ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
40 min

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
1 ora

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
1 ora

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
1 ora

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
1 ora

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
Luganese
2 ore

Lugano, un libro sulle aziende a conduzione familiare

L’Unione Cristiana Imprenditori Ticinesi presenterà all’Hotel Dante, una pubblicazione di Alessandro Scaglione
Mendrisiotto
2 ore

Entra in Svizzera nonostante l’espulsione: preso e processato

Per l’uomo vigeva il divieto di entrare nel nostro Paese. La Corte ha optato per l’espulsione immediata senza pena detentiva.
Ticino
2 ore

Blacklist morosi di cassa malati sospesa per tutto il 2023

La conferma arriva dal governo dopo la riunione della Piattaforma Cantone-Comuni: alla riattivazione della procedura, però, cambierà qualcosa
Bellinzonese
2 ore

I Puffi arrivano in esclusiva al Carnevale di Faido

I bagordi avranno luogo da mercoledì 22 a sabato 25 febbraio, quando la palestra si trasformerà nel villaggio di ‘Pufflandia’
Mendrisiotto
2 ore

Tornano i buoni pasto a Castel San Pietro

I residenti che ricevono una rendita Avs potranno richiedere, dal 13 febbraio, un tagliando di 20 franchi da utilizzare negli esercizi pubblici del paese
Mendrisiotto
2 ore

Aperte le iscrizioni per la ‘Walking Mendrisiotto’

La giornata si terrà domenica 16 aprile. Previsti quattro itinerari e vari corsi
Bellinzonese
3 ore

Per Carnevale Sobrio si trasforma nella contea di Hazzard

La manifestazione avrà luogo nella località leventinese sabato 11 febbraio, fra festa, maschere, balli, musica e buon cibo
Luganese
3 ore

Tre blackout in un mese: ‘Quando la sfortuna...’

A saltare ‘inspiegabilmente’ (forse un cortocircuito) un interruttore di sicurezza sul Pian Scairolo
25.09.2018 - 05:50
Aggiornamento: 07:16

Disagio sociale in via Industra, la volontaria: ‘Non ero pronta’

Parla una dei due soccorritori della Spab entrati in azione venerdì a Pregassona: ‘Ho dormito male, non riesco a pensare che a Lugano ci sia una realtà così’.

di Dino Stevanovic
disagio-sociale-in-via-industra-la-volontaria-non-ero-pronta
+2

«Non ero pronta». Quattro anni come volontaria della Società Protezione Animali Bellinzona (Spab) e una lunga esperienza in ambito sociale. Eppure, Marina Soldati una scena così non l’aveva «mai vista». Di fronte ai suoi occhi, un degrado profondo. Un intero appartamento letteralmente sommerso di rifiuti domestici, cucina e bagno compresi. A farsi largo nel pattume – in uno strato alto fino a trenta centimetri –, diciotto cani di piccola taglia. «Ho dormito male, non riesco a pensare che a Lugano ci sia una realtà di questo genere».

Operazione partita da una denuncia per presunte violenze domestiche

A rendere delicato il caso raccontato dalla nostra testimone, non sono solo la sporcizia e i cani. Secondo quanto riferito dai numerosi vicini sentiti – e sebbene le raccapriccianti immagini porterebbero a escluderlo –, l’appartamento al 14° piano era abitato da sette anni da una famiglia di cinque persone. I genitori – lui di origine balcanica e lei svizzera – e i tre figli, adolescenti, tutti minorenni. Secondo nostre informazioni, il giorno dell’intervento i ragazzi – due femmine e un maschio, affetto da problemi cognitivi – sono stati separati dalla mamma e dal papà e affidati a strutture sociali del Mendrisotto e del Luganese. Tutta l’operazione è partita infatti da una denuncia per presunte violenze domestiche: uno dei figli avrebbe riferito ai servizi sociali da cui è preso a carico che il padre avesse alzato le mani.

Il ‘Bronx’ del Ticino: Pink Panthers, droga e assistenza

«Qui è come un porto». «È la casa dei matti». Sono gli inquilini stessi a dirlo: il palazzo di via Industria non è un posto piacevole dove vivere. «Vivo qui da più da cinquant’anni – ricorda con ‘laRegione’ un’anziana –, una volta non era così: qui ci vivevano persino dei dottori». Poi, con gli anni le cose sono cambiate. Oggi, una considerevole fetta di chi vive in questo stabile di quindici piani in riva al fiume Cassarate sono persone in assistenza sociale, richiedenti l’asilo, tossicodipendenti. Persone al margine della società, in grosse difficoltà di vario genere. «La polizia viene spesso qui – spiega una donna –, ma non ci sentiamo sicuri: l’impressione è che non ci sia una vera sorveglianza». È dell’anno scorso un discusso e massiccio dispiegamento di polizia proprio lì, che ha portato alla scoperta di alcune infrazioni alle Leggi federali sugli stranieri e sugli stupefacenti. Di inizio anno invece l’arresto di quattro membri della famigerata banda di ladri Pink Panthers. Svariati poi i casi in cui gli appartamenti di via Industria hanno funto da punto d’appoggio per attività illecite in ambito di spaccio e consumo di droga.

‘Non bisogna ghettizzare’

Eppure, c’è chi alza la testa per dire no al degrado. Quegli inquilini – e sono comunque numerosi – onesti e perbene in primo luogo. E poi la commissione di quartiere di Pregassona. In un’intervista rilasciata a ‘laRegione’ pochi mesi fa invitava a non ghettizzare, promuovendo l’integrazione partendo da bambini e giovani, col rinnovo dei campi da calcio e da basket. Iniziative e dichiarazioni lodevoli, che tuttavia subiscono oggi un nuovo colpo d’immagine.

Alcolista e solo, il decesso che segnò Bellinzona

I cani non c’entrano, ma il tragico caso avvenuto quasi quattro anni fa a Bellinzona ha diversi elementi in comune con quello luganese. Era il gennaio del 2014 e dal vicolo Muggiasca un 66enne veniva ricoverato in condizioni disperate all’Ospedale civico di Lugano. Poche ore dopo, le apparecchiature che lo hanno tenuto in vita sono state spente. La sua morte ha contribuito a portare alla luce un drammatico caso di disagio sociale. L’uomo è deceduto per asfissia, dopo aver inalato il fumo dell’incendio che sviluppatosi nel suo appartamento. Le immagini di quest’ultimo hanno rivelato una realtà di profondo degrado, simile a quanto visto a Pregassona (cfr. articolo principale): rifiuti dovunque, dalla camera da letto alla cucina, fino al bagno. Pattume accumulatosi in grossa quantità, anche fino a un metro d’altezza. A spiccare, erano lattine e bottiglie. Il pensionato – che viveva solo – era infatti alcolizzato. Inoltre, come segnalato dai famigliari, l’uomo era seguito dall’Autorità regionale di protezione. Una tutela finanziaria, ma sotto accusa allora finirono proprio i servizi sociali, rei di non essersi accorti delle condizioni di vita dell’uomo. Una persona che, a causa dei problemi con l’alcol, aveva anche subito diversi ricoveri.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved