Locarnese

Su anche le tariffe della Ses, in media del 20 per cento

Nel 2024 un nucleo familiare ticinese con un consumo annuo di 4’500 chilowattora pagherà circa 255 franchi in più rispetto a quest'anno, nei Grigioni 171

31 agosto 2023
|

Nel 2024 la fattura dell’energia elettrica per i clienti ticinesi della Società Elettrica Sopracenerina subirà inevitabilmente un aumento medio del 20% circa (sui livelli dell'anno precedente quindi, quando il balzo era stato tra 20 e il 25%), con un prezzo al kW/h che passa dagli attuali 29,2 a 33,9 centesimi. Lo ha comunicato la stessa Ses, che ha sottolineato come per ragioni diverse, saranno al rialzo i valori delle componenti “Utilizzazione della rete” e “Consumo di energia”. Dopo l’importante rincaro del 2023 (tra il 65% e il 70%), per la clientela della bassa Mesolcina e Calanca l’adeguamento della tariffa dell’elettricità si attesterà invece attorno al 10%, grazie a un contenuto aumento del costo dell’energia.

In sostanza, spulciando le tabelle, emerge come per un nucleo familiare ticinese con un consumo annuo di 4’500 chilowattora (circa abitazione di 5 stanze, con piano cottura elettrico e asciugatrice) e un contratto standard (tariffa Ambra+ e prodotto tìacqua), la fattura totale passerà dai 1'315 franchi all'anno del 2023 a 1'570, per un aumento di 255 franchi (+19,39%). Nei Grigioni il balzo sarà invece di 171 franchi, da 1'676 a 1'848 (+10,25%).

"Dal punto di vista dell’approvvigionamento energetico – si legge nella nota –, Ses può contare su una limitata produzione proveniente dagli impianti idroelettrici e fotovoltaici di sua proprietà, in grado di coprire, in anni meteorologicamente ‘normali’, il 6-7% dell’erogato. Per il comprensorio ticinese, all’incirca il 30% è poi rappresentato da speciali contratti di fornitura di lunga durata sottoscritti con l’Azienda Elettrica Ticinese (Aet); per il rimanente 60-65%, la Sopracenerina è costretta a far capo al mercato all’ingrosso ed è quindi esposta alle fluttuazioni del prezzo dell’energia. Allo scopo di ridurre il rischio legato alle variazioni del costo dell’energia, Ses acquista il quantitativo necessario per il fabbisogno annuale nei tre anni che precedono la fornitura. Grazie a questa strategia d’approvvigionamento, oltre a contenere lo spropositato aumento del prezzo dell’energia verificatosi nel 2022, è stato possibile ottenere un prezzo mediato per il 2024 inferiore rispetto a quello offerto attualmente sul mercato dell’energia. L’energia distribuita nei cinque Comuni della bassa Mesolcina e Calanca viene invece acquistata dall’Unione di Comuni per l’Energia (Uce), che da una parte fa capo agli impianti di produzione di Energia del Moesano (EdM) e dall’altra opera sul mercato all’ingrosso tramite Aet".

Adeguamento verso l'alto per tutte le tariffe

In merito alla rete, "inciderà in modo importante la nuova tariffa ‘Riserva di energia elettrica’ di 1.20 cts/kWh, voluta dalla Confederazione allo scopo di coprire i costi inerenti alle misure implementate a livello nazionale per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento. A ciò si aggiunge la tariffa di prestazioni di sistema, riscossa per conto di Swissgrid, che passerà poi da 0.46 cts/kWh a 0.75 cts/kWh. Pure la voce ‘Tariffa di trasporto’ subirà un adeguamento verso l’alto a seguito in particolare dell’applicazione del tasso di costo del capitale investito nelle reti elettriche Wacc (relativo agli importanti investimenti sull’infrastruttura di trasporto e distribuzione) e a maggiori costi sulla rete a monte, indipendenti da Ses".

Le tasse e le prestazioni agli enti pubblici resteranno invariate nel 2024.

Alla luce della pubblicazione delle tariffe per il 2024, Ses invita la propria clientela "a un uso parsimonioso dell’energia elettrica e ad adoperarsi per ridurre il più possibile i consumi. Queste misure, come pure l’installazione di un impianto fotovoltaico, rappresentano le soluzioni più efficaci per contenere il rincaro della fattura dell’elettricità. Per consigli su come cambiare le proprie abitudini e informazioni legate al risparmio energetico, invitiamo i consumatori a visitare il sito web www.cisonomodimiglioriper.ch, dedicato alla campagna di sensibilizzazione lanciata recentemente dalla Sopracenerina".

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE