ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
17 min

Una preda nella tana: l’accusa alza la posta in gioco in Appello

Nella seconda giornata di processo parola al procuratore pubblico e all’avvocata della vittima.‘I tre ragazzi hanno creato un clima di terrore’.
Locarnese
1 ora

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
1 ora

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
2 ore

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
2 ore

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
2 ore

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
Luganese
2 ore

Lugano, un libro sulle aziende a conduzione familiare

L’Unione Cristiana Imprenditori Ticinesi presenterà all’Hotel Dante, una pubblicazione di Alessandro Scaglione
Mendrisiotto
2 ore

Entra in Svizzera nonostante l’espulsione: preso e processato

Per l’uomo vigeva il divieto di entrare nel nostro Paese. La Corte ha optato per l’espulsione immediata senza pena detentiva.
Ticino
2 ore

Blacklist morosi di cassa malati sospesa per tutto il 2023

La conferma arriva dal governo dopo la riunione della Piattaforma Cantone-Comuni: alla riattivazione della procedura, però, cambierà qualcosa
Bellinzonese
2 ore

I Puffi arrivano in esclusiva al Carnevale di Faido

I bagordi avranno luogo da mercoledì 22 a sabato 25 febbraio, quando la palestra si trasformerà nel villaggio di ‘Pufflandia’
Mendrisiotto
2 ore

Tornano i buoni pasto a Castel San Pietro

I residenti che ricevono una rendita Avs potranno richiedere, dal 13 febbraio, un tagliando di 20 franchi da utilizzare negli esercizi pubblici del paese
Mendrisiotto
3 ore

Aperte le iscrizioni per la ‘Walking Mendrisiotto’

La giornata si terrà domenica 16 aprile. Previsti quattro itinerari e vari corsi
Bellinzonese
3 ore

Per Carnevale Sobrio si trasforma nella contea di Hazzard

La manifestazione avrà luogo nella località leventinese sabato 11 febbraio, fra festa, maschere, balli, musica e buon cibo
Luganese
3 ore

Tre blackout in un mese: ‘Quando la sfortuna...’

A saltare ‘inspiegabilmente’ (forse un cortocircuito) un interruttore di sicurezza sul Pian Scairolo
Bellinzonese
4 ore

Giornata di formazione sulle valanghe ad Airolo Pesciüm

Appuntamento per domenica 12 febbraio, dalle 9 alle 14, all’Avalanche Training Center
06.12.2022 - 08:30
Aggiornamento: 19:06

Locarno-Timisoara, fra i nativi digitali l’amicizia è concreta

Tappa romena del gemellaggio fra classi di informatici, nato nell’ambito del progetto ‘La scuola al centro del villaggio’ promosso dal Cpt/Spai

locarno-timisoara-fra-i-nativi-digitali-l-amicizia-e-concreta
Un incontro prezioso fra informatici locarnesi e rumeni

«Non c’è dubbio che il gemellaggio in Romania sia stato un grande successo. Io e tutti i miei compagni coinvolti nell’esperienza siamo tornati con un bagaglio di esperienze positive; anche quelli inizialmente scettici hanno avuto modo di ricredersi». Firmato: Beniamino, informatico del quarto anno. «L’interscambio è stato un viaggio piene di scoperte e bei momenti, fra chiese dorate e castelli giganti. Il viaggio è anche stata una metaforica doccia fredda perché ci ha aiutato a renderci contro di quanto siamo fortunati di vivere in un Paese ricco come la Svizzera. Abbiamo avuto la fortuna di trovarci in una classe con persone davvero fantastiche. Nonostante ci fosse una barriera linguistica, siamo riusciti a passare momenti meravigliosi, che rimarranno impressi nelle nostre menti per sempre». Parola di Eric.

Il grande progetto "La scuola al centro del villaggio", ideato e promosso al Cpt/Spai di Locarno da Lorenzo Scascighini, si arricchisce dunque di un nuovo episodio da inserire nel già ricco filone del gemellaggio con la Romania. Lo scambio fra classi ticinesi e rumene aveva già permesso tre viaggi a Cluj dei locarnesi e due visite in Ticino degli amici rumeni tra il 2015 e il 2018; ora inizia un percorso da e per Timisoara, una nuova, sorprendente meta dove Scascighini, i due docenti accompagnatori Gabriele Cicek (elettronica ed elettrotecnica) e Domenico Sciulli (economia e diritto) hanno appena aperto un nuovo capitolo. Apprezzato non solo dai ragazzi locarnesi, ma anche dai loro coetanei che li hanno ospitati. Dice infatti Olga, studentessa di informatica di Timosara: «Durante la settimana trascorsa con gli studenti svizzeri ho avuto l’opportunità di capire molto delle differenze tra due bellissime culture e di vedere il mio Paese da un punto di vista diverso. L’incontro con nuove persone è sempre accompagnato da nervosismo ed entusiasmo, ma fin dal primo giorno della settimana l’intero gruppo ha comunicato con una facilità inaspettata. Quanto al lavoro scolastico, siamo riusciti a svolgerlo senza alcun inconveniente, ridendo, scherzando e collaborando. In più, visitare il mio Paese insieme a persone che non lo conoscevano mi ha permesso di prestare maggiore attenzione a mille piccoli dettagli per me inediti».

Scambi con obiettivo multiplo

«Con Timisoara lo scambio ha fatto secondo me un passo in avanti. Con la classe di informatici del quarto anno abbiamo potuto trascorrere un’intera settimana con un gruppo di 20 informatici in formazione rumeni selezionati per l’incontro – dice Scascighini –. Per tre mattinate si è lavorato in classe, realizzando anche un sito internet condiviso. Poi vi sono stati momenti in comune come la visita alla sede della Nokia, quella alla città di Timosoara e un paio di escursioni. Quasi inutile aggiungere che i ragazzi hanno fraternizzato anche "a modo loro", girando assieme la sera nel vivacissimo centro della città universitaria». Gli obiettivi di scambi simili sono, per Scascighini, «molteplici: di livello umano, culturale, professionale, storico, economico e anche linguistico, visto che i ragazzi fra loro hanno parlato inglese tutta la settimana. Andare in Romania significa innanzitutto conoscere un Paese superando i molti pregiudizi che possono esserci; nel caso della Romania, in particolare, questo è un aspetto centrale. Viaggiare diventa un’opportunità che va molto oltre la visione turistica; una cultura si conosce attraverso le persone, perché si fa e si condivide qualcosa con loro. Va anche detto che tutti i livelli dell’esperienza possono essere integrati e approfonditi nelle differenti lezioni della griglia oraria, ma il vantaggio, recandosi sul posto, è che le emozioni vissute faciliteranno e stimoleranno l’apprendimento; lo diceva già Platone che lo stimolo per imparare viene solo se lo si può legare a un’emozione».

L’emozione della scoperta, per i ragazzi, è stata impagabile. Anche e soprattutto dal profilo squisitamente umano. Dice ancora la giovane Olga: «Anche se abbiamo notato molte differenze tra i due Paesi in termini di sistemi educativi, modi di vivere, leggi e molto altro, mi sono resa conto sulla mia pelle che le persone sono sempre persone, indipendentemente dalla loro provenienza. Abbiamo scoperto di avere molti interessi in comune e siamo riusciti a creare amicizie in pochi giorni».

L’aspetto emotivo, ancora, «viene dal coinvolgimento umano – considera Scascighini –, dalla partecipazione, dal senso civico che ne deriva. Sono tutti strumenti fondamentali per formare nuovi cittadini, il che va ben oltre la "normale", ancorché utile, civica teorica che si fa normalmente a scuola».

Un concetto fatto interamente suo dal direttore del Cpt-Spai, Davide Böhny: «Il gemellaggio con la Romania ha radici profonde e storiche presso la nostra sede; infatti, è un percorso iniziato quasi vent’anni fa. Inoltre dal 2021 è richiesto alle scuole di realizzare un "Concetto di istituto per la promozione del plurilinguismo" e questo progetto ne è una parte importante. Si tratta di un’attività a tutto tondo che avrà un percorso. Ricordo anche che nella scuola sono sì importanti le competenze professionali e le competenze trasversali, ma è altrettanto fondamentale dare agli allievi la possibilità di svolgere attività straordinarie, che verranno ricordate per molto tempo, se non per il resto della vita».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved