ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
48 min

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
55 min

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
59 min

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
1 ora

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
2 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
2 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
2 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
3 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
4 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
4 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
5 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
8 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
laR
 
17.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:43

Niente ex caserma per il Festival, prende forma il piano B

Scartata l’ipotesi di un’ulteriore autorizzazione provvisoria, si valuta l’opzione scuole elementari sempre di Losone quale fulcro di un BaseCamp diffuso

niente-ex-caserma-per-il-festival-prende-forma-il-piano-b

Partiamo da due certezze: il BaseCamp del Locarno Film Festival 2022 (in programma dal 3 al 13 agosto) si farà, ma non nella sua abituale location dell’ex caserma di Losone. Impossibile dopo la sentenza del Tribunale cantonale amministrativo (Tram) che, circa un anno fa, accogliendo il ricorso di privati cittadini ha confermato il divieto di qualsiasi attività non militare o di protezione della popolazione (in sostanza per scopi non previsti dal Piano regolatore) nel comparto dell’ex caserma, bloccando di fatto la riqualifica dell’area e l’utilizzo della stessa per eventi quali appunto il campo base festivaliero, ma anche ad esempio le attività dell’Accademia Teatro Dimitri.

Nonostante questo, la scorsa estate la seconda edizione (dopo la prima del 2019, quella del 2010 era stata annullata a causa della pandemia) dell’appuntamento dedicato principalmente ai giovani artisti – per una decina di giorni circa 200 persone tra registi, musicisti, performer eccetera hanno la possibilità oltre che di seguire il Festival, di vivere assieme in un luogo di scambio, confronto e creazione – era ugualmente andata in scena nello stabile ancora oggi saltuariamente sfruttato dai militari, "giocando" sul ridottissimo margine temporale tra la decisione del tribunale e l’apertura già pianificata del Camp, scattato il 4 agosto.

Un’autorizzazione provvisoria però non più valida per quest’anno, come ha ricordato al Municipio losonese a fine maggio l’interpellanza firmata Michele Grünenfelder, nella quale il rappresentante della Lega dei ticinesi dopo aver fatto notare che "sono state aperte le iscrizioni al BaseCamp III, proprio presso l’ex caserma" – aspetto questo confermato dallo stesso sito internet dell’evento, sul quale si legge come le iscrizioni sono nel frattempo state chiuse a causa dell’elevato numero di candidature pervenute –, chiede tra le altre cose se "i membri del Municipio sono consapevoli del fatto che l’assicurazione potrebbe non coprire eventuali danni causati a seguito di un utilizzo abusivo dello stabile", per il quale si sarebbero inoltre esposti "al rischio di sanzioni amministrative e penali".

Il sindaco Catarin: ‘L’istituto scolastico è l’unica alternativa per noi’

"Noi non abbiamo concesso nessuna autorizzazione, ma la sentenza parla chiaro, il BaseCamp non si farà all’ex caserma», ci conferma il sindaco di Losone Ivan Catarin. Il quale, accantonata l’ipotesi di un ulteriore permesso temporaneo, si è messo al lavoro assieme ai suoi colleghi dell’Esecutivo per approntare un piano B, che nello specifico consiste nell’organizzare l’evento «alle Scuole elementari, l’unica alternativa che possiamo proporre. Nel preventivo abbiamo inserito la somma di 50mila franchi per il BaseCamp e della faccenda discuteremo probabilmente lunedì durante la seduta del Consiglio Comunale, ma prima ancora che noi, sono loro (i responsabili del "campo base", ndr) che devono valutare la fattibilità dell’opzione proposta, che inevitabilmente cambia completamente il contesto».

A tal proposito mercoledì pomeriggio, una volta conclusasi l’ultima mattina dell’anno scolastico 2021/2022, una delegazione del Locarno Film Festival ha effettuato un sopralluogo nella sede delle Scuole elementari di Losone, che nel piano interrato ospitano tra l’altro dei bunker con diversi posti letto (circa 140)... «Il BaseCamp non è un semplice dormitorio o un progetto legato a uno spazio, bensì rappresenta lo spirito con il quale il Festival intende rinnovare la propria relazione con i giovani creativi e questo non muore nel momento in cui viene a cadere l’abituale spazio a esso dedicato. Di conseguenza, per quanto ci dispiaccia non poter usufruire dell’ex caserma, stiamo lavorando a un piano B che tenga conto delle varie necessità così come delle contingenze. Si tratta di un progetto importante e che è cresciuto negli ultimi anni, un luogo nel quale si dà spazio e voce a dei giovani artisti che fruiscono sì del programma del Festival, ma lo arricchiscono anche attivamente con contenuti creativi e attività collaterali, previste anche quest’anno. Chissà che non sia proprio questa l’occasione per avvicinare ancora di più il BaseCamp al Festival e a tal proposito stiamo lavorando a varie opzioni, a partire da quella di Losone».

Raphaël Brunschwig: ‘Dovremo essere creativi, ma l’evento si farà’

L’istituto scolastico losonese (a fianco del quale c’è anche la Scuola dell’infanzia, munita di refettorio) potrebbe in effetti fungere da base per una sorta di "Camp" diffuso, le cui ramificazioni potrebbero anche uscire dai confini del comune che l’aveva ospitato interamente nelle prime due edizioni. Su questo però Brunschwig non si sbottona ulteriormente, anche se ammette che «non è che abbiamo altre alternative, ma il progetto BaseCamp è composto da diversi elementi, oltre a dormire si organizzano attività creative ed eventi serali, per cui bisogna capire se è possibile concentrare tutto in un unico posto o se è necessario dividerlo tra più luoghi. E non è solo una questione logistica, ma anche di spirito e del mondo in cui poi si sta insieme, dell’ambiente che si crea. Ripeto, ci stiamo lavorando, le tempistiche sono strette e probabilmente dovremo essere anche noi un po’ creativi, ma una cosa è certa: grazie anche all’ottima collaborazione con il municipio di Losone, che ha perfettamente capito lo spirito e l’importanza di questa iniziativa, il BaseCamp si farà anche quest’anno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved