muralto-s-affaccia-il-nuovo-grand-hotel-da-70-milioni
Ti-Press
Nuova luce sul Grand Hotel
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
gallery
Ticino
3 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
6 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
10 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
19 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
20 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
21 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
21 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
21 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
21 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
21 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
21 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
22 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
22 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
09.03.2022 - 16:47

Muralto, s’affaccia il nuovo Grand Hotel da 70 milioni

Da domani all’albo comunale la domanda di costruzione per recupero e restauro dello storico albergo. Artioli: “Creeremo oltre 100 posti di lavoro”

Centoventidue tra camere e suites, una zona Spa e wellness di 1’800 metri quadrati nelle grotte, una terrazza di 700, tre ristoranti, un’area piscina esterna di altri 800 metri quadrati e un parco di 4’000 metri quadrati.

Sono gli estremi della domanda di costruzione per recupero e restauro del Grand Hotel, che verrà pubblicata domani a Muralto, pochi giorni dopo il perfezionamento dell’acquisto della storica struttura da parte della GHL Sa, società anonima appositamente costituita nell’ambito del gruppo Artisa di Stefano Artioli, che della nuova Sa, con sede a Lugano, è il presidente. Stando a quanto comunicato a suo tempo alla "Regione" dallo stesso Artioli, e confermatoci oggi, l’investimento complessivo dovrebbe situarsi attorno ai 70 milioni di franchi, di cui circa 23 destinati all’acquisto di stabile e terreno.

La penna di Ivano Gianola

Il progetto di valorizzazione del comparto è stato curato dall’architetto Ivano Gianola di Mendrisio, al quale già si devono, fra l’altro, il LAC di Lugano e le 4 Torri di Locarno. Andrea Branca, architetto paesaggista di Minusio, si sta invece occupando della riqualifica generale del parco. Per Gianola «poter valorizzare una struttura con così tanta storia alle spalle e concetti architettonici unici, all’avanguardia se si pensa al periodo in cui sono stati progettati e realizzati, è una sfida decisamente stimolante. L’impegno mio e della proprietà è quello di ridare vita a una struttura che possa tornare a essere motivo di orgoglio per tutto il canton Ticino e anche oltre».

Gli strumenti per riuscirci sono soprattutto legati alla conservazione dell’esistente, a cui verrà integrato il nuovo. Così «i saloni principali verranno mantenuti, restaurati e valorizzati – puntualizza Gianola –. Tra essi, anche la grande sala che ospitò la Conferenza di pace del 1925, nella quale potranno essere riproposti eventi, come già era stato il caso in passato per il Festival del film di Locarno». Quanto agli elementi protetti quali beni culturali, come gli affreschi, le decorazioni e le (oggi disastrate) facciate esterne, «saranno restaurati e riportati all’antico splendore».

Spa e wellness da 1’800 metri quadrati

Come Artioli ha affermato fino dalla sua comparsa sul territorio muraltese, all’annuncio della firma del diritto di compera, un albergo fine a sé stesso non avrebbe nessun senso strategico ai fini di una sopravvivenza turistica che rappresenta ovviamente l’anima stessa dell’operazione. Pertanto, due segmenti essenziali sono quelli legati ai concetti di benessere da una parte e gastronomia dall’altra. A proposito del primo, il progetto prevede la realizzazione di una Spa e wellness nelle grotte. Si parla di percorsi termali, aree relax e zone per i trattamenti su, appunto, 1’800 metri quadrati, a cui si aggiungerà un rinnovamento della piscina esistente, "contenuta" in una cosiddetta "area relax" esterna di 800 metri quadrati.

Per quanto riguarda la riqualifica del parco, cui già nelle scorse settimane si era messo ampiamente mano per una sorta di maxi-ripulitura invernale dalle scorie accumulate in anni di disuso, l’architetto Branca anticipa la «creazione di un percorso di episodi di piantumazioni ed essenze di diverso genere, che riprendano le 4 stagioni dell’anno, più zone di riposo e contenuti specchi d’acqua». Ciò «permetterà la realizzazione di un vero e proprio polmone verde che sarà rispettoso della struttura e degli elementi preesistenti».

Rispetto alle prime dichiarazioni di Artioli, sembra inoltre allungarsi il periodo di attività della struttura: dagli 11 mesi all’anno indicati inizialmente dal patron della Artisa si è passati alla prospettiva di un’operatività su scala annuale. Non vanno dimenticati in questo senso i due progetti "satelliti" evocati da Artioli: uno montano, a Cardada, dove una struttura alberghiera e di ristorazione è già stata acquisita, e un altro lacustre, realizzando una sorta di zattera.

Quello di cui parla Stefano Artioli è dunque «un nuovo concetto alberghiero legato al passato e orientato al futuro», ma anche «un modello aziendale finalizzato al raggiungimento dei risultati economico-finanziari, che crei valore con una costante responsabilità ambientale e sociale, e con un occhio al territorio, visto che tutto compreso verranno generati oltre 100 nuovi posti di lavoro».

La prospettiva piace naturalmente anche a livello turistico, tanto che il direttore dell’Otr, Fabio Bonetti, guarda al «nuovo slancio» che la struttura rinnovata darà «all’intero settore e alla nostra destinazione. Wellness, enogastronomia, eventi, meeting e sostenibilità fanno parte di un concetto che rientra nelle strategie turistiche dell’Otr».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
artisa domanda di costruzione grand hotel muralto stefano artioli
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved