il-paloc4-punta-su-mobilita-lenta-e-trasporti-pubblici
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
59 min

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
1 ora

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
2 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
2 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
4 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
4 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
5 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
6 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
6 ore

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
6 ore

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
7 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
06.02.2022 - 16:27

‘Il PaLoc4 punta su mobilità lenta e trasporti pubblici’

La replica della Cit Locarnese e Vallemaggia alle recenti critiche di cinque associazioni sulla mobilità nel Locarnese

La Commissione intercomunale dei trasporti (Cit) del Locarnese e Vallemaggia ha preso atto delle critiche sul Piano d’agglomerato di quarta generazione (PaLOc4) espresse da cinque associazioni locali e cantonali in una recente conferenza stampa e risponde con alcune considerazioni. Innanzitutto sottolinea come il coinvolgimento dei Comuni, delle associazioni e dei privati “è avvenuto in modo esaustivo nei vari stadi di avanzamento dei lavori, nel rispetto dei termini legali e seguendo la prassi ormai consolidata. Unica eccezione è stata la serata informativa aperta al pubblico, peraltro non obbligatoria, che per ragioni legate alle restrizioni pandemiche non si è potuta svolgere nella consueta forma”.

Il progetto di PaLoc 4 è stato pubblicato e chiunque ha avuto la possibilità – nei termini stabiliti dalla legge – di esprimere le proprie osservazioni, poi valutate singolarmente da Cit e Cantone. Di più: seguendo i dettami imposti dall’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (Are), si è tenuto conto delle tendenze e dei cambiamenti in atto, questo pur trovandosi nel mezzo di un periodo storico denso di potenziali mutamenti. A questo proposito, indica la Cit, “riteniamo sia importante un’analisi protratta nel tempo in modo da poter valutare meglio aspetti quali lo sviluppo demografico futuro, la pandemia e le nuove abitudini lavorative e abitative. Senza dimenticare inoltre un’analisi degli effetti e delle conseguenze del recente potenziamento dei trasporti pubblici. Queste analisi verranno integrate ulteriormente nei lavori d’impostazione dei successivi PaLoc che, ricordiamo, hanno una ciclicità quadriennale”.

Il PaLoc4 prevede misure infrastrutturali per un totale di più di 50 milioni di franchi, di cui quasi il 60 per cento sono previsti a favore di misure per il potenziamento del trasporto pubblico e della mobilità lenta, con oltre 23 milioni di franchi destinati a quest’ultima. I restanti progetti stradali (misure per il traffico individuale motorizzato, Tim) prevedono in gran parte la riqualifica e la messa in sicurezza di diverse arterie viarie, riducendone il calibro, i limiti di velocità e aumentando lo spazio a disposizione di pedoni e ciclisti. Non sono previsti potenziamenti di strade, se non l’allargamento, laddove necessario, a 7,5 metri del campo stradale della strada cantonale Solduno-Ponte Brolla. “Il PaLoc 4, che sarà attuato a partire dal 2024, è dunque ancora una volta, come già il PaLoc 2 e 3, orientato soprattutto al potenziamento della mobilità lenta e del trasporto pubblico, prevedendo investimenti equilibrati e attenti alle disponibilità finanziarie e operative dei Comuni e del Cantone. Evidentemente anche il PaLoc 4 è il risultato di un ponderato compromesso tra le varie esigenze, le aspettative di ogni settore o ente interessato e le risorse finanziarie disponibili”.

Infine, la Cit accenna alla critica sul mancato inserimento della galleria Moscia-Acapulco nei PaLoc tra le misure cofinanziate dalla Confederazione: “Nonostante il progetto non sia ancora oggi sufficientemente avanzato per rientrare tra quelli cofinanziabili nel PaLoc, si ricorda che avevamo fatto allestire una perizia per valutare se tale opera potesse soddisfare i precisi parametri dell’Are per un cofinanziamento federale. Dalla perizia è emerso che tale opera avrebbe ottenuto un punteggio insufficiente e che, visto l’importante costo, se fosse stata inserita tra queste misure avrebbe ridotto sensibilmente la sostenibilità complessiva del PaLoc, mettendo a rischio i contributi federali anche per tutte le altre misure cofinanziabili previste”. Infine “se per questa nuova galleria la politica federale dovesse decidere comunque per un sostegno finanziario, ne saremmo ben lieti e, ovviamente, ciò andrebbe automaticamente ad abbassare il contributo chiesto a Cantone e Comuni. Questo discorso tuttavia esula dai tecnicismi dei Pa e rientra nelle facoltà del Parlamento federale”.
Il PaLoc 4 sarà valutato nei prossimi mesi dall’Are: “Attendiamo fiduciosi l’approvazione definitiva da parte della Confederazione entro fine 2023 in modo da poter realizzare nei tempi stabiliti le importanti misure in esso previste e consolidando così le basi infrastrutturali nell’ambito dei trasporti per uno sviluppo degli insediamenti equilibrato, sostenibile e in armonia con lo sviluppo della mobilità”.

Leggi anche:

Il PaLoc4 nel mirino di cinque associazioni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cit locarnese paloc4 vallemaggia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved