ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Pronto il logo degli Esterefatti del Rione Excelsior di Chiasso

L’immagine che raffigura l’indimenticato don Willy in sella alla sua bicicletta sarà presentata mercoledì 7 dicembre in piazza Bernasconi
Mendrisiotto
30 min

Riva San Vitale, un successo il concerto di Gala

La Filarmonica comunale diretta dal maestro Roberto Cereghetti attira un’ampia partecipazione popolare
Bellinzonese
50 min

Il Municipio di Bellinzona incontra i suoi diciottenni

Lunedì 5 dicembre si è tenuta la tradizionale cerimonia in cui l’autorità comunale ha accolto i neomaggiorenni
Ticino
52 min

In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia

Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
2 ore

Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento

Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Locarnese
2 ore

Brione, messa in memoria del Vescovo Togni

A un mese dalla scomparsa verrà celebrata una funzione religiosa domenica prossima. Sev e Fondazione Verzasca organizzano un trasporto gratuito
Luganese
2 ore

Lugano, potenziata l’offerta di trasporto pubblico

Con il nuovo orario, Tpl e Arl aumentano le corse, le frequenze nei fine settimana e il servizio nei quartieri. Nuovo nome per alcune fermate
Grigioni
3 ore

Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano

Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
3 ore

Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili

Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
3 ore

Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena

La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
3 ore

Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave

L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
Locarnese
3 ore

Hildebrand, il dottor Paolo Rossi nominato co-primario

Lo ha nominato il Consiglio di Fondazione della Clinica riabilitativa brissaghese.Affianca il dottor Ruggieri, che nel 2024 raggiungerà il pensionamento
Bellinzonese
4 ore

La Società federale di ginnastica Biasca in assemblea

Appuntamento in programma giovedì 15 dicembre alle 20.15 alla Bibliomedia, seguirà rinfresco natalizio
05.10.2022 - 20:27

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema

lupi-in-rovana-si-teme-seguano-le-prede-al-piano

I lupi della Rovana si aggirano per i nuclei abitati, indisturbati, anche in pieno giorno. Foto e filmati lo documentano in modo chiaro. E c’è da scommettere che con l’arrivo della stagione fredda e l’abbassamento delle loro prede naturali (ungulati in primis), presto gli avvistamenti saranno musica quasi quotidiana. Così da far crescere la paura tra i residenti. Per ora osservano incuriositi e se ne vanno. Il canide selvatico, si sa, teme l’uomo. Ma se dovesse accadere l’irreparabile, come l’aggressione a un bambino? In bassa Vallemaggia, notizia di questi giorni, il lupo avrebbe predato una pecora sui monti di Maggia; una seconda, invece, addirittura sulla piana dei Ronchini di Aurigeno. La prova che già si sono messi a rincorrere il bestiame sul fondovalle. «Quello del predatore è diventato un problema molto serio – sentenzia il sindaco di Campo Vallemaggia, Mauro Gobbi – Per questo abbiamo rivolto un appello alle autorità e competenti perché assumano finalmente i provvedimenti più idonei». L’occasione per richiamare l’attenzione delle istituzioni politiche e dell’Ufficio caccia e pesca l’ha offerta, giovedì scorso, un incontro tra istituzioni della Valle Rovana, rappresentanti del mondo agricolo valmaggese, dell’Associazione svizzera territorio senza grandi predatori e funzionari del Dipartimento del territorio. «Purtroppo da questo incontro non abbiamo cavato il classico ragno dal buco – prosegue Gobbi – Siamo dell’idea che non spetti a Berna decidere sul da farsi. Temiamo per l’incolumità delle persone, la gente inizia ad aver paura. A breve, con i colleghi sindaci di Cerentino e Bosco Gurin, avremo un incontro con i consiglieri di Stato Christian Vitta e Claudio Zali per rilanciare il discorso».

‘Impossibile chiudere il bestiame nei recinti, gli animali soffrono’

L’imperversare de i grossi predatori nella zona non è quindi più solo esclusivamente un problema del mondo agricolo. Anche se è quest’ultimo ad averne fatto le spese negli ultimi anni: «Le aziende agricole, dopo le innumerevoli predazioni alle greggi e al bestiame in generale, minacciano di chiudere. I sistemi di protezione sono efficaci si e no – commenta Marzio Coppini, presidente della Società agricola valmaggese – Costringere il bestiame a vivere all’interno dei recinti non è nemmeno salutare per pecore e capre. Mi stupisce che le Società di protezione animali non abbia ancora fatto sentire la sua voce al riguardo. Ora si tratta di capire se il mondo politico è pronto a sostenerci o se dovremo assistere alla lenta agonia del settore agricolo. Purtroppo i tempi decisionali di Berna sono lenti...».

‘Una delusione profonda’

Promotore dell’incontro nella capitale è stato Armando Donati, presidente dell’Associazione protezione del territorio dai grandi predatori: «Lo spunto per questa riunione l’ha offerto l’ultima predazione, stavolta di asini, in valle Rovana, una quindicina di giorni fa. Ho percepito grande scoramento tra gli agricoltori, da qui l’idea di attivarmi, anche perché il bestiame ha lasciato gli alpeggi e ora si trova nei boschi, ed è quindi maggiormente vulnerabile – osserva – Dal Cantone, attraverso la Sezione dell’agricoltura, ci aspettavamo messaggi di sostegno, che però non sono arrivati. E questo, non lo nascondo, mi ha profondamente deluso. Ripetere, come fa l’Ufficio caccia e pesca, che si sta facendo il possibile per trovare una soluzione non ci è di conforto. Sappiamo che i funzionari cantonali si stanno adoperando e che sperano di ottenere da Berna il nullaosta all’abbattimento del lupo. Ma è chiaro che sinché Berna non cambia parere, non si andrà mai da nessuna parte».

I fondi inutilizzati per l’estivazione vengano impiegati in autunno

Un’altra richiesta giunta alle autorità cantonali durante la riunione è quella d’impiegare la parte inutilizzata del credito stanziato dalla Confederazione (5,7 milioni, ndr) quale misura di sostegno all’estivazione del bestiame per aiutare i contadini e allevatori ticinesi nel periodo autunnale. «Si tratta, nel caso del Ticino, di grossomodo 500mila franchi che potrebbero servire alla prevenzione degli attacchi del lupo nelle nostre valli. Tuttavia c’è un problema da risolvere: quei fondi erano destinati alla stagione estiva e quindi bisognerà convincere Berna ad accettare questa proposta di ‘prolungo’. La domanda è stata inoltrata, dalla capitale non è però ancora giunta risposta. La situazione per i nostri agricoltori, intanto, rimane critica e questo a mio modo di vedere è inaccettabile» – conclude Donati..

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved