ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
3 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
3 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
4 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
4 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
4 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
4 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
26.09.2022 - 16:56
Aggiornamento: 17:38

Losone, per lo Zandone ‘pochi bus e niente ciclopista’

Interpellanza del Centro (Ppd+Gg) per l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta verso la zona industriale

losone-per-lo-zandone-pochi-bus-e-niente-ciclopista
Ti-Press
L’area industriale-artigianale

Privilegiare l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta sul percorso casa-lavoro. Ma non sempre è facile o possibile. Sul tema interviene il gruppo del Centro (Ppd+Gg) di Losone, con un interpellanza al Municipio (primo firmatario Romolo Pawlowski). Nella stessa si ricorda che lo scorso agosto la "Georg Fischer machining solutions Sa" (ex Agie) ha spostato i suoi uffici amministrativi nella zona industriale comunale dello Zandone, dove è già presente il sito produttivo dell’azienda. I posteggi però sono insufficienti per i veicoli di collaboratrici e collaboratori. "Perciò la società ha proposto ai propri dipendenti un contributo al costo degli abbonamenti (un gesto lodevolissimo), oltre ad aver invitato a optare per la mobilità dolce per recarsi sul posto di lavoro – si legge nell’interpellanza –. L’azienda, per facilitare l’accesso alla propria sede, ha intavolato una discussione con le Fart, in modo da estendere più corse della Linea 7 fino allo Zandone, rispetto all’orario attuale". Ma per ora senza risultato. Pawlowski segnala inoltre che a livello di comunità tariffale lo Zandone risulta all’esterno della zona 30 di Locarno; quindi biglietti e abbonamenti costano di più (occorre aggiungere una zona).

Ma c’è dell’altro: "Al di là del trasporto pubblico, ci siamo resi conto che non esiste una pista ciclabile verso l’area industriale dello Zandone, e questo a discapito non solo dei dipendenti dell’ex-Agie, ma anche delle lavoratrici e dei lavoratori delle altre numerose aziende. Senza dimenticare i turisti dei vicini camping e gli appassionati del ciclismo. Si fa notare, oltretutto, che la strada da percorrere in bicicletta è fuori dall’abitato e il limite di velocità è (ovviamente) di 80 km/h. La circolazione di biciclette su quel tratto, contraddistinto anche da alcune curve appena sopra la zona industriale, potrebbe cagionare dei pericoli sia per i ciclisti, sia per gli automobilisti".

Anche il collegamento alla ciclopista sull’argine non è ottimale: "I ciclisti provenienti dalle Terre di Pedemonte e dalla campagna di Losone sono quindi obbligati a fare il giro oppure a smontare di sella e a percorrere un sentiero nel bosco fino alla strada asfaltata".

Il gruppo chiede al Municipio se è a conoscenza dell’esito delle trattative tra ex Agie e Fart per aumentare il numero di corse verso lo Zandone e se intende fare qualcosa in merito. Ma anche se è interessato ad avviare una discussione con le autorità competenti per estendere l’abbonamento della zona 30 anche allo Zandone.

E poi, per favorire gli spostamenti in bici: "Come giudica il Municipio il fatto che fino allo Zandone non vi sia un percorso ciclabile nonostante questo rappresenti un importante polo industriale per la regione e nonostante la volontà d’investire nella mobilità lenta? Ci sono dei progetti in corso per ovviare a questa situazione, rispettivamente non si potrebbe provvisoriamente trasformare il marciapiede esistente in una pista ciclopedonale? Ci sarebbe la possibilità di estendere la pista ciclabile dopo il "ponte rosso" tra Tegna e Losone fino allo Zandone, creando dunque un accesso diretto alla zona industriale dall’argine, rispettivamente un semplice passaggio adatto anche alle biciclette?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved