ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Mendrisiotto
8 min

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
28 min

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
44 min

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
45 min

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
3 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
17.08.2022 - 15:55
Aggiornamento: 17:40

Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo

Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo

alta-vallemaggia-due-vitelline-ferite-dal-lupo
archivio Ti-Press
Bovini sui pascoli in quota attaccati dal predatore

Ancora lui, il lupo, in Alta Vallemaggia. La feroce e ingombrante presenza del predatore è data per certa in zona: da mesi miete vittime nel triangolo della pastorizia tra l’Alpe Sfille, Porcarescio (Onsernone) e Cravariola (Italia). Dopo l’uccisione di diverse pecore, questa volta le vittime delle affilate zanne sono due vitelline: due femmine di circa 7-8 mesi che lassù, a circa duemila metri di quota, pascolano nella bella stagione, spesso assieme a mucche adulte. Il lupo ha attaccato martedì, ferendo una delle bovine al muso e l’altra a una coscia. Sul posto, oltre al veterinario che dovrà curare le povere bestie, anche il guardacaccia, per gli accertamenti del caso.

L’attacco alle vitelline, già svezzate, preoccupa e non poco. «Di solito – spiega Armando Donati, presidente dell’Associazione ticinese protezione del territorio dai grandi predatori – i lupi non attaccano le mucche se non sono in branco. All’allevatore va tutta la nostra solidarietà e speriamo che il veterinario possa curare le due vitelline». Donati ricorda pure che in zona questo è solo l’ennesimo attacco. All’alpe Cravariola, raggiungibile salendo anche dalla Rovana (alta Vallemaggia) e situato appena oltre il confine svizzero, due lupi avevano ucciso un vitello meno di due mesi fa, ed erano poi stati cacciati da un cane da guardia. «A Porcarescio alcuni giorni fa la fototrappola ha "catturato" due lupi che scorrazzavano alle quattro del mattino», prosegue Donati.

‘Il Ticino è quello che sta messo peggio’

Stando all’intervistato il nostro cantone è quello che proporzionalmente ha il numero più alto di predazioni in tutta la Svizzera: «In Grigioni nel 2021 i capi uccisi sono stati 263 su un totale di circa 50mila presenti sugli alpeggi. Quest’anno in Ticino sono già 180 le predazioni su 18mila animali che pascolano in quota; e siamo solo alla metà d’agosto. Quindi stiamo messi peggio. Ci si potrebbe attendere che le autorità facciano qualcosa e che il Cantone decreti l’abbattimento, per salvaguardare il settore. Però non lo fa. L’unica decisione in tal senso era stata annullata lo scorso 10 giugno, visto che non si trattava di un esemplare unico, ma di un branco. E in questi casi la competenza passa a Berna, che però dimostra il più assoluto immobilismo. Mi risulta che ad oggi non abbia nemmeno effettuato un sopralluogo».

Intanto la frustrazione e la rabbia degli allevatori cresce. In Leventina e in Riviera – dove sono state uccise diverse pecore – c’è chi ha deciso di scaricare precipitosamente, e in anticipo sulla stagione, le greggi dall’alpe, riportandole ai monti e al piano, dove tuttavia l’erba scarseggia a causa del periodo di siccità.

Leggi anche:

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

Lupo in Val Rovana, annullata la decisione di abbattimento

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved