delitto-di-gordola-finalmente-parte-il-processo-in-appello
Ti-Press
Si torna in aula il prossimo 5 maggio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 min

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
25 min

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
1 ora

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
3 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
7 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
21 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
23 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
29.04.2022 - 14:46
Aggiornamento: 15:02

Delitto di Gordola, finalmente parte il processo in Appello

Dopo i rinvii e un’udienza preliminare, al via il procedimento nei confronti dell’uomo che nel 2017 causò la morte di un 40enne all’uscita della Rotonda

Condannato nel 2019 dalla Corte delle Assise criminali a cinque anni di carcere da espiare, l’uomo che nell’aprile del 2017 causò la morte di un 44enne del Sottoceneri all’uscita della discoteca la Rotonda a Gordola tornerà in aula settimana prossima, giovedì 5 maggio (eventualmente anche il giorno successivo). La vicenda impegnerà la Corte di appello e revisione penale (Carp) di Locarno, presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, accompagnata dalle giudici a latere Rosa Item e Francesca Lepori Colombo. L’imputato, 21enne al tempo dei fatti, verrà difeso dall’avvocato Yasar Ravi, mentre l’accusa sarà sostenuta dal procuratore pubblico (pp) Arturo Garzoni, patrocinatore privato della famiglia della vittima sarà l’avvocato Diego Olgiati.

L’uomo, oggi venticinquenne, dovrà rispondere dei seguenti capi di imputazione: omicidio intenzionale per dolo eventuale; omicidio colposo; omissione di soccorso; lesioni semplici e ripetute; minaccia ripetuta; infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti e contravvenzione alla stessa. Contro la sentenza di prima istanza di tre anni fa, sia la Procura, sia la difesa avevano fatto ricorso in Appello.

La querelle delle perizie

Il processo bis, rinviato in un paio di occasioni, l’11 marzo scorso era stato introdotto da una sorta di udienza preliminare, atta a fare chiarezza sulle perizie mediche e dipanare l’ingarbugliata matassa degli aspetti fisici, imprescindibili alla comprensione del grado di responsabilità dell’aggressore nelle cause di decesso. Da una parte, lo ricordiamo, c’è la malformazione congenita all’arteria vertebrale sinistra e dall’altra l’avvenuta o meno frattura del clivus (osso nella parte posteriore del cranio), che avrebbe scatenato l’emorragia.

Al centro di quel primo colloquio v’era la perizia giuridica – cosiddetta "super" – commissionata dalla Corte ed eseguita dal professor Antoine Roggo dell’Università di Berna, che di fatto sconfessava le valutazioni mediche precedenti, asserendo che il sottocenerino fosse morto per cause naturali legate alla già citata anomalia congenita; indipendentemente quindi dal colpo ricevuto alla nuca. Il quarantenne sarebbe morto pochi secondi prima di essere percosso. Il rapporto dello specialista aveva sollevato non pochi dubbi nell’accusatore privato Diego Olgiati che, sostenuto dal pp, aveva inoltrato istanza per una nuova perizia.

Quell’11 marzo, la Corte aveva quindi interpellato i periti convocati già nel dibattimento di prima istanza – il radiologo Marco Palmesino, la patologa Luisa Andrello, il perito Ennio Pedrinis –, che avevano ribadito quanto sostenuto nel dibattimento precedente e cioè che la vittima sarebbe deceduta in seguito al colpo ricevuto, che provocò un’emorragia celebrale.
Tuttavia, tenuto conto di quanto emerso da quell’udienza preparatoria, la Corte ha ritenuto di avere elementi sufficienti per proseguire con il processo bis, scartando quindi l’eventualità di una nuova perizia. Giovedì 5 maggio si torna dunque in aula per il prosieguo.

Leggi anche:

Delitto di Gordola, anomalia e frattura del clivus alla lente

Delitto di Gordola, la ‘superperizia’ passata al pettine fine

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
delitto gordola processo appello rotonda
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved