laRegione
Nuovo abbonamento
Rescue Media
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 gior
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
1 gior
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
1 gior
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
1 gior
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
1 gior
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
1 gior
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
1 gior
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
1 gior
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
1 gior
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
1 gior
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
1 gior
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
1 gior
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
1 gior
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Locarnese
1 gior
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
Luganese
1 gior
Lugano spinge l'acceleratore sulla digitalizzazione
Vasto programma di eventi incentrati sulle opportunità dell'online organizzato quest'autunno dalla Città e da vari partner: accademici, scientifici, economici
Mendrisiotto
1 gior
Riva, avvicendamento alla direzione delle scuole
Isabella Medici Arrigoni subentra a Fulvio Vassalli alla testa dell'istituto scolastico
Bellinzonese
1 gior
Lite al bunker di Camorino, ospite ferito da un coltello
Diverbio tra un 25enne marocchino e un 38enne iraniano, il quale ha avuto la peggio rimediando una leggera ferita da taglio a una gamba. Il 25enne è stato arrestato
Mendrisiotto
1 gior
Una tessera sconto per i cittadini di Chiasso
Verrà distribuita ai maggiorenni. Una volta raccolti i 10 bollini (di cui 2 in omaggio) si avrà diritto a uno sconto di 20 franchi
Bellinzonese
1 gior
La Riganti di Biasca conferma la chiusura
Sindacati e direzione non sono giunti a soluzioni applicabili per salvare l'attività. I 18 operai lavoreranno ancora qualche mese e saranno pagati fino ad ottobre
Luganese
16.05.2019 - 17:120
Aggiornamento : 19:38

Incidenti sull'A2, Gazzola (Tcs): 'Qualcosa non ha funzionato'

Il portavoce del Touring Club Svizzero prende posizione sul caos viario che stamane ha formato code chilometriche fra Chiasso e Lugano Nord

«L’incidente è evidentemente capitato nel posto sbagliato. Quello che si può sicuramente denunciare è la presenza di un picchetto in pianta stabile da Lugano Sud a Mendrisio, pensiamo al carro-attrezzi per i mezzi pesanti o a camioncini per i veicoli più leggeri, pronti “sul terreno” come si suol dire, ovvero sulla strada, e che sono quindi chiamati ad intervenire celermente, pensiamo al caso del tunnel del Gottardo. È questo che mi fa specie, il non intervento con più celerità». Renato Gazzola, portavoce del Touring Club Svizzero (Tcs) non si esonera dal commentare a ‘laRegione’ il caos viario che questa mattina ha ingolfato letteralmente il tratto autostradale fra Chiasso e Lugano Nord. Un incidente capitato verso le 7.30, e uno successivo, peraltro tamponamenti di auto e un camion senza feriti di una certa gravità, hanno creato, anche condizionati dall’ora di punta del traffico, un lungo serpentone giunto fino a 13 chilometri. Eppure solo a marzo il Dipartimento delle istituzioni aveva presentato, con soddisfazione, i primi risultati di ‘Via libera’, il programma di intervento, di Polizia cantonale e Ufficio federale delle strade, volto a contrastare imbottigliamenti e disagi.

«La “defluidificazione” è prevista soprattutto da Lugano direzione Chiasso – ci spiega Gazzola – mentre questa mattina il primo incidente è avvenuto fra Lugano Sud e Lugano Nord».

Tempistica di intervento lenta e caotica 

Quello che ha fatto imbufalire non pochi automobilisti è la tempistica di intervento, apparsa lenta e caotica… Dopo due ore le auto tamponate erano ancora sulla corsia di marcia: «Chiaro, probabilmente il coinvolgimento di un camion ha ritardato i soccorsi, in particolare nell’allertare il preposto carro-attrezzi. Dire che chi doveva intervenire ha “preso i topi” non me la sento di dirlo, ma si poteva agire sicuramente in maniera più spedita».

Del resto, l’incidente non era tale da richiedere rilevamenti particolari da parte degli agenti della Stradale, il fatto di essere capitato in un orario da “bollino rosso” avrebbe quantomeno dovuto accelerare il necessario ritorno alla normalità. Pare, infatti, che non sia la prima volta che si proceda con ritmo… rilassato e di attesa dei mezzi di intervento: «Qui si parla anche della presenza di auto ibride che chiedono per essere spostate accorgimenti particolari. Come Touring, per esempio, chiediamo di tenere in auto la scheda che indica come sono posizionati gli organi dell’auto, come la batteria, per evitare di commettere operazioni maldestre. Quello che mi fa specie – solleva il problema Gazzola – è che il Cantone spenda una barca di soldi per avere dei mezzi di soccorso, soprattutto per i mezzi pesanti, direttamente sulla tratta Lugano-Mendrisio e succede un incidente a Bioggio e non sono in grado di arrivare tempestivamente. I mezzi di soccorso devono essere lì stabilmente, perché sono anche pagati per questo. Credo che sia un attimo girare un camion e farlo arrivare laddove è richiesto! Non parliamo di centinaia di chilometri…».

Da valutare è come si è mosso il sistema di soccorso

Da valutare è quindi come è stato dato l’allarme e chi è stato allertato, come si è mosso tutto il sistema di soccorso. Certo è che quel tratto (uscita autostradale di Lugano Nord) è fra i punti più “delicati” dell’A2 e dunque meritevole di (più) attenzione nell’interventistica e nella sicurezza: «Il punto clou e più difficile è quello fra Lugano e Mendrisio  però non dobbiamo dimenticare che anche gli altri tratti di strada sono sottodimensionati dal punto di vista strutturale. La sera si sente spesso parlare della coda fra Lugano Sud e Mendrisio ma sovente la coda si forma ben prima, addirittura fino a Taverne. Un tratto dove vi sono peraltro gallerie che non avendo la terza corsia d’emergenza si trasformano in strettoie naturali».

'Autostrada obsoleta e sottodimensionata per il traffico' 

Pare che poi i semafori di recente ideazione, posti all’imbocco dell’autostrada, non abbiano apportato quell'auspicato sollievo al forte traffico: «In questo fa tanto anche la disciplina dell’automobilista che pur di guadagnare qualche metro è pronto a fare manovre fuori di testa, come il passare da una corsia all’altra continuamente, manovra che rallenta poi il movimento dei veicoli» evidenzia il portavoce Tcs. «Il problema di fondo – rimarca Gazzola – è che ci troviamo di fronte a un’autostrada obsoleta, sottodimensionata per il traffico che è chiamata a sopportare, dove tutti cercano di fare qualcosa e dove il fattore umano conta ancora tantissimo. È sufficiente che questa mattina qualcuno abbia “dormito” per scatenare il caos».

La polizia: 'Molte auto da spostare e la colonna non sempre agevola l'arrivo dei veicoli di soccorso'

A marzo era stato presentato un primo bilancio del progetto 'Via libera'. Si era parlato di risultati soddisfacenti ma stamattina due incidenti, peraltro non di gravissima entità, hanno provocato il caos, con lunghe code fino a oltre 10 km. Cosa non ha funzionato, abbiamo chiesto al tenente della Polizia cantonale, Renato Pizolli?
La durata dell’intervento è dettata dal numero di veicoli coinvolti, dalla loro tipologia e dal comportamento degli utenti. Da una parte vi è infatti una difficoltà oggettiva di spostare molte vetture, dall’altra vi è anche il fatto che le auto in colonna non sempre agevolano il sopraggiungere dei veicoli di soccorso. In questo particolare evento alcuni dei veicoli coinvolti hanno richiesto una gestione specifica.

Uno dei due incidenti è capitato alle 7.30. Com'è possibile che due ore dopo sull'autostrada erano ancora presenti le auto coinvolte? I tempi per la rimozione sono così dilatati?
Per quanto riguarda il primo incidente, al quale si riferisce e avvenuto poco prima delle 7.30, il campo stradale è stato liberato alle 8.02. Mentre nel secondo incidente, capitato poco prima delle 8, l'intervento si è protratto fino alle 10.30 per i motivi di cui ho detto sopra.

I semafori posti alle entrate autostradali non sembrano peraltro – e qui parliamo in generale, non in caso di incidente – non sembrano aver risolto le code del tardo pomeriggio in direzione sud. Ne avete percezione?
Per delle valutazioni di questo genere è ancora prematuro esprimersi. Una valutazione di dettaglio verrà fatta a tempo debito, in particolare dall'Ufficio federale preposto, basandosi anche sui dati che forniremo loro.

 

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved