ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
37 min

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
37 min

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
53 min

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
1 ora

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
3 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
3 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
9 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
15.05.2022 - 16:25
Aggiornamento: 17:16

La Verzasca? Il camoscio, le montagne, il Ponte e le acque

‘Viv insema - Insema l’è mei’, stemma proposto da un autore ancora anonimo, ha (stra)battuto le altre due candidature portate al voto in Valle

la-verzasca-il-camoscio-le-montagne-il-ponte-e-le-acque
Dal primo al terzo classificato secondo le preferenze dei verzaschesi

Insieme allo stemma probabilmente migliore dal punto di vista grafico (ma ovviamente ognuno ha il suo parere), ha vinto uno slogan, un messaggio, un "credo" che è necessario per dare ossigeno al fuoco del Comune unico Verzasca. Un messaggio che recita, semplicemente, "Viv insema - Insema l’è mei", e lo fa in dialetto, la lingua della Verzasca, il legame con le radici, l’anima di un territorio che potrà rinnovarsi, modernizzarsi, convincersi dell’esigenza di un’aggregazione, fare importanti passi avanti; ma sempre dovrà confrontarsi con il suo passato, la sua storia, perché lì, appunto, c’è l’anima dei verzaschesi. Per la serie: "Conosci il tuo passato per capire il presente e meglio affrontare il futuro".

Insomma, la votazione andata in scena in Verzasca per la scelta dello stemma comunale ha consentito alla popolazione di esprimere con una certa nettezza la sua preferenza per "Viv insema - Insema l’è mei", opera per ora di un anonimo (nelle prossime ore il Municipio procederà con l’apertura delle buste per capire di chi sono la penna e l’immaginazione vincenti), che ha opportunamente scelto dei simboli della Valle e li ha messi insieme con ottimo criterio grafico: il camoscio, le montagne, le acque della Verzasca e il Ponte dei Salti.

Non si sono mossi in tantissimi, a dire la verità, perché sui 706 iscritti in catalogo sono andati a votare soltanto in 331, di cui 325 per corrispondenza. Comunque, lo stemma preferito è emerso con grande chiarezza, avendo raccolto ben 192 voti, contro i 72 di "Una Valle un Comune" e i 58 voti di "Per aspera ad Verzasca", che erano gli altri due finalisti in gara.

"Il camoscio porta con sé diversi significati metaforici – si può leggere nella documentazione fornita dal Comune prima della votazione, per dare un senso alle proposte dei tre prescelti per la corsa finale alle urne –. In questo caso vuole simboleggiare una virtù selvaggia e autentica. Il Ponte dei Salti, elemento architettonico che più rappresenta il territorio, è un simbolo facilmente riconoscibile e unico, in grado di rendere fortemente identitario lo stemma. Le onde riprendono la sagoma del ponte rendendo così sinuoso e bilanciato l’insieme. È un elemento unico che unisce e accomuna i vari territori che attraversa, simboleggia la continuità. La Valle, rappresentata dalle due montagne, forma una ‘V’ che convoglia lo sguardo verso il centro dello stemma".

Il Comune unico è nato il 18 ottobre 2020 dall’aggregazione di Brione (Verzasca), Corippo, Frasco, Sonogno, Vogorno e dei territori in valle dei Comuni di Cugnasco-Gerra e di Lavertezzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved