ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
14 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
18 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
22 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
22 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
22 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
03.10.2022 - 17:22

Locarno, incontro in mediateca

Il primo del nuovo ciclo dedicato all’inconoscibilità. Relatore: il filosofo Raffele Scolari

locarno-incontro-in-mediateca
Ti-Press
Il Centro professionale di Locarno

Mercoledì 5 ottobre, alle 17.30 si terrà il primo incontro del nuovo ciclo "Incontri in mediateca", dedicato al tema dell’inconoscibilità. Tutti gli incontri sono aperti al pubblico e hanno luogo nella mediateca del Centro professionale Locarno, via alla Morettina 3. Relatore del primo incontro sarà il filosofo Raffaele Scolari.

Descrizione del ciclo

"Inconoscibile", "imponderabile", "ignoto", "indeterminabile", "soprannaturale" designano, con altri termini contigui, ciò che non conosciamo, che non possiamo conoscere, che rimane avvolto nel mistero, che forse l’uomo non potrà mai conoscere. Ma non è necessario elevarsi ad altezze metafisiche, anche nella vita quotidiana ci troviamo confrontati con ciò che non sappiamo, che oggi non possiamo sapere e che forse non sapremo mai. L’inconoscibile è intessuto nella trama del conoscibile, è la sua ombra ineliminabile o solo parzialmente ineliminabile; pragmaticamente è un che con cui dobbiamo necessariamente fare i conti.

Nel ciclo di quest’anno degli Incontri in mediateca il tema, come di consueto, verrà affrontato da molteplici prospettive disciplinari, con l’obiettivo di mettere a fuoco alcune delle tante strategie messe in campo nei vari ambiti della vita in società per fare fronte a, o semplicemente per convivere con, i buchi neri della ragione.

Inconoscibilità, la prima conferenza

Un’importante asserzione dell’inconoscibilità è quella di Immanuel Kant del "noumeno" o "cosa in sé". Com’è la realtà in sé, ossia senza il nostro apporto interpretativo? Com’è il nostro mondo visto da un extraterrestre? Sono domande ingenue, che tuttavia non cessano di riproporsi, oggi come in passato, con la differenza che ai nostri giorni si inquadrano nella prospettiva di una possibile fine materiale del mondo, di un possibile futuro della Terra senza uomini. Sarà senz’altro vero che l’affermazione dell’in-sé inattingibile è una necessità della ragion pratica, cioè che per pensare e conoscere il mondo dobbiamo postulare l’esistenza della realtà a prescindere dalla nostra presenza, nondimeno l’ignoto è come un tarlo che ci accompagna nel nostro vivere di tutti i giorni così come in ogni nostro viaggio o impresa di scoperta. Non possiamo mai sapere esattamente come vede il mondo il nostro vicino, cioè stare nella sua testa, così come non è determinabile, nel famoso esperimento mentale di Schrödinger, se il gatto nella scatola sia vivo o morto. L’inconoscibile ha molti volti, e non ci aiuta molto dire che l’ignoto sta in un rapporto dialettico, di reciproca implicazione, con il noto. In talune opere di fantascienza si narra d’incontri con entità incomprensibili, di cui l’uomo nemmeno riesce a capire se lo guardano oppure se lo ignorano completamente, tal che ogni progetto di scoperta e conoscenza fallisce miseramente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved