ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
3 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
6 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
10 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
10 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
10 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
18 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
19 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
20 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
20 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
20 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
29.08.2022 - 17:16
Aggiornamento: 17:48

I Verdi di Locarno: spegnere le luci quando non servono

Attraverso una mozione invitano a un utilizzo parsimonioso dell’energia, chiedendo che la città illumini dove c’è bisogno e solo se c’è bisogno

i-verdi-di-locarno-spegnere-le-luci-quando-non-servono

Agire oggi per contrastare ancor di più la penuria energetica domani, illuminando solo dove c’è bisogno e solo se c’è bisogno. È quello che chiedono al proprio Municipio i Verdi e Indipendenti di Locarno, che in una mozione che vede quali primi firmatari Matteo Buzzi e Francesca Machado-Zorrilla sottolineano come "oggi più che mai è importante l’utilizzo parsimonioso e intelligente delle risorse. Senza misure di risparmio, nel prossimo inverno anche la Svizzera è a rischio di temporanei blackout e razionamenti energetici. La penuria energetica colpisce chiunque, e appare quindi logico che ognuno faccia la propria parte per evitare gli sprechi".

Nella mozione si applaude il Municipio, "che si è attivato prontamente per affrontare la questione della riduzione dei consumi di energia comunale", investendo anche in fonti alternative, ottimizzando i consumi e sostituendo negli scorsi anni l’illuminazione pubblica con luci Led.

"Uno degli ambiti in cui pare relativamente facile attuare misure di risparmio – proseguono i mozionanti –, è quello dell’illuminazione pubblica nelle ore notturne, sulla scorta di quanto già avviene in diversi comuni come ad esempio Lumino, ma anche centri abitati più grandi come Val-de-Ruz nel Canton Neuchâtel o le città di Neuchâtel, Nyon, Friborgo, Délémont, Losanna, Ginevra e Berna. Così da risparmiare elettricità, ridurre l’inquinamento luminoso e le emissioni di CO2. Particolarmente interessante l’esempio di Berna, che ha introdotto e implementato le proprie misure a seguito di un processo partecipativo con la popolazione e i diversi partner privati. Questo favorisce proposte di risparmio anche per popolazione e commerci, come lo spegnimento la notte dopo una certa ora di insegne, vetrine, centri commerciali e giardini, solo per citare alcuni esempi. La riduzione dell’inquinamento luminoso porterebbe innumerevoli vantaggi, tra cui per esempio: la riduzione dello spreco di energia; la riduzione delle spese per l’elettricità (i cui costi sono in forte aumento); la riduzione dell’impatto sulla salute umana e degli effetti nefasti su fauna e flora; la riduzione di immissioni luminose pubbliche indesiderate in spazi privati (per esempio camera da letto)".

Meno luce di notte (pubblica e privata), sensori e sensibilizzazione

All’atto pratico, i Verdi e Indipendenti chiedono all’esecutivo locarnese di "modificare i necessari regolamenti comunali o, se lo ritiene più opportuno, adottare un nuovo regolamento comunale concernente l’illuminazione esterna, la riduzione dello spreco e la prevenzione dell’inquinamento luminoso, affinché l’illuminazione pubblica e privata esterna sia ridotta allo stretto necessario. In particolare si dovrà prevedere: lo spegnimento dell’illuminazione pubblica e privata esterna nelle ore notturne ovunque questo sia possibile; l’installazione di sensori di movimento e accensione automatica delle luci, rispettivamente dei temporizzatori, dove per motivi di sicurezza non fosse possibile lo spegnimento totale dell’illuminazione stradale; delle campagne di sensibilizzazione della popolazione e dei commerci a un uso parsimonioso delle risorse e in particolare dell’energia, come anche raccomandazioni o buone pratiche per limitare l’illuminazione artificiale, visibile nello spazio pubblico (vetrine, insegne, uffici disabitati di notte, residenze ecc.) laddove un’imposizione non sia possibile; una sensibilizzazione alle buone pratiche di professionisti, pianificatori, architetti, ingegneri, installatori locali, richiedendo per esempio l’applicazione della norma Sia 491 nell’ambito dell’approvazione di nuovi permessi; la partecipazione dei funzionari responsabili a seminari e scambi di esperienza a livello nazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved