alto-malcantone-strada-cantonale-chiusa-per-oltre-due-mesi
Pablo Gianinazzi
Alto Malcantone
16.06.2016 - 16:54
Aggiornamento: 17.12.2021 - 09:07
a cura de laRegione

Alto Malcantone, strada Cantonale chiusa per oltre due mesi

Da lunedì 20 giugno al 26 agosto la strada cantonale sarà completamente sbarrata al traffico a Vezio. La chiusura è necessaria per importanti lavori nel nucleo che prevedono il completo rifacimento delle canalizzazioni e della pavimentazione stradale. Le frazioni di Arosio, Mugena e Vezio saranno raggiungibili normalmente da Gravesano, mentre Fescoggia e Breno da Bioggio-Cademario, Agno-Aranno e Magliaso-Novaggio. I villaggi del Medio Malcantone e la frontiera potranno essere raggiunti esclusivamente transitando sulle strade del Basso Malcantone (Manno-Bioggio-Agno-Magliaso-Ponte Tresa). Si invita a prestare la massima attenzione ai cartelli segnalatori posti con largo anticipo rispetto allo sbarramento dovuto al cantiere. Una segnaletica da rispettare scrupolosamente. Saranno effettuati controlli di polizia con possibili sanzioni per i trasgressori. Il cantiere di Vezio implica anche la soppressione di un certo numero di parcheggi. Tuttavia, d’intesa con il Cantone saranno predisposte aree di parcheggio provvisorie lungo la strada cantonale prima e dopo il villaggio di Vezio.
Per quanto riguarda i trasporti pubblici, la linea 423 dell’autopostale (Lamone-Miglieglia- Lamone) sarà interrotta a Vezio dove sarà situato il capolinea provvisorio. Gli orari saranno immutati rispetto alla griglia oraria usuale. Le fermate da Vezio fino a Fescoggia “zona Grotta” sono soppresse. La frazione di Fescoggia sarà servita temporaneamente dalla linea 427 (Cademario-Novaggio Magliaso) tramite un’unica fermata situata alla Grotta di Lourdes. La frazione di Breno e il Comune di Miglieglia saranno pure serviti esclusivamente dalla medesima linea. Gli orari di questa linea sono stati modificati e sono esposti alle varie fermate. Sono pure consultabili sul sito www.autopostale.ch. Il Municipio di Alto Malcantone si scusa per i disagi.

© Regiopress, All rights reserved