su-terzo-binario-e-nuovo-volto-della-stazione-vigileremo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Ticino
45 min

Da Sciaffusa a Mendrisio: il Consiglio federale in Ticino

Dopo la parte ufficiale, l’incontro con la popolazione. E oggi la visita al Centro sportivo nazionale per la gioventù di Tenero
Mendrisiotto
1 ora

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
1 ora

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
1 ora

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
1 ora

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
2 ore

’Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan ad Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
2 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre a Grumarone è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
3 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
4 ore

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
01.03.2022 - 19:23

‘Su terzo binario e nuovo volto della stazione vigileremo’

Centovalli, il Municipio risponde all’interrogazione inerente al progetto di potenziamento del trasporto pubblico sottoscritta da tutti i consiglieri

Centovalli, il Municipio (su invito del legislativo) vuole vederci chiaro e cerca rassicurazioni da parte delle Fart sulla questione del terzo binario e degli interventi infrastrutturali necessari previsti alla stazione ferroviaria d’Intragna. Per questa ragione ha chiesto alla stessa azienda di trasporto pubblico locarnese delle spiegazioni di dettaglio sulle scelte tecniche allo studio, oltre che finanziarie e politiche.

Convocati al tavolo delle discussioni

A volerci vedere chiaro in questo grosso cambiamento a livello di mobilità è stato, a suo tempo, l’intero Consiglio comunale, che in un’articolata interrogazione presentata nel mese di dicembre del 2021 invitava il Municipio a chiarire molteplici criticità di questo progetto, in particolare quelle relative all’accessibilità del futuro comparto stazione d’Intragna e quello sul potenziamento dei collegamenti per l’alta valle (Camedo). Temi che sono comunque ancora oggetto di approfondimento da parte dei servizi cantonali preposti. Nella sua risposta, il Municipio centovallino fa presente che per tutto ciò che riguarda gli aspetti architettonici e paesaggistici degli interventi manterrà la necessaria vigilanza e chiederà di essere coinvolto "adeguatamente e preventivamente".
Sempre a detta dell’esecutivo, il potenziamento dell’offerta ferroviaria non può non tenere in debita considerazione le esigenze degli abitanti dell’intera valle. Due corse aggiuntive (il tanto auspicato cadenzato ogni 30 minuti) dovranno quindi partire e fermarsi a Camedo il mattino presto e la sera tardi. A questo punto anche lo stazionamento notturno del convoglio che assicura le corse potrebbe essere trasferito nella stazione di confine, evitando così i problemi di vario genere a Intragna (barriere, attraversamento pedoni, cantiere rumoroso per il vicinato, costi superiori).

Quanto pianificato è già stato approvato e ha ottenuto i finanziamenti

Interpellata, la Fart risponde all’autorità spiegando che il potenziamento dell’offerta della ferrovia regionale prevista interessa i Comuni tra Locarno e Intragna (come indicato nel PALoc 2, in seguito sottoposto all’Ufficio federale dei trasporti). Quest’ultimo progetto è pure inserito tra gli interventi finanziati dalla Confederazione. Motivo per cui è questa, al momento, la direzione da seguire. Essa comporta, oltre al binario aggiuntivo alla stazione d’Intragna, pure la creazione di un binario supplementare alla stazione di Tegna. Nel frattempo si è pure provveduto a ottimizzare gli orari dell’offerta del trasporto, tenendo conto delle coincidenze dei treni internazionali a Domodossola e delle Ffs a Locarno. Secondo le Fart, estendere il servizio completo fino a Camedo presuppone la dotazione di materiale rotabile e personale viaggiante supplementare come pure la costruzione di un incrocio per i convogli a Palagnedra. Oltre che modifiche strutturali a Camedo. Tutte opere che non hanno alcuna base legale di finanziamento, al momento attuale. Come dire che... il treno è già passato?

La Direzione dell’azienda di trasporto pubblico locarnese è comunque disposta a cofinanziare nella misura del 50% la ricerca di soluzioni per i posteggi legati alla Casa anziani San Donato, sempre nel comparto stazione d’Intragna.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
interrogazione intragna municipio potenziamento terzo binario
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved