ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
1 ora

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
7 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
7 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
9 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
9 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
10 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
10 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
11.02.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:00

Una pista ciclabile da Gordola fino alla diga della Verzasca

Lo chiede un’interpellanza del gruppo Alternativa (primo firmatario Davide Gianettoni) che invita a studiare un tracciato alternativo alla cantonale

una-pista-ciclabile-da-gordola-fino-alla-diga-della-verzasca

Chi ama le escursioni in bicicletta e si diverte in itinerari naturalistici vallerani sa che, nel Locarnese, almeno due sono le strade “veloci” ma assai critiche per raggiungere altrettante valli: quella per entrare in Vallemaggia e quella che imbocca la Verzasca.

Nel primo caso, il ciclista – anche quello “della domenica” – conosce valide alternative alla cantonale – spesso trafficata e ancora di più in estate – che da Solduno sale verso Ponte Brolla; il nostro ciclista (o la nostra ciclista) sa infatti che pedalando sul lungo fiume si raggiunge senza troppi tormenti Avegno, passando per Tegna. Diversa la sorte per coloro che si cimentano nella risalita della Verzasca: da via San Gottardo a Gordola sono obbligati a prendere la cantonale via Valle Verzasca, appunto, affrontando diversi tornanti prima di giungere alla diga (peraltro in questo momento meta di numerosi curiosi perché svuotata). Una tratta di strada che se non fosse per il traffico spesso sostenuto in alcuni momenti dell’anno (pensiamo alla stagione estiva o ai periodi festivi) che rende l’escursione anche pericolosa, potrebbe essere una bella sfida da affrontare pedalando. Vie d’entrata alternative, a meno di non prendere qualche sentiero in mountain bike (sebbene SvizzeraMobile non segnali alcun tracciato dedicato), non ve ne sono.

Chi conosce un po‘ questo contesto (anche dalla prospettiva dell’automobilista) è cosciente di questo problema. Nelle scorse settimane, il consigliere comunale di Gordola Davide Gianettoni ha quindi presentato una possibile soluzione all’esecutivo comunale sotto forma d’interpellanza: ’Ciclopista per la Val Verzasca’, sottoscritta dai colleghi Daniela Pusterla Hörler, Alberto Togni e Joëlle Matasci. L’interpellante avanza quindi la possibilità di salire dalla collina di Gordola: il tracciato si snoderebbe quindi su Via delle scuole, via Sasso Misocco, via Ioco Coste, via Passaroro, sbucando quindi proprio sopra il bacino artificiale. “Rimarrebbero da rendere ciclabili circa 350 metri di percorso, che oggi sono sentiero, tra via Passaroro e Selvatica, appena sopra la diga”, indica l’interpellante. Il tratto di strada che sale da Gordola alla diga è piuttosto ripido, osserva Gianettoni, e “obbliga i ciclisti a procedere a un ritmo lento”, soprattutto data la conformazione della strada che “non offre molti tratti per il sorpasso e la convivenza fra traffico motorizzato e ciclabile si fa complicata", sottolinea.

Oltre ad “alleggerire un tratto problematico della strada cantonale a valenza regionale”, l’intervento proposto, tiene a sottolineare l’autore, sarebbe "molto contenuto e il tracciato alternativo offrirebbe ai ciclisti una via sicuramente più panoramica e tranquilla, senza che il traffico motorizzato in collina ne risenta, essendo quest’ultimo molto limitato”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved