il-paloc4-nel-mirino-di-cinque-associazioni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 min

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
1 ora

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
1 ora

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
2 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
2 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
2 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
2 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
3 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
3 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
4 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
4 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
4 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
27.01.2022 - 16:10
Aggiornamento: 16:36

Il PaLoc4 nel mirino di cinque associazioni

Critiche al mancato coinvolgimento della popolazione e alle misure che non tengono conto dei cambiamenti della società

È una pioggia di critiche quella che cinque associazioni fanno cadere sul Piano di agglomerato del Locarnese di quarta generazione (PaLoc4). Bruno Storni per l’Associazione traffico ambiente (Ata), Ferruccio D’Ambrogio per il Comitato iniziativa nuovo piano viario Minusio e Marco Vitali per Pro velo hanno incontrato (in una conferenza stampa online) i giornalisti per spiegare le loro ragioni, condivise pure dall’Associazione per un Piano di Magadino a misura d’uomo e dall’Associazione Quartiere Rivapiana Minusio.

L’indice è puntato su diversi aspetti del PaLoc4. Alcuni sono legati alla preparazione del dossier: in sostanza, vengono rilevate la mancata informazione e consultazione di tutte le associazioni d’interesse e le evidenti lacune nel coinvolgimento della popolazione. Ma c’è di più. Il nuovo strumento di lavoro che traccia le linee guida per la mobilità nella regione sarebbe anacronistico. Detto altrimenti, ha perso il treno ancora prima di entrare in vigore. D’Ambrogio: «Lo scenario auspicato dimostra l’incapacità di leggere i cambiamenti in atto nella società. Ovvero: da un lato, al contrario di quanto affermato nel PaLoc4, la popolazione è in calo; dall’altro i comportamenti delle persone sono mutati, con l’aumento dell’utilizzo delle biciclette (pure di quelle elettriche), la crescita dell’offerta dei trasporti pubblici (Tilo) con tempi di percorrenza ridotti, e il telelavoro, che sta mutando rapidamente abitudini e necessità di spostamento».

Per quanto riguarda i punti cardine del PaLoc4, D’Ambrogio ha fatto notare come questi si discostino da quanto stabilito dai precedenti studi e programmi: «La galleria Mappo-Morettina diventa autostrada, ciò che modifica radicalmente lo scenario iniziale. Due principi sono andati sparendo: la canalizzazione del traffico sugli assi principali, con declassamento di altre arterie, e la pianificazione dell’offerta. Ora si mira sostanzialmente a rispondere alla domanda del traffico individuale motorizzato, ad esempio con la creazione di parcheggi pubblici all’interno dell’agglomerato e l’apertura al traffico sui due sensi di via Luini. Così l’aumento dei veicoli a motore scombussola il sistema». Insomma, le misure votate anni fa per chiudere al traffico la Città Vecchia e per declassare alcune strade sono state sconfessate.

Storni, dal canto suo, ha posto l’accento sui ritardi accumulati nella realizzazione del nodo intermodale a Muralto e per quello ferroviario di Minusio. Ma anche su alcune “sviste”, come il finanziamento della galleria Moscia-Acapulco, che è di carattere nazionale o addirittura internazionale e che quindi dovrebbe beneficiare di contributi federali. «Ci troviamo di fronte a programmi mediocri, poi solo parzialmente realizzati – ha aggiunto –. Inoltre s’inventano o anticipano misure non previste dallo stesso PaLoc, come l’autosilo del Parco Balli, neppure menzionato, o la galleria di Moscia già in progettazione. C’è un problema con la Cit, che non funziona. A mio avviso occorre cambiare a livello politico, la Cit appunto, e tecnico, i progettisti. Ma bisogna anche coinvolgere la popolazione e le associazioni sin dall’inizio dei lavori».

Mobilità lenta sottovalutata

Per Vitali salta all’occhio la sottovalutazione della mobilità lenta all’interno del PaLoc4: «Le misure sono del tutto insufficienti. In ambito urbano i problemi principali si situano attorno alla stazione di Muralto e in via Simen, che non diventa un’alternativa valida a via Rivapiana. L’accesso alla città da est risulta quindi lacunoso; lo stesso dicasi per l’ingresso da ovest. In via Luini, anche dopo la recente riqualifica, manca una distinzione tra percorso per i pedoni e percorso per i ciclisti. Considerato il “boom” di biciclette elettriche abbiamo bisogno di vie e piste dedicate. Nei passaggi dove i flussi sono importanti bisogna separare le corsie». Ciò che corrisponde a una mancata attenzione in ambito urbano alla bicicletta.

E non va meglio fuori città: «Il PaLoc4 ha abbandonato il concetto di percorso continuo lungo il Lago Maggiore. Da parte italiana si fanno passi avanti, specialmente nel Varesotto e nel PaLoc3 la soluzione era delineata. I problemi maggiori si situano nel Gambarogno e da Ascona verso Brissago. A mio avviso, sono stati tralasciati progetti d’importanza strategica anche per il turismo».

Le cinque associazioni hanno pure fornito ai giornalisti un lungo elenco di proposte. Ad esempio chiedono che lo scenario di sviluppo venga aggiornato con i cambiamenti più recenti: la rivoluzione Tilo con nuova e potenziata offerta del trasporto pubblico, la bicicletta elettrica, le forme d’organizzazione di lavoro (tra cui telelavoro), lo sharing e le tecnologie smart che influenzeranno i comportamenti generando bisogni di mobilità diversi da quelli considerati da PaLoc2 e PaLoc3.

Centralizzare la gestione dei semafori

Un altro tema, legato al traffico motorizzato, è la gestione dei semafori che andrà centralizzata per tutti gli impianti del Locarnese. «Misura senz’altro utile. L’obiettivo è di “garantire una maggiore fluidità del traffico individuale motorizzato, diminuire i tempi di attesa per pedoni e ciclisti e priorizzare il trasporto pubblico”. Ci sembra tuttavia necessario e urgente regolare l’accesso ai portali est e ovest mediante dei semafori».

E ancora, in rapida carrellata: realizzare una fermata Tilo per Cugnasco-Gerra (comune tutt’ora privo di un accesso alla linea ferroviaria che transita a poche centinaia di metri), che fungerà da “Porta d’accesso del Parco del Piano di Magadino”, come pure completare e mettere in sicurezza la rete ciclopedonale Brissago-Ronco e le corsie per ciclisti in città.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarnese paloc4 traffico traffico lento trasporti pubblici
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved