ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
1 ora

La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa

Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
1 ora

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
10 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
10 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
10 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
19 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
19 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
19 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
19 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
19 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
19 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
20 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
20 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
21 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
21 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
laR
 
06.10.2022 - 05:10
Aggiornamento: 17:02

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre

hotel-arcadia-il-malessere-e-reale-cade-la-direzione
laRegione
L’Hotel H4 Arcadia sul lungolago di Locarno

Allontanamento immediato della vicedirettrice e non conferma dell’incarico, a partire dalla prossima stagione, per il marito direttore. Sono i gravi provvedimenti presi dalla Direzione generale di H4 Hotels a Berlino nei confronti della coppia che negli ultimi 2 anni e mezzo ha diretto l’H4 Hotel Arcadia, sul lungolago di Locarno: un luogo di lavoro, come la ‘Regione’ aveva riferito all’inizio di agosto, in cui maltrattamenti, minacce e pratiche di mobbing erano moneta corrente, creando nel tempo un malessere generalizzato e tanto profondo da far sprofondare diversi impiegati nel "burnout", a spingerne uno, addirittura, al tentato suicidio, nonché a determinare licenziamenti in tronco ingiustificati, come pure a indurre dimissioni di parecchi incolpevoli dipendenti.

La comunicazione alle maestranze

Le segnalazioni di un serio malfunzionamento dei rapporti Direzione-manodopera si sono invero protratte nel tempo, in pratica durante l’intero mandato della Direzione. Da lì l’intervento muscolare del sindacato Unia prima – che ha seguito e sostenuto diverse decine di impiegati – e dell’Ispettorato del lavoro poi, che aveva ritenuto necessario avviare un audit con il quale confermare o definitivamente smentire il malessere, ed eventualmente orientare la casa madre di Berlino della catena alberghiera sulle iniziative da prendere per finalmente voltare pagina.

Il doppio provvedimento nei confronti della vicedirettrice e del direttore è stato comunicato alle maestranze da un membro del Gruppo H4 Hotels, che con loro ha avuto nei giorni scorsi un incontro a Locarno. Alla base delle importanti decisioni vi sono le risultanze dell’audit intrapreso dall’Ispettorato del lavoro, dal quale è emersa una situazione tanto grave da spingere appunto l’azienda ad allontanare la vicedirettrice (cui sarebbe stata data anche l’interdizione di presentarsi da ora in avanti in albergo) e a non confermare, per la prossima stagione, il direttore suo marito; lo stesso direttore che, contattato due mesi fa dal nostro giornale, aveva bollato come «menzogne» le lamentele riguardanti il suo agire di una cospicua parte di dipendenti. Il dirigente potrà dunque terminare la stagione in albergo (che chiuderà fra tre settimane, a fine mese) ma poi tornerà ad assumere la sua funzione precedente nell’ambito del "food & beverage".

Dopo le pressioni, colloqui individuali

Decisiva, ai fini dell’audit, era stata la decisione di intervenire in modo più mirato, con colloqui individuali, dopo che v’era stata una manipolazione nella compilazione dei formulari sulla soddisfazione sul posto di lavoro sottoposti ai singoli dipendenti. In un primo momento, come denunciato dal sindacato, la Direzione aveva esercitato pressioni per non farli compilare, o affinché le compilazioni fossero collettive, quindi pilotate e non libere. Ciò aveva spinto Unia a reagire con un’opera di volantinaggio in cui venivano denunciate "pressioni e intimidazioni", sottolineando che "tutti hanno diritto a un ambiente di lavoro sicuro e sereno".

Da lì i colloqui individuali «che hanno permesso agli impiegati di dire liberamente la verità – nota Chiara Landi, responsabile per Unia del settore terziario –. Ad audit terminato, la Direzione generale del Gruppo ha presentato ai lavoratori non tutto il rapporto, ma un grafico che delinea con chiarezza una situazione terribile, che è poi quella più volte denunciata in passato da singoli collaboratori. Ma un conto è dirlo, un altro venire creduti». Fortunatamente, il modo in cui la situazione è stata affrontata da Unia e, parallelamente, dall’Ispettorato del lavoro, ha permesso di delineare un quadro chiaro e inequivocabile, di fare giustizia e di prendere adeguati provvedimenti.

‘Danni forti, gravi e pesanti’

La responsabile sindacale aggiunge che «gli impiegati sono evidentemente molto soddisfatti del risultato, così come lo siamo noi. Finalmente si potranno ripristinare dei rapporti sani fra Direzione e personale, e una conduzione costruita sul reciproco rispetto. Vorrei sottolineare che la maggior soddisfazione è stata espressa dalla manodopera per aver potuto dimostrare che il profondo disagio e il malessere fossero reali, e non soltanto la tesi di uno o due. Questo per noi era già chiarissimo, visto che i lavoratori che si erano rivolti al sindacato durante la scellerata Direzione erano stati tanti, denotando forti ripercussioni sul loro benessere psicofisico. Solo quest’anno, le persone spinte alle dimissioni sono state una dozzina, più una quindicina l’anno scorso, cui va aggiunto un licenziamento in tronco secondo noi del tutto ingiustificato, contro il quale è stata avviata una procedura per licenziamento abusivo. Diversi erano finiti in malattia. I danni sono stati forti, gravi e pesanti».

Auspicio del sindacato è che «la Direzione generale di H4 Hotels si prenda la briga di contattare tutte le persone coinvolte. In primo luogo per scusarsi e poi per provare a ricucire i rapporti e consentire a chi è stato fatto partire di tornare magari a lavorare, se lo vorrà, ma in un ambiente sano. Parlo di persone che tuttora stanno male per quanto successo. La stessa Direzione dovrà inoltre fare molta attenzione a monitorare sulla prossima conduzione, che dovrà tornare a mettere al centro il valore dell’essere umano per eliminare ogni residuo tossico che fosse rimasto dall’esperienza precedente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved