ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Alla Base Rega Ticino i 70 anni del soccorso aereo

Giornata di porte aperte sabato, all’Aeroporto Cantonale, per sottolineare la ricorrenza. In concomitanza si terrà ‘Telethon Vola’, evento benefico
Luganese
28 min

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
37 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
1 ora

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
12 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
15 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
15 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
15 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
laR
 
14.08.2022 - 07:50
Aggiornamento: 12:22

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 

a-locarno-movida-prolungata-gli-esercenti-e-un-primo-passo

Contenti sì, ma non troppo: si poteva fare di più. Così si potrebbe riassumere l’umore di ristoratori e baristi alla decisione, da parte del Municipio di Locarno, di spostare le lancette dello stop alla musica sessanta minuti più in là, dalle 23 a mezzanotte.

La modifica dell’ordinanza, datata 2006, che fa seguito all’interrogazione interpartitica sottoscritta da 10 consiglieri comunali dell’aprile scorso (e che vede come primi firmatari Simone Merlini e Beltrame), è entrata in vigore già dallo scorso 25 luglio e porta con sé due novità. La prima, già annunciata, è quella di prolungare di un’ora la possibilità per locali ed esercizi pubblici di riprodurre musica o di organizzare concerti dal vivo. La seconda è che tale provvedimento (sempre soggetto a un’autorizzazione da parte dell’esecutivo e della polizia) andrà a toccare tutta la stagione turistica della città che si affaccia sul Verbano. Da aprile fino ad ottobre e non più solo nei periodi a côté dei grandi eventi come il Moon and Stars oppure il Festival del Film. Questo dal lato legislativo. Ma dal lato pratico come è stata accolta tale notizia? ‘LaRegione’ ha voluto fare un giro negli esercizi pubblici per sapere l’opinione di chi, con cibo, bevande e intrattenimento, ci vive.

‘Se spegni la musica, spegni anche la gente’

A Locarno la movida si concentra prevalentemente in città vecchia (o cittadella) e la zona nei pressi del Castello Visconteo. La prima tappa del nostro "tour" inizia proprio vicino alla Rotonda, al Palacinema. Oltre che per le sale cinematografiche, alla sera il Palacinema è meta prediletta per chi cerca un po’ di svago. «Per noi questa decisione è sicuramente una bella notizia. Al cliente cerchiamo di dare dell’intrattenimento, curando l’accoglienza e il clima per tutto il tempo che resterà da noi – ci raccontano il sostituto gerente e il responsabile della zona ristorarne della struttura, commentando quanto deciso dall’esecutivo –. La musica gioca un ruolo importante perché attira le persone. Se spegni la musica, spegni anche la gente e la differenza fra il prima e il dopo è evidente: i tavoli si svuotano».

‘Il Comune deve essere chiaro e decidere cosa vuole fare della città’

Ci spostiamo di qualche passo, verso piazza Remo Rossi, dove si trova un altro locale molto in voga, il Bar Castello. Ci accolgono i due gestori: «È un primo passo. Ci fa piacere, però un’ora di tempo in più è ancora limitante. Molti clienti starebbero volentieri anche fino la una o le due di notte. Locarno è una città che vive grazie alla sua popolazione, ovviamente, ma anche grazie ai turisti che vengono da fuori e che magari abitano in zone dove la cosiddetta ‘serata’ inizia alle 23/24 e tira avanti per un bel po’».

Il tema della durata del coprifuoco resta un punto dibattuto da diversi bar e ristoranti, che avrebbero preferito andar oltre lo scoccare della mezzanotte. Tema di "dibattito" anche il discorso della cosiddetta "musica di sottofondo", dicitura questa considerata poco chiara come afferma la gerente del bar Fashion 2shè, proprio in prima battuta: «Questo aspetto confonde. La musica suonata dal vivo può essere considerata "di sottofondo"? Fino a quanti decibel è considerata ancora accettabile o troppo forte? C’è differenza di suono se riprodotta qui oppure in città vecchia, con tutte le case storiche e le vie più strette? Sono domande che si pongono in diversi e per questo credo che il Municipio debba parlare chiaro –, ci dice la donna, che continua –. È un buon inizio, ma non è ancora abbastanza. Il Comune deve essere presente e decidere cosa voler fare di questa città. Vogliamo essere attrattivi per i turisti o per i residenti in cerca di pace e quiete? Questa mezza misura inizia a essere un po’ stretta. L’ordinanza prende in considerazione i mesi che vanno da aprile a ottobre? Okay, ma d’inverno che facciamo? Cosa offriamo alla gente del posto?».

‘Vorremmo tornare alla Locarno di una volta’

Ultima tappa del nostro giro di opinioni, è alle porte di un bar poco più in là. Il proprietario non c’è ma un cameriere si ferma a parlare con noi. Non vuole comparire né tanto meno render noto il nome del locale però si lascia andare a una confessione: «Non so dare un’opinione netta in merito a quanto deciso dal Municipio. Una cosa però posso dirla: Locarno è cambiata tanto. Non è più come una volta. È diventata meno tollerante nei confronti nostri e del divertimento e pian piano si sta spegnendo. Anche con tutti i grandi eventi estivi, come ad esempio il Pardo. Quando il film finisce dove vai? Trovi tutto chiuso o, se ti va bene, aperto ma senza musica né nulla. Se questa ora in più può essere utile ad accendere la città, ben venga».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved