ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
2 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
2 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
3 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
3 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
3 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
4 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
4 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
4 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
07.10.2022 - 16:49
Aggiornamento: 17:09

Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato

Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema

ad-ascona-si-pensa-a-un-moltiplicatore-fiscale-differenziato

Valutare la concreta possibilità di introdurre un moltiplicatore fiscale differenziato tra persone fisiche e giuridiche. È la richiesta contenuta in una mozione interpartitica presentata al Municipio di Ascona dai consiglieri comunali Marco Passalia (primo firmatario), Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra.

"Durante la seduta di Consiglio comunale dello scorso dicembre 2021 – si legge nell’atto presentato dai rappresentanti di Centro/Ppd, Lui e Plr –, la capogruppo del Centro/Ppd Michela Pedroli ha introdotto nella discussione sui preventivi il tema degli introiti fiscali per il nostro Comune, sostenendo che sul fronte delle entrate si possa provare a introdurre delle misure per apportare nuovo gettito fiscale. Come riportato nel rapporto sui Preventivi 2022 del Comune della Commissione della Gestione, riteniamo che con lungimiranza vada valutata la concreta possibilità di introdurre il moltiplicatore fiscale differenziato tra persone fisiche e giuridiche".

Un cambiamento di paradigma concesso dalle ultime riforme fiscali

Una possibilità concessa dall’ultima riforma fiscale cantonale, che "dà ai Comuni – a partire dal 1º gennaio 2025 – la facoltà di diversificare il prelievo fiscale tra persone fisiche e persone giuridiche in parallelo alla riduzione già prevista dell’aliquota cantonale. Le condizioni da rispettare per l’introduzione del moltiplicatore fiscale differenziato sono chiarissime: il valore minimo del moltiplicatore comunale deve corrispondere al 40%; tra i due moltiplicatori non vi può essere un divario superiore a 20 punti percentuali. In altre parole, la proposta che vogliamo introdurre mira a intervenire sulle entrate fiscali derivanti dalle persone giuridiche che oggi corrispondono a circa il 4% del gettito fiscale comunale".

Nello specifico, i mozionisti spiegano che "l’idea è di approfittare della presenza di residenze secondarie, di contribuenti abbienti e di globalisti per proporre loro l’opportunità di domiciliare ad Ascona holding o società di servizi che porterebbero substrato fiscale, posti di lavoro qualificati e quindi un indotto generalizzato senza creare particolari effetti negativi (traffico ecc.) vista la natura di queste forme societarie. Questa strategia si collocherebbe in un cambiamento di paradigma a livello cantonale, federale e internazionale. Le riforme fiscali approvate recentemente a livello svizzero e a livello cantonale ci danno dei margini di manovra più competitivi rispetto a qualche anno fa sfruttando il massimo potenziale a partire dal 2020. Inoltre, se guardiamo al contesto internazionale abbiamo visto che lo scorso ottobre i Paesi dell’Ocse (ben 136) hanno firmato l’intesa sulla tassazione minima delle multinazionali che renderà anche il nostro cantone tanto attrattivo quanto altri cantoni".

Fatte queste premesse, i consiglieri comunali invitano il Municipio "a valutare la tematica in questione con largo anticipo visto che si tratterebbe di inserire un’eventuale misura in questo senso nei preventivi 2025 durante l’esercizio contabile del 2024" e a "fare degli approfondimenti relativi alla possibile introduzione del moltiplicatore differenziato per apportare maggior gettito fiscale per il nostro Comune". In particolare, chiedono all’Esecutivo di "dare mandato al centro di competenze tributarie della Supsi (o ad altri istituti riconosciuti) per analizzare l’introduzione ad Ascona del moltiplicatore differenziato e simulare il potenziale incremento di gettito fiscale considerando tutte le possibili riduzioni del moltiplicatore per le persone giuridiche; presentare al Consiglio comunale – in particolare alla commissione della gestione – i risultati di questo studio; decidere se introdurre o meno il moltiplicatore differenziato basandosi sui risultati dello studio; in caso d’introduzione del moltiplicatore differenziato, organizzare una tavola rotonda con vari operatori economici di Ascona per definire le strategie promozionali per attirare società, aziende, holding e così via, sia agendo sugli attuali residenti sia facendo promozione attiva a livello cantonale, svizzero e/o internazionale".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved