ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
2 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
6 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
6 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
6 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
6 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
7 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
9 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
10 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
15 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
laR
 
01.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:39

Nuova casa comunale Losone, i rischi del rincaro

A disposizione ci sono 13,2 milioni di franchi. I lavori devono ancora iniziare, ma già si passano al pettine fine tutte le voci di spesa

nuova-casa-comunale-losone-i-rischi-del-rincaro
Il progetto del centro civico

Nell’aprile di un anno fa il Consiglio comunale di Losone ha accordato un credito di 13,2 milioni di franchi per realizzare il nuovo centro civico (con casa comunale e piazza). A un anno di distanza il Municipio ha iniziato a deliberare le prime opere: demolizione dei prefabbricati, con bonifica dell’amianto, e scavo. Lavori che, stando ai prezzi proposti, sono in linea con il preventivo.

Tuttavia, in un clima internazionale incerto, con l’aumento del costo delle materie prime e dell’energia, il locale Municipio si trova di fronte a una sfida: da una parte la volontà di contenere la spesa, cercando di restare nei limiti del preventivo, dall’altra capire come muoversi, a livello giuridico, in caso di eventuali costi supplementari.

«Abbiamo costituito una commissione municipale proprio per analizzare a fondo ogni aspetto della costruzione della casa comunale – spiega Daniele Pidò, capo dicastero opere pubbliche –. Per quanto riguarda i costi, vi possono essere aumenti dovuti a imprevisti e in questo senso abbiamo già una somma a disposizione nel credito di costruzione. Altri potrebbero derivare dalla situazione congiunturale, con il rincaro delle materie prime. Altri ancora da cambiamenti di progetto in corso d’opera. Dovremo stare estremamente attenti in tutti e tre questi settori, per tenere la situazione sotto controllo».

Va detto che in più occasioni i diversi gruppi del legislativo si erano trovati d’accordo sul fatto che i costi dell’opera non avrebbero dovuto essere superati: già nel giugno del 2020, in occasione dell’approvazione del credito di 825mila franchi per l’elaborazione del progetto definitivo il monito era stato chiaro: evitare i sorpassi.

«Lo abbiamo recepito forte e chiaro – conferma Pidò –. Abbiamo la ferma intenzione di tenere informato e aggiornato il legislativo durante l’intera esecuzione del progetto, con la massima trasparenza».

L’inizio dei lavori?

«Non posso ancora dare una risposta certa, finché non avremo deliberato le opere da impresario costruttore. Dalle offerte rientrate, mi sembra che le stesse siano abbastanza fedeli al preventivo, anche se stiamo ancora valutando l’aumento di prezzo di alcune materie prime. Rincari, seppur non ingenti, emergono invece da altre offerte: opere sanitarie, impianto di riscaldamento e rinfrescamento, ventilazione, lavori da elettricista e misure antincendio».

Non temete un ulteriore aumento dei prezzi?

«Va detto che le offerte sono recenti e quindi si può presumere che già contemplino l’ondata di rincaro delle materie prime che si è registrata nei mesi scorsi a livello globale. Speriamo di non ritrovarci con ulteriori sorprese, ma in ogni caso vigileremo». Il Comune-committente lavora a stretto contatto con lo Studio d’architettura Nicola Baserga e Christian Mozzetti di Muralto, vincitore del concorso di progettazione. Una collaborazione per cercare le soluzioni migliori, sia a livello di contenimento di eventuali supplementi di spesa, sia per garantire la qualità di esecuzione della struttura.

La sede dell’amministrazione
e una piazza per il paese

Il grande progetto, lo ricordiamo, comprende la costruzione della nuova casa comunale, all’interno della quale troveranno spazio i diversi uffici dell’amministrazione comunale (oggi provvisoriamente alloggiati in un’altra sede per lasciare spazio al futuro cantiere). Ma anche la riqualifica dell’intero comparto, con la creazione di una piazza, con un ampio spazio coperto che potrà essere utilizzato pure nel corso di eventi pubblici. Senza dimenticare l’autosilo sotterraneo con 27 posteggi. Per il Comune di Losone si tratta di uno dei più importanti cantieri degli ultimi anni. Un’opera che, oltre a dare una nuova sede all’amministrazione, regalerà alla popolazione un vasto spazio pubblico d’aggregazione e d’incontro.

Resta aperta un’altra questione, quella della vecchia casa comunale. Edificata a cavallo tra il 1910 e il 1911, era stata imposta dal Cantone, quale sede scolastica per accogliere i losonesi e anche i numerosi bimbi d’immigrati (soprattutto italiani), impiegati nei colossali lavori di arginatura del fiume Maggia.

Il 26 dicembre 1905 il Municipio diede mandato all’architetto Bernasconi di Locarno di allestire un progetto per un edificio con tre aule (per 140-150 allievi), le abitazioni di due maestri, un locale per l’Esecutivo, uno per i pompieri e, eventualmente, uno spazio provvisorio come asilo d’infanzia. Solo il 10 marzo del 1910, però, venne accordato il credito di 45mila franchi per acquistare i terreni necessari e realizzare la casa scolastica. E così è stato: 4mila 176 franchi furono spesi per il sedime e quasi 42mila per la costruzione (deposito pompieri compreso).

Stando agli accordi intercorsi tra Municipio e Consiglio comunale, l’ormai dismessa casa comunale dovrà restare in piedi durante il cantiere del Centro civico e l’Esecutivo avrà tempo fino al termine dei lavori per trovare una nuova destinazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved