non-sempre-l-inchiesta-aviatoria-rivela-tutto
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
9 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
9 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
9 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
10 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
11 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
11 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
11 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
12 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
12 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
13 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
13 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
13 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
laR
 
23.03.2022 - 13:02
Aggiornamento: 15:27

‘Non sempre l’inchiesta aviatoria rivela tutto’

Dopo l’incidente dell’elicottero caduto a Gordola, il parere di un esperto tecnico in materia d’indagini. Così lavora il Sisi per risalire alle cause

È trascorsa una settimana dall’incidente aereo costato la vita al 49enne pilota di elicottero Gabriele Mossi, perito nello schianto nella valle del Carcale, a Gordola, mercoledì scorso, dopo che il velivolo aveva urtato un cavo dell’alta tensione. L’inchiesta del Sisi, il servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza, chiamato a chiarire le cause e l’esatta dinamica della disgrazia, è stata subito avviata. Per capire come si indaga su un incidente aereo ci siamo rivolti a uno specialista, il colonnello Tiziano Ponti, per oltre un decennio membro della Commissione federale incidenti aeronautici, esperto tecnico in caso d’incidenti aeronautici militari, ex pilota militare e già comandante della Base Aerea di Locarno.

«A livello federale, il Sisi è l’ufficio preposto per le indagini su incidenti o inconvenienti aviatori gravi in ambito civile. L’obiettivo è capire cosa è successo per prevenire in futuro incidenti analoghi e aumentare così la sicurezza. I risultati delle indagini non hanno dunque lo scopo di chiarire questioni relative alla colpa e alla responsabilità. Solitamente i primi ad arrivare sul luogo di un incidente aviatorio sono i soccorritori: Rega, polizia, ambulanza. Il Sisi allarma subito un suo esperto di picchetto che raggiunge la zona teatro dell’accaduto il più presto possibile. Questo – spiega Ponti – per essere certi che il perimetro non abbia subito "contaminazioni". Vale a dire che l’area con i rottami dell’aeromobile sia il più integra possibile, in modo da poter raccogliere in modo fedele tutti gli elementi necessari per l’inchiesta».

Un lavoro svolto in modo minuzioso in questa fase sul terreno, facilita lo sviluppo dell’inchiesta. Vengono scattate foto, fatti i rilievi del caso, raccolti pezzi o componenti che possano essere d’aiuto per capire cosa è accaduto. Importanti sono anche le testimonianze. La prassi prevede poi la verifica dei documenti relativi al velivolo, le carte che certificano la manutenzione da parte dei tecnici incaricati, la licenza del pilota e le abilitazioni del personale coinvolto. Da lì via, si inizia a ricomporre il puzzle. Può essere utile svolgere un volo di ricostruzione o avvalersi di simulatori, se necessario, s’incaricano dei laboratori per delle analisi specialistiche o si coinvolgono dei medici per approfondire tematiche legate allo stato di salute delle persone coinvolte. A volte è anche necessario contattare il costruttore del velivolo».

Le quattro fasi del lavoro di ricostruzione dell’accaduto

Il lavoro degli esperti viene poi condensato in un rapporto la cui struttura è regolamentata a livello internazionale. Esso è suddiviso in quattro capitoli. Il primo riporta la constatazione dei fatti (ciò che si è visto e trovato al momento dell’arrivo sul posto e tutti gli elementi con un fondamento concreto raccolti durante l’inchiesta); il secondo è l’analisi, che deve permettere, in base a quanto raccolto nel capitolo precedente, di capire cosa è capitato (il tutto in maniera obiettiva, senza lasciarsi condizionare da eventuali impressioni personali); il terzo capitolo riporta le conclusioni, che devono portare alla luce il perché è capitato l’incidente. Il quarto capitolo elenca, infine, le raccomandazioni di sicurezza, ossia le misure preventive per evitare incidenti simili. Queste raccomandazioni sono indirizzate a tutte le persone e organizzazioni coinvolte, all’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac) che è l’ente regolatore e, se del caso, ai costruttori. Serve a far tesoro di eventuali errori e apportare correttivi laddove necessario, come nel caso di difetti sui velivoli, lacune organizzative, carenze procedurali o deficit nella formazione».

Un lavoro, questo del Sisi, che può richiedere da poco tempo (se l’incidente è semplice, le cause sono chiare e non si riscontrano particolari anomalie) a più anni, a dipendenza anche delle analisi da eseguire. Raccogliere le informazioni, convalidarle, eseguire delle analisi, impostare simulazioni per convalidare/confutare teorie, sentire esperti, trovare una spiegazione valida, redigere i rapporti e controllarli non è certo un lavoro da sbrigare in quattro e quattr’otto.

Solitamente su un incidente l’incarico è affidato a una sola persona di riferimento, che può comunque contare sull’aiuto di un team e sulla consulenza di specialisti (quali la Polizia scientifica di Zurigo o i laboratori di analisi materiali come l’Empa).

Le responsabilità e lo ‘sharp end’

«Nella maggio parte dei casi – prosegue il nostro intervistato – all’origine di un incidente aviatorio c’è quasi sempre l’errore umano. Sono rari i casi in cui l’incidente sia da addebitare a un problema tecnico della macchina. Per contestualizzare un incidente, in gergo aviatorio si usa il termine ‘sharp end’. Questo sta a indicare che, spesso, si tende a vedere solo la punta di una disgrazia (come appunto l’errore umano del pilota), tralasciando però la vera causa che sta dietro. Possono rientrare in questo ambito: lacune organizzative o procedurali a livello aziendale, un’inadeguata organizzazione del lavoro, la mancanza di una filosofia aziendale improntata sulla sicurezza o l’impiego di personale stressato o non adeguatamente preparato. Sono molteplici i fattori che possono contribuire a un incidente e l’inchiesta dovrebbe riuscire a portarli alla luce».

Il crash del jumbolino Crossair, ecco cosa emerse

«Ricordo un incidente che vide protagonista un jumbolino dell’allora compagnia di bandiera Crossair schiantatosi a Bassersdorf nel 2001. Fu un grave errore del comandante durante la manovra di avvicinamento. Ebbene, dalle indagini risultò che una delle concause dell’incidente era da imputare al fatto che i responsabili della compagnia aerea per un lungo periodo di tempo non avevano valutato correttamente le prestazioni in volo del pilota e non avevano preso le misure appropriate per ovviare alle sue lacune. Per migliorare la sicurezza è quindi basilare sempre vedere cosa c’è dietro un errore umano e non semplicemente incolpare uno o l’altro».

Leggi anche:

Il pilota morto Gabriele Mossi: una vita fra cielo e terra

Deceduto il pilota dell’elicottero caduto sopra Gordola

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elicottero gordola incidenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved