ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
5 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
5 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
5 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
6 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
6 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
6 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
6 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
6 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
7 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
7 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
8 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
8 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
18.09.2022 - 19:18
Aggiornamento: 19:33

Associazione Armònia, sempre più luminoso il raggio di speranza

Violenza domestica: nel 2021 accolte 19 donne e 20 bambini nella Casa. In crescita le consulenze. Cima-Vairora affida la presidenza a Lorena Santo

a cura di Red.Locarno
associazione-armonia-sempre-piu-luminoso-il-raggio-di-speranza
Ti-Press
La violenza domestica, una ferita sempre aperta

Diciannove donne e 20 bambini ospitati. La maggior parte arrivati su segnalazione dei vari servizi presenti sul territorio, della polizia, del Pronto soccorso e della Casa delle Donne a Lugano. Le autosegnalazioni sono state 5. Un terzo delle donne accolte era indigeno, mentre il resto originario di diversi altri Paesi: Italia, Bosnia, Kosovo, Cuba, Brasile, Tunisia, Serbia, Sri Lanka, Turchia, Siria ed Eritrea.

Sono i dati essenziali dell’attività 2021 di Casa Armònia, la cui omonima associazione ha tagliato nel 2021 il traguardo dei 30 anni di esistenza. "Tre decenni di impegno contro la violenza domestica – nota l’Associazione Armònia – ricordati in un libro e con diverse attività ed eventi". Poi è arrivato il 2022, l’anno in cui la fondatrice di Casa Armònia, Linda Cima-Vairora, "colei che ha gettato le fondamenta" della Casa, ha deciso di lasciare la carica di presidente, affidandola a Lorena Santo. Lo ha fatto «con un certo rincrescimento ma anche con tutta tranquillità, perché l’associazione è solida, con un comitato e delle operatrici veramente competenti e impegnati». Un ringraziamento, con l’affetto e la gratitudine dovuti alla fondatrice e anima dell’associazione, è stato tributato da socie e soci, che in occasione della recente assemblea l’hanno nominata presidente onoraria.

Con Linda Cima-Vairora hanno lasciato il comitato direttivo anche Idea Canevascini, pure tra i membri fondatori e pure ringraziata calorosamente, così come Simona Canevascini Venturelli, che ha però assunto la funzione di coordinatrice amministrativa, ruolo nuovo creato dal comitato nell’ambito della riorganizzazione della gestione dell’associazione.

La presidenza è dunque stata assunta da Lorena Santo, che in comitato lavorerà con Nadia Gianora Lanini (vicepresidente), Alessia Dolci, Corrado Foletta, Brenno Galli, Roberto Martinoni e Katia Morinini.

Richiestissimi i contatti telefonici

Detto delle 19 donne e dei 20 bambini accolti nel 2021, anno della pandemia, l’associazione Armònia sottolinea che il Covid-19 è stato affrontato "con grande professionalità dalle operatrici di Casa Armònia". Molto richiesti sono stati i contatti telefonici, che, oltre a gestire l’accoglienza, hanno permesso di offrire ascolto e preziose informazioni sulla problematica della violenza domestica, ma anche di "mantenere un contatto rassicurante con le ospiti, quando le operatrici non erano presenti nella Casa". C’è poi l’Appartamento, spazio abitativo separato dalla Casa; esso riveste da ormai 6 anni un ruolo importantissimo quale struttura di passaggio per le donne che hanno terminato il loro percorso a Casa Armònia, ma che ancora non hanno trovato un appartamento proprio.

Un aspetto fondamentale dell’attività di Casa Armònia è, come si è visto, quello riguardante l’accoglienza di persone che provengono da altre culture, che non conoscono la lingua e le abitudini del nostro Paese. Ciò "richiede un’apertura mentale non indifferente e un’attenzione particolare nella lettura delle situazioni: una presa di coscienza della complessità del contatto interculturale di cui le operatrici hanno dovuto dare prova, così come della necessità di trovare un canale di comprensione attraverso l’ascolto ‘con tutti i sensi’: quella non verbale rappresenta infatti più del 70% della comunicazione". Operatrici e supplenti sono state ringraziate dalla presidente onoraria per la loro professionalità, così come le volontarie per la loro disponibilità e "tutte le persone che con il loro sostegno permettono all’associazione di assicurare un luogo protetto e di accoglienza alle donne che subiscono violenza domestica".

Raddoppiate le consulenze

Il Consultorio Alissa, attivo per consulenze in ufficio o telefoniche (091 826 13 75) il martedì dalle 9 alle 13 e dalle 13.30 alle 17.30 e il venerdì dalle 8 alle 12. Ed è un’opera fondamentale, visto che le consulenze, nel 2021, sono praticamente raddoppiate: da 87 a 164.

L’attività della Casa e del Consultorio è possibile grazie al grande lavoro offerto a titolo gratuito dal comitato direttivo, al sostegno finanziario dei soci, di diversi Comuni, club e gruppi vari e a un contratto di prestazione con il Cantone. Per conoscere Associazione Armònia si può consultare il sito www.associazionearmonia.ch, e per sostenerla la tassa annuale è di 30 franchi. Casa Armònia è aperta 7 giorni su 7, giorno e notte; picchetto telefonico, 0848 33 47 33.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved