ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
29 min

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
48 min

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
52 min

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
1 ora

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
1 ora

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
1 ora

Magliaso, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo si è accasciato a terra all’altezza della rotonda per Pura ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
1 ora

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
2 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
2 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
2 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
2 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
08.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:34

Locarno, l’agente a rischio si oppone e ottiene sostegno

Il poliziotto a cui è stato prospettato il licenziamento per presunti atti di esibizionismo contesta l’inchiesta. I suoi colleghi scrivono al Municipio

locarno-l-agente-a-rischio-si-oppone-e-ottiene-sostegno

L’agente della Polizia comunale di Locarno a rischio licenziamento a causa di presunti atti di esibizionismo non ci sta. Nei giorni scorsi, attraverso il suo avvocato, si è infatti opposto alle misure che gli sono state prospettate (che appunto arrivano fino all’interruzione del rapporto di lavoro) e ha presentato per iscritto al Municipio le proprie osservazioni in merito all’inchiesta che lo coinvolge, definita arbitraria e di cui ne contesta dettagliatamente premesse, modalità e conclusioni.

Tra le novità, emerge pure un appello a sostegno dell’agente a rischio licenziamento firmato da una quarantina di suoi colleghi e inviato al sindaco Alain Scherrer e al resto del Municipio cittadino. Una missiva che verosimilmente è già finita tra gli atti dell’inchiesta amministrativa sulla stessa Polcomunale locarnese, condotta dall’ex procuratore Marco Bertoli.

I fatti emersi nell’ambito dell’inchiesta amministrativa ancora in corso

Una procedura quest’ultima che lo ricordiamo era stata commissionata dallo stesso Esecutivo per far luce su un presunto malcontento all’interno del Corpo di Polizia, manifestatosi – come sottolineato lo scorso febbraio da un’interrogazione interpartitica a 22 firme – anche con la partenza di diversi agenti (si parlava di 12) in poco tempo. Cifre in seguito ridimensionate dal capodicastero sicurezza Pierluigi Zanchi, ma che hanno comunque portato all’apertura della citata inchiesta amministrativa affidata all’avvocato Bertoli. Quest’ultimo lo scorso giugno ha presentato un rapporto intermedio al sindaco Scherrer e colleghi che, dopo averlo esaminato, hanno proceduto a una serie di audizioni e incontri con gli agenti e con il comandante Dimitri Bossalini, in seguito ai quali si è deciso di far proseguire – estendendolo – il lavoro di Bertoli.

E proprio dalle testimonianze raccolte dall’ex procuratore, sono emersi i fatti contestati all’agente ora a rischio licenziamento, il quale avrebbe commesso, mentre era in servizio, presunti atti di esibizionismo davanti ai propri colleghi e in particolare nei confronti di una (ora) ex collega. Un agire nel quale non sono stati riscontrati elementi di rilevanza penale, ma ritenuto tuttavia inopportuno considerata anche la sua funzione. Da sottolineare inoltre come l’uomo non sia stato sospeso, in quanto la misura è stata ritenuta non proporzionale dal Municipio, che attendeva tra l’altro una presa di posizione dell’interessato. Osservazioni infine arrivate e attraverso le quali l’agente respinge le accuse, opponendosi al prospettato licenziamento.

38 poliziotti sostengono il collega e chiedono chiarimenti all’Esecutivo

Le spiegazioni del poliziotto non sono però l’unica raccomandata arrivata recentemente a Palazzo Marcacci, visto che pochi giorni fa a sindaco e colleghi è stata recapitata pure una lettera spontanea, redatta e firmata da ben 38 agenti (in totale sono poco più di una quarantina) della Polcomunale locarnese, nella quale in sostanza si esprime sostegno e massima stima nei confronti del collega a rischio licenziamento, sottolineandone le qualità sia a livello professionale, sia umano.

Il contenuto dettagliato della missiva, per ora, resta confidenziale. Tuttavia, da nostre fonti, risulta che i firmatari, oltre a invitare l’Esecutivo cittadino a sentire tutti i colleghi dell’agente sotto "accusa" – non tutti sarebbero stati interpellati, creando in taluni la sensazione di non venir presi in considerazione –, chiedono di rivedere la decisione presa nei suoi confronti, in particolare la prospettata interruzione del rapporto di lavoro.

Nella lettera gli agenti domandano infine chiarimenti sullo stato dell’inchiesta amministrativa in corso, che era stata prospettata loro dal sindaco e dal segretario comunale già in occasione del rapporto di Corpo del gennaio 2022 ma che, secondo i firmatari, si è nel frattempo tramutata in un accanimento nei confronti di una persona specifica.

Leggi anche:

Polcom Locarno, il figlio del comandante a rischio licenziamento

Locarno, agenti in fuga dalla Polcomunale. Il Municipio che fa?

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved