DJOKOVIC N. (SRB)
0
CARRENO BUSTA P. (ESP)
1
2 set
(4-6 : 6-6)
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
BARTY A./PEERS J.
10:10
 
incidenti-sull-a2-gazzola-tcs-qualcosa-non-ha-funzionato
Rescue Media
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Pioggia senza fine, acque sott’occhio

Della Bruna: ancora precipitazioni ma meno intense di quelle degli scorsi giorni
Luganese
4 ore

Assemblea Flp, si valuta l’istanza in Pretura

L'ipotesi civile è sul tavolo dopo l'ultima movimentata assemblea di giugno, sfociata nelle dimissioni a sorpresa del presidente del Cda Stefano Soldati
Locarnese
4 ore

Verzasca, un uovo di Colombo a forma di bus (elettrico)

Dopo la fase test torna a ottobre per due anni, come progetto pilota nazionale, il Verzasca Express: servizio capillare “on demand” a impatto zero
Bellinzonese
4 ore

Funghi velenosi, attenzione agli ‘esperti’ online

Il problema delle 'consulenze' su Facebook. Il presidente della Vapko avverte: 'Attenzione, pratica molto pericolosa, il fungo dev'essere visto dal vivo'
Luganese
13 ore

Violenza domestica, a Lugano 394 interventi nel 2020

Il Municipio intende continuare a monitorare il fenomeno. Negli ultimi due anni nessun caso segnalato di discriminazione razziale o religiosa
Luganese
13 ore

Lugano, annunciati fischi a Valenzano per il Primo agosto

Il collettivo ‘T'aspetto fuori’ organizza ‘Cifola l'Aida’, gara di fischi in segno di protesta contro la capodicastero Sicurezza che terrà l'allocuzione
Ticino
14 ore

'Meglio persuadere che obbligare: vaccinarsi serve!'

L'appello dei cinque deputati del Plr membri della commissione parlamentare 'Sanità e sicurezza sociale'
Ticino
14 ore

Il ‘no’ all’accordo quadro: quali conseguenze per i consumatori?

L’editoriale della rivista ‘La borsa della spesa’ di agosto parlerà di una possibile maggiore pressione sui prezzi in Svizzera
Mendrisiotto
16 ore

Acqua a Breggia, ‘Vi chiediamo ancora un po' di pazienza’

I danni alle infrastrutture dell'Azienda acqua potabile sono stati importanti. L'acqua continua a non essere potabile
Ticino
16 ore

Ecco i radar della prossima settimana

La prima settimana di agosto vedrà il Mendrisiotto "risparmiato" dai controlli elettronici della velocità
Ticino
17 ore

Nel weekend ci risiamo con la pioggia. Ma sarà più breve

Meteosvizzera preannuncia abbondanti precipitazioni, oltre 50-70mm, fra sabato sera e domenica mattina con baricentro fra Ticino Orientale e Alta Engadina
Processo
17 ore

Lugano, palpeggiò bimbo di 9 anni: 52enne condannato

Dodici mesi sospesi di pena. Inoltre, all'uomo è stato interdetto a vita lo svolgimento di professioni che prevedano il contatto con minori
Locarnese
17 ore

Brissago espone le opere del pittore di casa Pietro Tiboni

La mostra al Palazzo Branca-Baccalà resterà aperta fino al prossimo 28 agosto
Grigioni
17 ore

Annullati i festeggiamenti del 1° agosto a San Bernardino

Il ricco programma non avrà luogo a causa delle condizioni meteo sfavorevoli
Locarnese
18 ore

Casorella a Locarno omaggia 52 personalità femminili

Al via nella corte del museo la mostra per il 50esimo anniversario del diritto di voto e di elezione delle donne
Bellinzonese
20 ore

Forte Mondascia di Biasca, rinviato l'evento del 1° agosto

La manifestazione prevista per l'apertura del Museo di storia militare non si terrà a causa del previsto brutto tempo
Grigioni
21 ore

Lupo e predazioni, Mesocco scrive a Simonetta Sommaruga

Il Municipio chiede alla Confederazione 'di reagire con tempestività' a questa situazione 'incontrollata' che mette in 'pericolo la gestione delle alpi'
Bellinzonese
23 ore

Annullati due concerti a Bellinzona

Questa sera, venerdì 30 luglio, non si esibiranno The Istant Karma e Michela Sala ft. Francesco Amico
Bellinzonese
23 ore

La poiana Corona torna a volare nei cieli sopra Bellinzona

L'uccello rapace è stato assistito al centro di cura per animali selvatici della Spab. Era stato abbattuto dalla grandine alcune settimane fa.
Luganese
16.05.2019 - 17:120
Aggiornamento : 19:38

Incidenti sull'A2, Gazzola (Tcs): 'Qualcosa non ha funzionato'

Il portavoce del Touring Club Svizzero prende posizione sul caos viario che stamane ha formato code chilometriche fra Chiasso e Lugano Nord

«L’incidente è evidentemente capitato nel posto sbagliato. Quello che si può sicuramente denunciare è la presenza di un picchetto in pianta stabile da Lugano Sud a Mendrisio, pensiamo al carro-attrezzi per i mezzi pesanti o a camioncini per i veicoli più leggeri, pronti “sul terreno” come si suol dire, ovvero sulla strada, e che sono quindi chiamati ad intervenire celermente, pensiamo al caso del tunnel del Gottardo. È questo che mi fa specie, il non intervento con più celerità». Renato Gazzola, portavoce del Touring Club Svizzero (Tcs) non si esonera dal commentare a ‘laRegione’ il caos viario che questa mattina ha ingolfato letteralmente il tratto autostradale fra Chiasso e Lugano Nord. Un incidente capitato verso le 7.30, e uno successivo, peraltro tamponamenti di auto e un camion senza feriti di una certa gravità, hanno creato, anche condizionati dall’ora di punta del traffico, un lungo serpentone giunto fino a 13 chilometri. Eppure solo a marzo il Dipartimento delle istituzioni aveva presentato, con soddisfazione, i primi risultati di ‘Via libera’, il programma di intervento, di Polizia cantonale e Ufficio federale delle strade, volto a contrastare imbottigliamenti e disagi.

«La “defluidificazione” è prevista soprattutto da Lugano direzione Chiasso – ci spiega Gazzola – mentre questa mattina il primo incidente è avvenuto fra Lugano Sud e Lugano Nord».

Tempistica di intervento lenta e caotica 

Quello che ha fatto imbufalire non pochi automobilisti è la tempistica di intervento, apparsa lenta e caotica… Dopo due ore le auto tamponate erano ancora sulla corsia di marcia: «Chiaro, probabilmente il coinvolgimento di un camion ha ritardato i soccorsi, in particolare nell’allertare il preposto carro-attrezzi. Dire che chi doveva intervenire ha “preso i topi” non me la sento di dirlo, ma si poteva agire sicuramente in maniera più spedita».

Del resto, l’incidente non era tale da richiedere rilevamenti particolari da parte degli agenti della Stradale, il fatto di essere capitato in un orario da “bollino rosso” avrebbe quantomeno dovuto accelerare il necessario ritorno alla normalità. Pare, infatti, che non sia la prima volta che si proceda con ritmo… rilassato e di attesa dei mezzi di intervento: «Qui si parla anche della presenza di auto ibride che chiedono per essere spostate accorgimenti particolari. Come Touring, per esempio, chiediamo di tenere in auto la scheda che indica come sono posizionati gli organi dell’auto, come la batteria, per evitare di commettere operazioni maldestre. Quello che mi fa specie – solleva il problema Gazzola – è che il Cantone spenda una barca di soldi per avere dei mezzi di soccorso, soprattutto per i mezzi pesanti, direttamente sulla tratta Lugano-Mendrisio e succede un incidente a Bioggio e non sono in grado di arrivare tempestivamente. I mezzi di soccorso devono essere lì stabilmente, perché sono anche pagati per questo. Credo che sia un attimo girare un camion e farlo arrivare laddove è richiesto! Non parliamo di centinaia di chilometri…».

Da valutare è come si è mosso il sistema di soccorso

Da valutare è quindi come è stato dato l’allarme e chi è stato allertato, come si è mosso tutto il sistema di soccorso. Certo è che quel tratto (uscita autostradale di Lugano Nord) è fra i punti più “delicati” dell’A2 e dunque meritevole di (più) attenzione nell’interventistica e nella sicurezza: «Il punto clou e più difficile è quello fra Lugano e Mendrisio  però non dobbiamo dimenticare che anche gli altri tratti di strada sono sottodimensionati dal punto di vista strutturale. La sera si sente spesso parlare della coda fra Lugano Sud e Mendrisio ma sovente la coda si forma ben prima, addirittura fino a Taverne. Un tratto dove vi sono peraltro gallerie che non avendo la terza corsia d’emergenza si trasformano in strettoie naturali».

'Autostrada obsoleta e sottodimensionata per il traffico' 

Pare che poi i semafori di recente ideazione, posti all’imbocco dell’autostrada, non abbiano apportato quell'auspicato sollievo al forte traffico: «In questo fa tanto anche la disciplina dell’automobilista che pur di guadagnare qualche metro è pronto a fare manovre fuori di testa, come il passare da una corsia all’altra continuamente, manovra che rallenta poi il movimento dei veicoli» evidenzia il portavoce Tcs. «Il problema di fondo – rimarca Gazzola – è che ci troviamo di fronte a un’autostrada obsoleta, sottodimensionata per il traffico che è chiamata a sopportare, dove tutti cercano di fare qualcosa e dove il fattore umano conta ancora tantissimo. È sufficiente che questa mattina qualcuno abbia “dormito” per scatenare il caos».

La polizia: 'Molte auto da spostare e la colonna non sempre agevola l'arrivo dei veicoli di soccorso'

A marzo era stato presentato un primo bilancio del progetto 'Via libera'. Si era parlato di risultati soddisfacenti ma stamattina due incidenti, peraltro non di gravissima entità, hanno provocato il caos, con lunghe code fino a oltre 10 km. Cosa non ha funzionato, abbiamo chiesto al tenente della Polizia cantonale, Renato Pizolli?
La durata dell’intervento è dettata dal numero di veicoli coinvolti, dalla loro tipologia e dal comportamento degli utenti. Da una parte vi è infatti una difficoltà oggettiva di spostare molte vetture, dall’altra vi è anche il fatto che le auto in colonna non sempre agevolano il sopraggiungere dei veicoli di soccorso. In questo particolare evento alcuni dei veicoli coinvolti hanno richiesto una gestione specifica.

Uno dei due incidenti è capitato alle 7.30. Com'è possibile che due ore dopo sull'autostrada erano ancora presenti le auto coinvolte? I tempi per la rimozione sono così dilatati?
Per quanto riguarda il primo incidente, al quale si riferisce e avvenuto poco prima delle 7.30, il campo stradale è stato liberato alle 8.02. Mentre nel secondo incidente, capitato poco prima delle 8, l'intervento si è protratto fino alle 10.30 per i motivi di cui ho detto sopra.

I semafori posti alle entrate autostradali non sembrano peraltro – e qui parliamo in generale, non in caso di incidente – non sembrano aver risolto le code del tardo pomeriggio in direzione sud. Ne avete percezione?
Per delle valutazioni di questo genere è ancora prematuro esprimersi. Una valutazione di dettaglio verrà fatta a tempo debito, in particolare dall'Ufficio federale preposto, basandosi anche sui dati che forniremo loro.

 

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved