delitto-di-gordola-anomalia-e-frattura-del-clivus-alla-lente
Ti-Press
Palazzo del Pretorio a Locarno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 min

Penuria di gas, le Ail Sa di Lugano scrivono al Berna

La rete ticinese è collegata e alimentata solo dall’Italia senza connessioni col resto della Svizzera. L’approvvigionamento invernale resta problematico
Grigioni
9 min

Oltre 300 kg di rifiuti raccolti nel Moesano

Il 5 e il 6 agosto 62 volontari hanno partecipato al Clean up tour che si è svolto a San Bernardino e nel Parco Val Calanca
Luganese
29 min

Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito

Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
1 ora

Nara, torna la gita enogastronomica ‘Ul gir di alp’

È ancora possibile iscriversi per la passeggiata di undici chilometri con sette tappe che si terrà domenica 14 agosto
Locarnese
1 ora

‘Castello incantato’, dalle rive lacustri alla montagna

La rassegna dedicata al teatro di burattini e marionette farà tappa nel Gambarogno e a Cardada nei prossimi giorni
Locarnese
2 ore

Moghegno, lunedì la festa patronale

Oltre alla funzione religiosa, vi sarà un pranzo in comune all’ombra dei faggi; nel pomeriggio lotteria e musica
Bellinzonese
2 ore

‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’

È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, quell’edificio merita di essere tutelato

Interrogazione chiede lumi al Municipio sul lavoro della commissione preposta ad allestire la lista dei beni culturali di interesse locale
11.03.2022 - 13:04
Aggiornamento: 14:17

Delitto di Gordola, anomalia e frattura del clivus alla lente

L’udienza di oggi dovrà chiarire due aspetti fisici da cui dipende il grado di responsabilità dell’allora 21enne nel decesso del 44enne, di 5 anni fa

«Due sono gli aspetti di natura fisica divergenti che andranno chiariti oggi: la malformazione congenita dell’arteria vertebrale sinistra e se ci sia stata la frattura del clivus». Con le prime parole della giudice Giovanna Roggero-Will, presidente della Corte di appello e revisione penale, si è subito inteso che l’udienza in corso nell’aula di Palazzo del Pretorio a Locarno sarebbe stata complessa, basandosi principalmente su perizie mediche e interpretazioni degli specialisti che si esprimono con linguaggio scientifico, ermetico ai più. Lo ricordavamo ieri, dopo ben due rinvii, si è aperto il processo in Appello all’autore 21enne dell’omicidio alla discoteca la Rotonda avvenuto il 22 aprile 2017, quando perse la vita Fabrizio, un uomo di 44 anni di Genestrerio. In primo grado, l’autore – oggi 26enne – era stato giudicato colpevole con una pena di cinque anni da espiare.

Nell’udienza di oggi, la Corte – oltre alla presidente, sono presenti quali giudici a latere Rosa Item e Francesca Lepori Colombo – con i sei giurati sentirà tre periti al fine di dipanare l’aggrovigliata matassa delle due questioni mediche assai tecniche citate in attacco, su cui si basa tutto l’impianto processuale. Sbrogliare il groviglio permetterebbe quindi di riuscire a stabilire il grado di responsabilità dell’imputato nel decesso della vittima.

C’è l’eventualità della richiesta di una nuova perizia

«Alla fine della giornata di oggi, qualora non si riuscisse a fare chiarezza sui due aspetti fisici – ha aggiunto Roggero-Will – si procederà con la richiesta di una nuova perizia medica». Il tutto si gioca su elementi microscopici difficili da stabilire con esattezza. Qualora alla fine della giornata processuale i dubbi tecnici saranno fugati, si procederà invece al processo "vero e proprio", che vedrà l’imputato (oggi assente in aula) rispondere dei reati di omicidio intenzionale per dolo eventuale, in subordine omicidio colposo, omissione di soccorso, ripetute lesioni semplici, ripetuta minaccia, infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti.

L’accusa è sostenuta dal procuratore pubblico Arturo Garzoni, la Corte – lo riscriviamo – è presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, con le giudici a latere Rosa Item e Francesca Lepori Colombo. La difesa dell’imputato è assicurata dall’avvocato Yasar Ravi. Patrocinatore della famiglia della vittima è l’avvocato Diego Olgiati.


CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25589865
Ecco dove si trova il clivus

Leggi anche:

Delitto alla Rotonda di Gordola, al via il processo in Appello

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
delitto rotonda gordola locarno pretorio processo appello
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved