con-banchi-e-sedie-di-scuola-un-aiuto-ai-paesi-piu-poveri
Ti-Press
In un qualche modo tornano sempre utili
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
4 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
5 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
6 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
6 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
7 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
7 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
22.02.2022 - 15:31

Con banchi e sedie di scuola un aiuto ai Paesi più poveri

Doppia azione a Locarno: il materiale sostituito potrà essere ritirato dalle famiglie e con i proventi saranno sostenute associazioni non-profit

Nuova vita per banchi e sedie delle scuole cittadine, sostenendo i Paesi più bisognosi. È l’azione del Municipio di Locarno, che "in una società spesso e volentieri votata alla pratica ‘dell’usa e getta’, non intende cedere il passo".

Il tutto si iscrive nell’ambito del messaggio municipale 122, mediante il quale il Consiglio comunale aveva stanziato un credito di 597mila franchi per la fornitura di nuovi banchi e sedie destinati alle scuole elementari cittadine. Il ricambio era necessario poiché il materiale scolastico non è più al passo con i tempi. Tuttavia, "non per questo dev’essere destinato al macero". Dunque, la Città si è messa alla ricerca di diverse alternative "nell’intento di salvare quanti più banchi e sedie possibile". Sono state contattate in primis diverse associazioni che operano nei Paesi meno fortunati del nostro. Ma, come confermato da molte di loro e in particolare dalla Federazione delle Ong della Svizzera italiana (Fosit), oggigiorno la tendenza è più quella di avventurarsi in grosse spedizioni di materiale oltremare.

Nel frattempo, alcune scuole della regione, così come i genitori di diversi allievi di Locarno, avevano manifestato il proprio interesse per ritirare un certo numero di banchi e sedie dall’ampio materiale a disposizione. L’esecutivo ha così deciso di promuovere un’azione che permetterà a tutti gli interessati di portarsi a casa banchi e sedie delle scuole cittadine. Per accaparrarsi il materiale "storico" desiderato – l’offerta è libera – basterà recarsi venerdì 25 (dalle 16 alle 18) e sabato 26 febbraio (dalle 8 alle 10) sul piazzale delle scuole di Solduno. Un secondo momento di raccolta verrà poi organizzato presso le scuole elementari dei Saleggi durante il periodo pasquale: date esatte e orari verranno comunicati nelle prossime settimane.

Ma l’azione del Municipio non si esaurisce qui. Nell’intento di fare la propria parte per aiutare i Paesi più bisognosi, si sta infatti attentamente valutando la possibilità di lanciare una raccolta fondi, iniziando dall’introito – anche solo simbolico – derivante dalle offerte libere, oppure dal riciclo del metallo presente nel materiale che non verrà ritirato dalla popolazione locarnese o che oggettivamente non è più pensabile utilizzare ulteriormente. Questi fondi, poi, verranno devoluti in toto alle associazioni che operano in Paesi in via di sviluppo, contribuendo dunque alla loro opera di sostegno direttamente in loco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banchi beneficienza locarno scuole sedie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved