un nuovo mandato. A fine anno lascerà la magistratura. 'Ho nel frattempo deciso per un diverso futuro professionale'
Locarnese
11 ore
Summer Camp per bambini e adolescenti a Cevio, posti disponibili
È una colonia diurna per ragazzi fra gli 8 e i 15 anni, con attività ricreative, sportive e educative
Locarnese
11 ore
Lavizzara, due crediti per gli alpi di Menzonio, Bolla e Froda
Entrambe le richieste sono di 50mila franchi a favore dei Patriziati di Menzonio e Peccia, verranno sottoposte al legislativo il prossimo 13 luglio
Bellinzonese
11 ore
La scrittura al femminile con Monica Piffaretti
Nuovo appuntamento l'8 luglio alla Biblioteca cantonale di Bellinzona con l'iniziativa 'Incontra uno scrittore al parco'
Luganese
12 ore
Lugano mette sotto la lente il settore musicale
La Divisione cultura lancia un questionario per capire le necessità, le aspettative presenti e future e gli effetti della pandemia
Luganese
11.11.2019 - 06:100
Aggiornamento : 18:27

Il ‘Banana’ che da 30 anni fa i conti in tasca

Il popolare software ticinese di contabilità oggi è venduto in 127 paesi del mondo: storia di un successo

La stanza di un universitario, un computer e delle scatole di banane usate per il trasloco, che diedero l’idea per il nome. Nasceva così il più popolare programma di contabilità per piccole aziende in Svizzera e non solo: oltre 300mila licenze vendute in 127 Paesi del mondo. ‘Banana contabilità’ da 30 anni è un successo internazionale. Mentre a Berlino stava per crollare lo storico muro, nei negozi iniziava a circolare questo innovativo programma informatico.

Il ‘papà di Banana è un massagnese di Bironico, Domenico Zucchetti, classe 60, qualche impegno nella cosa pubblica (già consigliere comunale di ‘Massagno ambiente’, oggi è nel comitato di RailValley). Scoprì l’amore per l’informatica... alla Banca del Gottardo. «Il mio compito era valutare le richieste di credito. Mi accorsi che una gran parte delle richieste di piccole ditte venivano rifiutate siccome queste società non avevano nessun controllo contabile. Così mi dissi che un programma di contabilità sarebbe stato utile. Il modo più semplice per realizzarlo era partire da una interfaccia del programma Lotus. Lavorando di notte, mentre mi trovavo all’Università a San Gallo, come hobby. Terminato il ‘Banana’ scrissi anche un piccolo manuale. Andai da quelli dell’Innovazione (la Manor ndr) chiedendo loro se volessero provare a venderlo. Accettarono e dopo qualche giorno il responsabile mi chiamò per dirmi che avevano venduto tutti i programmi! Dopo due anni lasciai la banca e mi misi in proprio. Fu anche una scelta di vita, cambiare mestiere e fare quello che mi piaceva». Il tempo dell’Uni finì con una laurea in Giurisprudenza ma soprattutto con una nuovo mestiere in tasca. «Quand’ero a San Gallo già sviluppavo programmi per una ditta di informatica ticinese».

Anche per famiglie

Alla prima versione del ‘Banana’, seguirono molte altre, a cominciare da quelle in tedesco e francese per i supermercati della Svizzera interna, poi l’estero e via verso il successo, che continua ancora oggi grazie a uno staff di una ventina di persone, che lavora presso la Banana.ch a Viganello. Arredamento moderno, in via La Santa si respira aria da ‘creativi’. Ma non sono mancati gli stenti. «Il problema è che realizzare un software è un po’ come costruire una casa: si lavora anni su un prodotto che si può vendere solo quando è finito. La banca mi diede una mano, e trovò pure un investitore. È andata bene, anche per lui». Quando ha capito che per ‘Banana’ era arrivato il successo? «Mai... però quando abbiamo ricevuto la ‘nomination’ al Codie awards, che è un po’ l’Oscar dei programmi informatici, mi sono detto: ok, sono bravo».

Un punto forte di Banana è la sua versatilità. All’interno ci sono 4 applicazioni: gestione cassa, uscite/entrate, contabilità doppia e multimonete, «quindi va bene un po’ per tutti. Un altro vantaggio per gli utenti, grazie alla interfaccia tabelle, è la possibilità di correggere facilmente gli errori».

Zucchetti è particolarmente orgoglioso del ‘Banana’ gratuito per famiglie, lanciato quest’anno (si può scaricare da www.banana.ch) e dei programmi ‘educational’ che insegnano la contabilità: «In due anni nel Congo coi nostri programmi sono stati formati mille docenti di contabilità».

Un successo che può dare alla testa? «Noi siamo una ventina, stiamo bene, ma non siamo certo miliardari... però faccio quello che mi piace e soddisfo la gente. È un bel traguardo... all’estero ci sono dei grossi ‘competitor’ ed entrare in certi mercati è difficile, perché la contabilità è legata alle questioni fiscali nazionali. Però siamo sulla strada giusta, e con le ‘app store’ è più facile arrivare alla clientela. Noi portiamo nel mondo il nostro ‘expertise’ finanziario svizzero. Mi piacerebbe aiutare ancora di più le persone ad avere una gestione finanziaria migliore, in fondo l’idea è sempre la stessa di quando sono partito».

© Regiopress, All rights reserved