ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
7 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
9 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
09.03.2022 - 16:47

Muralto, s’affaccia il nuovo Grand Hotel da 70 milioni

Da domani all’albo comunale la domanda di costruzione per recupero e restauro dello storico albergo. Artioli: “Creeremo oltre 100 posti di lavoro”

muralto-s-affaccia-il-nuovo-grand-hotel-da-70-milioni
Ti-Press
Nuova luce sul Grand Hotel
+3

Centoventidue tra camere e suites, una zona Spa e wellness di 1’800 metri quadrati nelle grotte, una terrazza di 700, tre ristoranti, un’area piscina esterna di altri 800 metri quadrati e un parco di 4’000 metri quadrati.

Sono gli estremi della domanda di costruzione per recupero e restauro del Grand Hotel, che verrà pubblicata domani a Muralto, pochi giorni dopo il perfezionamento dell’acquisto della storica struttura da parte della GHL Sa, società anonima appositamente costituita nell’ambito del gruppo Artisa di Stefano Artioli, che della nuova Sa, con sede a Lugano, è il presidente. Stando a quanto comunicato a suo tempo alla "Regione" dallo stesso Artioli, e confermatoci oggi, l’investimento complessivo dovrebbe situarsi attorno ai 70 milioni di franchi, di cui circa 23 destinati all’acquisto di stabile e terreno.

La penna di Ivano Gianola

Il progetto di valorizzazione del comparto è stato curato dall’architetto Ivano Gianola di Mendrisio, al quale già si devono, fra l’altro, il LAC di Lugano e le 4 Torri di Locarno. Andrea Branca, architetto paesaggista di Minusio, si sta invece occupando della riqualifica generale del parco. Per Gianola «poter valorizzare una struttura con così tanta storia alle spalle e concetti architettonici unici, all’avanguardia se si pensa al periodo in cui sono stati progettati e realizzati, è una sfida decisamente stimolante. L’impegno mio e della proprietà è quello di ridare vita a una struttura che possa tornare a essere motivo di orgoglio per tutto il canton Ticino e anche oltre».

Gli strumenti per riuscirci sono soprattutto legati alla conservazione dell’esistente, a cui verrà integrato il nuovo. Così «i saloni principali verranno mantenuti, restaurati e valorizzati – puntualizza Gianola –. Tra essi, anche la grande sala che ospitò la Conferenza di pace del 1925, nella quale potranno essere riproposti eventi, come già era stato il caso in passato per il Festival del film di Locarno». Quanto agli elementi protetti quali beni culturali, come gli affreschi, le decorazioni e le (oggi disastrate) facciate esterne, «saranno restaurati e riportati all’antico splendore».

Spa e wellness da 1’800 metri quadrati

Come Artioli ha affermato fino dalla sua comparsa sul territorio muraltese, all’annuncio della firma del diritto di compera, un albergo fine a sé stesso non avrebbe nessun senso strategico ai fini di una sopravvivenza turistica che rappresenta ovviamente l’anima stessa dell’operazione. Pertanto, due segmenti essenziali sono quelli legati ai concetti di benessere da una parte e gastronomia dall’altra. A proposito del primo, il progetto prevede la realizzazione di una Spa e wellness nelle grotte. Si parla di percorsi termali, aree relax e zone per i trattamenti su, appunto, 1’800 metri quadrati, a cui si aggiungerà un rinnovamento della piscina esistente, "contenuta" in una cosiddetta "area relax" esterna di 800 metri quadrati.

Per quanto riguarda la riqualifica del parco, cui già nelle scorse settimane si era messo ampiamente mano per una sorta di maxi-ripulitura invernale dalle scorie accumulate in anni di disuso, l’architetto Branca anticipa la «creazione di un percorso di episodi di piantumazioni ed essenze di diverso genere, che riprendano le 4 stagioni dell’anno, più zone di riposo e contenuti specchi d’acqua». Ciò «permetterà la realizzazione di un vero e proprio polmone verde che sarà rispettoso della struttura e degli elementi preesistenti».

Rispetto alle prime dichiarazioni di Artioli, sembra inoltre allungarsi il periodo di attività della struttura: dagli 11 mesi all’anno indicati inizialmente dal patron della Artisa si è passati alla prospettiva di un’operatività su scala annuale. Non vanno dimenticati in questo senso i due progetti "satelliti" evocati da Artioli: uno montano, a Cardada, dove una struttura alberghiera e di ristorazione è già stata acquisita, e un altro lacustre, realizzando una sorta di zattera.

Quello di cui parla Stefano Artioli è dunque «un nuovo concetto alberghiero legato al passato e orientato al futuro», ma anche «un modello aziendale finalizzato al raggiungimento dei risultati economico-finanziari, che crei valore con una costante responsabilità ambientale e sociale, e con un occhio al territorio, visto che tutto compreso verranno generati oltre 100 nuovi posti di lavoro».

La prospettiva piace naturalmente anche a livello turistico, tanto che il direttore dell’Otr, Fabio Bonetti, guarda al «nuovo slancio» che la struttura rinnovata darà «all’intero settore e alla nostra destinazione. Wellness, enogastronomia, eventi, meeting e sostenibilità fanno parte di un concetto che rientra nelle strategie turistiche dell’Otr».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved