ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi

I posti letto occupati da pazienti covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Ticino
33 min

‘Il lupo sul fondovalle in Bassa Leventina, cosa fa il Cantone?’

Dopo l’avvistamento a Bodio scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro/Ppd). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Locarnese
35 min

Brissago, avvicinamento al Natale

Per il “calendario dell’Avvento” un ricco programma di animazioni e incontri, dall’accensione dell’albero fino alla storica “Nodada”
Locarnese
40 min

Bottega del Mondo di Locarno, aperitivo di compleanno

Per festeggiare con la clientela i 40 anni dall’apertura il negozio promuove, sabato, un momento conviviale e sconti sugli acquisti
Luganese
52 min

Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale

La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
55 min

‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa

Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Locarnese
2 ore

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
3 ore

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
3 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
5 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
7 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
7 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
15 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
laR
 
12.08.2022 - 08:32
Aggiornamento: 19:37

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno

con-quella-circolare-volevamo-informare
Ti-Press

Che quella doppia caccia alle firme, per dare la possibilità alla cittadinanza di esprimersi sulla vendita di un terreno a Cevio e sulla costruzione – da parte del Patriziato – di una nuova scuola elementare a Bignasco avrebbe fatto scorrere fiumi d’inchiostro tra favorevoli, contrari e carta stampata, era più che immaginabile. Un po’ meno che da quelle, all’apparenza semplici petizioni, sarebbe nato un dibattito sulla comunicazione fra enti, iniziativisti e popolazione.

A suscitare una reazione non solo il testo di accompagnamento alla raccolta firme e la presa di posizione di alcuni singoli promotori del possibile referendum, ma anche la scelta del Municipio di "anticipare i tempi", pubblicando e poi distribuendo a tutti gli abitanti di Cevio un volantino di "invito a riflettere sulle conseguenze che il Comune avrebbe avuto qualora i due referendum passassero".

Per tali ragioni, la sindaca di Cevio Moira Medici ha deciso di prendere posizione a nome dell’esecutivo riguardo alla doppia raccolta firme e rispondere in merito alle scelte comunicative adottate dall’organo che rappresenta.

Dopo la prima presa di posizione inviata a tutti i fuochi del Comune avete deciso, come esecutivo, di pubblicare anche un comunicato stampa. Perché?

Abbiamo deciso di prendere nuovamente posizione perché riteniamo sia doveroso far chiarezza e sgomberare il campo da alcune argomentazioni e informazioni fuorvianti, che negli ultimi giorni hanno iniziato a circolare riguardo ai due referendum e a come gli iniziativisti li hanno presentati alla popolazione.

Quali punti espressi nel foglio di raccolta firme per la scuola considerate come ‘fuorvianti’?

Per quanto riguarda la costruzione della scuola, non esiste l’obbligo che impone al Comune di edificare da sé la propria sede scolastica o il divieto che proibisce al Patriziato di rispondere a questa necessità della collettività. Non esiste un progetto per una scuola a Cavergno e sul fondo comunale a cui fanno riferimento i referendisti non è oggi possibile costruire una scuola. Si dice poi che il progetto non è stato mai mostrato, ciò è però falso. I suoi contenuti sono ben descritti dallo studio di fattibilità elaborato dal Patriziato di Bignasco e presentato, unitamente al Municipio, a tutti i consiglieri comunali lo scorso 27 aprile. Riguardo alla distanza con la palestra e il traffico che genererebbe la scuola rispondiamo nel primo caso che già oggi i ragazzi si spostano per fare attività fisica da Bignasco a Cavergno (utilizzano la palestra di Cavergno anche gli allievi della Lavizzara) e per il secondo che questo tema si proporrà ovunque dovesse sorgere la scuola, ma non deve essere la preoccupazione con cui affossare il progetto. Il Municipio si impegnerà a ottimizzare i trasporti sensibilizzando i genitori e a modulare il traffico con la necessaria segnaletica, garantendo attenzione agli abitanti della zona residenziale che accoglierà la scuola. Sorvoliamo poi sulle velate accuse al Patriziato di voler ricavare da questa collaborazione fra enti un proprio tornaconto.

Per quanto concerne la vendita del terreno a Cevio invece?

Nel loro testo i referendisti affermano che il prezzo di vendita è irrisorio e il Comune avrà solo una perdita finanziaria. In realtà la cifra di 250 franchi al metro quadrato è in linea con le altre transazioni a Cevio, non è quindi corretto paragonarlo a un unico caso che vede un’operazione immobiliare ben riuscita nel quartiere di Bignasco. Il Comune incasserà un prezzo lordo di compravendita di 750mila franchi ma questa operazione comporterà un investimento privato di ben 8 milioni. La mancata vendita rischia il "dezonamento" del terreno e una perdita del Comune di circa 1 milione. E proprio perché non si vuole vendere al massimo del prezzo, questa operazione non implica alcuna speculazione: un prezzo adeguato, per una costruzione a un prezzo accessibile, che attiri sul territorio nuove famiglie, obiettivo del Municipio.

La prima circolare da voi mandata ha fatto discutere, perché molti l’hanno vista come un atto d’insicurezza, altri come un invito velato a non firmare il referendum. Credete di aver fatto un passo falso?

No, assolutamente. Il nostro intento era quello di informare la popolazione. Lo abbiamo chiaramente scritto: "Il referendum è un diritto democratico, non è il punto che mettiamo in discussione, quanto le conseguenze che potrebbero riversarsi sul Comune se i due referendum dovessero avere esito positivo".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved