ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 min

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
1 ora

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
1 ora

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
1 ora

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
2 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
2 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
2 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
3 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
10.06.2022 - 19:32
Aggiornamento: 21:03

Branco di lupi, ‘allevatori abbandonati a loro stessi’

Annullato l’abbattimento in Val Rovana. La reazione di Armando Donati, presidente dell’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori

branco-di-lupi-allevatori-abbandonati-a-loro-stessi
Ti-Press
Armando Donati

La lista dei capi predati dai lupi in Val Rovana è lunga. Una mezza carneficina: anzi, intera. Nel giro di due mesi o poco più gli allevatori hanno raccolto le carcasse di 63 pecore. Uno di loro lo scorso marzo aveva 76 capi: oggi non gliene restano neanche due dozzine (13 all’alpe e una decina in paese, che hanno partorito tardi). Si dispera e con lui i suoi colleghi. Non sanno più dove sbattere la testa.

E la notizia dell’annullamento dell’ordine di abbattimento del lupo, poiché i risultati del Dna hanno stabilito che si tratta di un branco "transfrontaliero", giunto dall’Onsernone, sta generando sconcerto e sconforto. Come riferito dal Consiglio di Stato, in caso di un branco la competenza passa alla Confederazione. Va pure detto che questa sarebbe la prima volta che le analisi permettono di accertare in Ticino una predazione di branco. Un primato di cui la Val Rovana avrebbe volentieri fatto a meno.

‘Situazione completamente fuori controllo’

«Non so più cosa pensare – è la reazione a caldo di Armando Donati, presidente dell’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori –. Cosa deve fare un allevatore quassù? Se spara al lupo lo mettiamo in prigione? Le greggi sono decimate. Nei giorni scorsi, quando i guardacaccia hanno abbandonato la postazione per l’abbattimento del lupo in Val Rovana, abbiamo chiesto all’Ufficio della caccia e della pesca se potevamo mandare in quota altri cacciatori fidati. Ma hanno risposto picche. Oggi ho provato più volte a contattare il capoufficio a Bellinzona, ma non ha preso la chiamata. Gli allevatori sono abbandonati a loro stessi».

Donati sta dalla parte di chi, con passione e fatica, porta avanti la tradizione dell’allevamento delle pecore, salendo all’alpe e quindi preservando pascoli in un territorio di montagna. «La situazione, con la presenza del branco, appare completamente fuori controllo». I timori? «I guardacaccia sono saliti in quota con l’elicottero per tre sere la settimana passata e per altre tre nei giorni scorsi. E i lupi sono stati alla larga. Adesso gli inviati da Bellinzona se ne sono andati e la palla passa nel campo della Confederazione. Quanto ci metteranno i lupi ad accorgersi che le pecore non sono più protette di notte? Sono animali svegli. E non credo che una decisione da Berna giunga in tempi brevi».

Troppo facile prevedere altre stragi se il branco di predatori è rimasto in zona. Come reagire e quali soluzioni adottare? «Gli allevatori non possono fare nulla. Potranno solo decidere se mantenere le bestie, attualmente un centinaio, in quota o se gettare la spugna, scaricare gli alpeggi e trovare un posto sicuro per i loro ovini». Insomma, rinunciare alla pastorizia di montagna sembra ormai l’unica alternativa. A meno che Berna non reagisca in tempi brevi, trovando soluzioni efficaci.

Leggi anche:

Lupo in Val Rovana, annullata la decisione di abbattimento

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved