fermata-tilo-tommasini-riflette-su-un-possibile-ricorso
Ti-Press
Tilo, a Minusio fermata confermata (fino a prova contraria)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
18 min

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
22 min

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
55 min

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
1 ora

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
1 ora

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
1 ora

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
2 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
19.04.2022 - 15:35
Aggiornamento: 17:32

Fermata Tilo, Tommasini riflette su un possibile ricorso

Minusio, la non referendabilità del credito per la realizzazione sorprende l’ex vicesindaco: “Ma allora perché ha dovuto passare dal legislativo?”

«Sorpreso e perplesso». Lo aveva detto il sindaco Felice Dafond riferendosi alla domanda di referendum contro la fermata Tilo a Minusio, e lo ripete oggi Tiziano Tommasini, che quella domanda l’aveva lanciata – raggiungendo il numero di firme necessario per portare la popolazione alle urne – ma si era poi sentito dire che referendabile è solo il credito di 342mila franchi per due sistemazioni stradali in zona Remorino, e non quello riguardante la partecipazione massima del Comune alla realizzazione della fermata stessa (550mila franchi).

Il "no" dell’esecutivo alla referendabilità del credito era motivata dal fatto che "trattasi di una spesa determinata, fissata dal Consiglio di Stato il 5 maggio 2021, in applicazione degli articoli 22, 23 e 30 della Legge sul trasporto pubblico, il cui principio e la cui portata sono stabiliti dal diritto cantonale secondo precisi criteri e che è assolutamente necessaria per l’attuazione del progetto delle Ffs, inserito nel PALoc2". Una spesa, aveva aggiunto l’esecutivo di Minusio, "prescritta nel suo principio dalla legislazione cantonale e che ha pertanto natura vincolata poiché essa è stata predeterminata e acquisita in via definitiva da una decisione base di rango superiore, di cui ne costituisce il corollario necessario".

Sorpreso e perplesso, dunque, «non tanto per la delibera del Municipio, dal quale non mi aspettavo di ottenere ragione», quanto per un altro motivo: «Se davvero il credito di 550mila franchi per la fermata è intoccabile poiché deciso a suo tempo dal Consiglio di Stato, mi chiedo perché sia stato portato in Consiglio comunale – dice Tommasini alla "Regione" –. Di solito, i crediti votati dal legislativo sono soggetti a ricorso. Questo, evidentemente, no. Una cosa strana che è da verificare». Una verifica che potrebbe portare l’ex vicesindaco a ricorrere al Consiglio di Stato, per rimettere in campo una palla che sembrava inesorabilmente persa. «Ma prima – avverte – dovrò far capo a chi ne capisce più di me per stabilire se in effetti la non referendabilità di quei 550mila franchi sia effettiva. Ho 30 giorni di tempo».

Qualora la "versione" del Municipio venisse confermata, Tommasini annuncia un gesto di responsabilità: «In quel caso non contesterei neppure i 342mila franchi per le opere di valorizzazione e di arredo stradale di via Verbano e via Remorino. Non avrebbe senso. A me, per tutta una serie di motivi, non va l’idea della fermata Ffs, ma se essa si farà non avrebbe senso oppormi a opere di arredo stradale che ne sono una conseguenza».

Leggi anche:

Minusio, non referendabile il credito per la fermata Tilo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex vicesindaco fermata minusio referendabilità tilo tiziano tommasini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved