ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
3 ore

La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa

Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
3 ore

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
12 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
12 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
21 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
21 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
21 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
03.10.2022 - 18:30
Aggiornamento: 18:47

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara

ginecologia-e-ostetricia-si-valuta-la-collaborazione
Ti-Press
La Carità si suddividerà i compiti con la Santa Chiara

La direzione dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) e i vertici dell’ospedale La Carità di Locarno, congiuntamente al Consiglio di amministrazione e alla direzione della Clinica Santa Chiara, hanno avviato un progetto pilota, con il sostegno del Dipartimento sanità e socialità, per approfondire la possibilità di una futura collaborazione in ambito ginecologico e ostetrico, con il chiaro obiettivo "di migliorare la qualità della presa a carico di tutte le pazienti del Locarnese che necessitano di prestazioni in questi due settori e di valorizzare le risorse attive nella regione".

"Il convinto sostegno dei ginecologi della regione e dei vertici dei due istituti costituiscono delle solide basi su cui costruire una possibile sinergia che promette importanti ricadute per tutta la regione", si legge in una nota ai media. Eoc e Clinica Santa Chiara "sono fiduciose che questo progetto pilota troverà il sostegno di tutta la regione e di fatto aiuterà sul medio e lungo periodo le due strutture a garantire alle donne del Locarnese una presa a carico di elevata qualità e prossimità". Tale progetto prevede che le nascite di tutto il Locarnese siano in futuro concentrate presso l’ospedale La Carità, mentre la ginecologia operatoria sarà concentrata presso la Clinica Santa Chiara.

"Durante questa fase pilota entrambe le strutture si impegnano a collaborare con tutti i ginecologi e le ginecologhe della regione e a integrare nel Servizio di ostetricia anche le neonatologhe già presenti nel territorio. Al personale medico e paramedico delle due strutture si assicurano le condizioni contrattuali in essere, nell’ottica di mantenere e se possibile migliorare l’attrattività delle funzioni".

Questo progetto pilota, il cui ipotetico inizio è previsto a primavera 2023, mira a mantenere nel Locarnese le competenze acquisite negli anni dall’Ospedale regionale di Locarno e dalla Clinica Santa Chiara, rafforzandole in termini di sicurezza e qualità. Un migliore impiego delle risorse a disposizione si ripercuote inoltre in termini di efficienza sull’insieme dei costi di gestione del settore ospedaliero stazionario.

"Il progetto sarà monitorato da un gruppo di pilotaggio e prevede dei ritorni puntuali all’autorità cantonale, in particolare sulla sua implementazione e sul riscontro che questa offerta innovativa troverà nella popolazione del Locarnese, al fine anche di valutare il consolidamento del progetto pilota nell’ambito della pianificazione ospedaliera. I due nosocomi sono fermamente convinti che questa focalizzazione delle competenze possa garantire sul medio e lungo termine alla popolazione della regione la presenza nel territorio di una maternità e anche di un istituto in cui eseguire tutti gli interventi ginecologici".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved