palagnedra-dalla-manutenzione-del-mulino-a-quella-dei-sentieri
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
2 min

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
47 min

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
49 min

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
1 ora

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza di ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
1 ora

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
1 ora

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
1 ora

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
1 ora

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
03.05.2022 - 16:08
Aggiornamento: 17:48

Palagnedra, dalla manutenzione del mulino a quella dei sentieri

All’assemblea patriziale si è parlato d’interventi di miglioria lungo i camminamenti escursionistici e al vecchio manufatto a propulsione idrica

Valorizzare il vecchio mulino di Palagnedra (ex Fenacci), risalente al 1856, ristrutturato nel 2004, incastonato nella stretta vallata di Niun che separa il paese da Rasa, testimonianza della civiltà rurale centovallina di un tempo. Come tutti i mulini ad acqua sparsi in Ticino, anche questo edificio racconta un periodo della nostra cultura storica e, dunque, un momento di vita dell’uomo che, con laboriosità, ha sviluppato tappe evolutive delle tecniche costruttive e della civiltà contadina. Di questa antica invenzione si è discusso anche in occasione dell’Assemblea ordinaria del Patriziato di Palagnedra e Rasa, tenutasi il 23 aprile scorso. Seduta che ha portato, tra le altre cose, all’approvazione dei conti consuntivi 2021 e preventivo 2022, alla nomina della commissione della gestione e al riconoscimento dello statuto di patrizio a un residente di Palagnedra.
Agli eventuali, il presidente dell’ente, Claudio Simoni, ha riferito della collaborazione tra l’Organizzazione turistica lago Maggiore e valli e il Comune delle Centovalli nella costruzione del ponticello che attraversa il riale di Capol, in zona fornace. Si tratta di agevolare e rendere più sicuro un passaggio importante nel percorso escursionistico sulla sponda destra delle alte Centovalli.
Sempre in materia di collaborazioni con il Comune l’Assemblea ha sottolineato il lavoro puntuale e competente della squadra comunale nel taglio degli alberi pericolanti, in zona mulino, area alquanto impervia. Un intervento apprezzato dai presenti. Nelle prossime settimane l’Amministrazione interverrà con una manutenzione straordinaria dell’immobile di sua proprietà, con lavori mirati di mantenimento e con la copertura della grande ruota esterna (3,2 metri di diametro) a movimento idraulico. Il funzionamento dei mulini ad acqua rappresenta una vera e propria scienza idraulica, soprattutto per le ingegnose tecniche d’impiego e sfruttamento dell’acqua corrente quale principale fonte di energia meccanica. Già nel 2005 l’allora Amministrazione patriziale aveva provveduto a un restauro conservativo dell’immobile per restituirgli una seconda vita anche a scopo divulgativo (far scoprire a curiosi e alle nuove generazioni i mestieri produttivi e rurali di un tempo).

Consuntivi e preventivi archiviati

Due parole, per concludere, anche sui bilanci: i conti del 2021 chiudono con un attivo di pochi franchi. Non vi sono state uscite particolari. Le spese amministrative sono state contenute al massimo e lo stesso organo direttivo ha rinunciato a qualsiasi compenso, agendo in modo volontario.
La liquidità del Patriziato si mantiene sui livelli di quella degli anni precedenti, con un capitale di poco più di 68mila franchi. A livello di stime di spesa, invece, l’ente fornirà il suo contributo (con 3mila franchi) alla costruzione di un ponte in zona Fornace. Una ventina di anni or sono si era ipotizzata la posa di una passerella e, in seguito, la sistemazione di massi per consentire l’attraversamento del riale di Capol. Soluzioni giudicate non soddisfacenti.
Nel frattempo il sentiero è rientrato nella rete di quelli ufficiali, motivo per cui l’Otlmv ha ritenuto opportuna la realizzazione di un ponte, con un preventivo di spesa che si aggira sui 35mila franchi. I lavori hanno subito ritardi a causa della pandemia. Nella stessa area, ma a monte, è già stato costruito un ponticello in legno che consente il passaggio agli escursionisti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assemblea manutenzione mulino palagnedra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved