ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
4 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
4 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
4 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
4 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
4 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
5 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
5 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
6 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
6 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
6 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
6 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
6 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
6 ore

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
7 ore

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
04.10.2022 - 16:25
Aggiornamento: 16:47

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico

collaborazione-tra-eoc-e-santa-chiara-insorgono-ps-e-mps
Ti-Press
L’ospedale regionale La Carità a Locarno

Suscita dubbi e perplessità l’annunciata collaborazione nel Locarnese fra l’ospedale La Carità (dell’Eoc) e la clinica Santa Chiara. I due istituti, sotto l’occhio vigile del Dipartimento sanità e socialità (Dss), avvieranno un progetto pilota per approfondire la possibilità di una futura suddivisione dei compiti in ambito ginecologico e ostetrico. In sostanza, verranno accentrate tutte le nascite all’ospedale regionale, mentre la ginecologia operatoria sarà concentrata alla clinica privata. Obiettivo, stando a un comunicato dell’Eoc: "Migliorare la qualità della presa a carico e valorizzare le competenze presenti nella regione".

A insorgere, con due interpellanze, sono Ps e Mps. Per i quattro granconsiglieri socialisti (prima firmataria Laura Riget) "l’importanza del progetto impone di approfondire alcuni concetti di fondo. Una strategia spesso usata dal settore privato (a ragione, dal loro punto di vista) è quella di specializzarsi nei settori più redditizi, abbandonando, o meglio scaricando, al settore pubblico quelli più onerosi. Il progetto locarnese, di primo acchito, sembra esattamente questo: la privatizzazione degli utili agli azionisti della clinica con un comparto redditizio, quello della ginecologia operatoria, e lo scarico del settore con meno margine al pubblico, ossia l’ostetricia. Mal si capisce questa strategia da parte del settore pubblico, che semmai dovrebbe migliorare la sua offerta rafforzando le sinergie al suo interno e non esternalizzando servizi importanti".

E ancora: "Un aspetto strategico che lascia quasi basiti, è che a prima vista siamo di fronte a un chiaro indebolimento dell’Ente ospedaliero cantonale, a tutto vantaggio del partner privato. La strategia dell’Eoc, di concentrare le offerte altamente specialistiche garantendo nel contempo la presa a carico di base su tutto il territorio anche nel campo della ginecologia e ostetricia, è condivisibile. Non si capisce quindi, come mai l’ospedale pubblico dovrebbe cedere una parte delle proprie attività, frammentando di fatto ulteriormente l’offerta, senza sicuri benefici dal punto di vista della qualità delle cure, della sicurezza delle e dei pazienti e dei costi sanitari. Qual è il vantaggio per l’Eoc in questa strategia di salvataggio? Si vedono chiaramente quelli per il privato, ma per l’ente pubblico, quali sono?". Il Ps chiede pure dettagli sui termini dell’accordo e sulle basi giuridiche su cui si fonda il progetto, ma anche come s’inserisce nella nuova pianificazione ospedaliera e se l’Eoc ha già discusso la possibilità di acquisire la Santa Chiara. Più in generale, "qual è la visione strategica? Assumersi i cattivi rischi e lasciare libero il campo nei settori più redditizi?".

L’Mps: ‘Il lupo perde il pelo ma non il vizio!’

Toni accesi nell’interpellanza sullo stesso tema presentata da Mps-Pop-Indipendenti (Matteo Pronzini, Simona Arigoni, Angelica Lepori). Il titolo: "Il lupo perde il pelo ma non il vizio!". Il testo: "Passano gli anni, cambiano i consiglieri di Stato, ma la solfa è sempre la stessa. Non si può aggiungere altro nel leggere il pomposo comunicato stampa redatto dalla Clinica Moncucco e fatto firmare e spedire all’Ente Ospedaliero Cantonale in relazione al cosiddetto progetto pilota in ambito ginecologico e ostetrico nel Locarnese. Tale progetto, leggendo il comunicato stampa e l’articolo commissionato al Corriere del Ticino, ci fa ritornare ai discorsi e ai metodi messi in atto dal Dss nella prima parte degli anni 2010 a margine della discussione sulla pianificazione ospedaliera e al successivo referendum contro la modifica della Legge ospedaliera cantonale". Legge che, ricordano gli interpellanti, "voleva di fatto aprire la strada a una collaborazione in ambito ospedaliero tra pubblico e privato", ma che fu bocciata alle urne. E già allora uno dei temi centrali del dibattito riguardava il settore dell’ostetricia e ginecologia. Il gruppo punta il dito sul fatto che con il progetto pilota si sta "mettendo il Legislativo cantonale davanti al fatto compiuto". Il Gran Consiglio (a eccezione dell’Mps), pochi mesi fa ha votato una modifica di legge "con la quale di fatto ha rinunciato alle proprie competenze in ambito di pianificazione ospedaliera. Sintomatico, a tal proposito, che la commissione sanità e socialità non abbia dato comunicazione dell’incontro avuto con la direzione della Clinica Moncucco. Si lascia ai ‘tecnici’ l’iniziativa d’informare, con evidenti vantaggi, l’opinione pubblica. Non può inoltre essere dimenticato che proprio in questi giorni circolano voci sempre più insistenti sul fatto che la Clinica Moncucco abbia proceduto alla disdetta, per il 31 dicembre 2022, del contratto collettivo di lavoro valido per i dipendenti della Clinica Santa Chiara. Tale Ccl prevedeva, soprattutto per il personale meno qualificato, migliori condizioni contrattuali (ad esempio salario e vacanze). Proprio un bell’inizio".

L’Mps, infine, segnala che "l’ostetricia sia meno redditizia della chirurgia ginecologica". Tra le domande al governo: "Non ritiene che questo progetto sia in contraddizione con il parere espresso dalla popolazione ticinese nella votazione popolare del 2016? Conferma le voci sempre più insistenti che l’attuale Ccl in vigore presso la Santa Chiara sia stato disdetto per il 31 dicembre 2022? È stata fatta una proiezione, per i prossimi 10 anni, del fabbisogno di cure ginecologiche e delle potenziali nascite? Se sì, chiediamo che venga illustrata. Quali sono i rispettivi fatturati per i due settori di Eoc e Santa Chiara e quali sono i tassi di redditività?".

Leggi anche:

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved