ronco-s/ascona-e-vissero-tutti-felici-e-contenti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
58 min

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
1 ora

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
1 ora

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
1 ora

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
1 ora

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
1 ora

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
2 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
2 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
2 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
2 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
2 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
3 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
3 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
laR
 
29.01.2022 - 05:30

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Ronco s/Ascona vuol diventare un “Comune sano”. Lo fa aderendo all’iniziativa su scala nazionale che porta questa etichetta e che ha quale finalità quella di focalizzare l’attenzione degli amministratori, in modo intenzionale e sistemico, al tema della salute e del benessere dei cittadini. Obiettivo: fare in modo che sia la popolazione, sia gli operatori al suo servizio possano vivere in una località dove le aspettative del singolo sono soddisfatte. Un progetto mirato al benessere nel quale si intrecciano, profondamente, le componenti economiche, sociali, ambientali, strutturali e di welfare. Un concetto innovativo a favore dell’intera comunità ronchese, che implica la partecipazione attiva da parte di tutti nello svolgimento dei compiti che l’Amministrazione è chiamata a garantire alla cittadinanza. Gli abitanti devono prendere coscienza di poter essere i primi protagonisti delle politiche pubbliche e dei servizi di cui necessitano tutti i giorni, divenendo “gli ideatori attivi di soluzione condivise”. Progettano qualcosa che non riguarda più solo il singolo ma tutta la collettività. Per arrivare a questa sorta di “benessere interno lordo” il Municipio ha deciso di farsi affiancare e accompagnare nella gestione e conduzione delle proprie risorse umane da una specialista che funge anche da capo progetto.

Una capo progetto quale trait d’union tra cittadino e autorità

Essa garantisce una presenza operativa settimanale in loco e contribuisce a dare, da subito, solidità, continuità e realizzazione degli intenti, mettendosi in relazione con i vari gruppi d’interesse e la popolazione, secondo un piano concordato con il Municipio, sollecitando la partecipazione attiva di tutti e in ogni ambito. Esperta di interventi di questo genere, applica le buone pratiche suggerite dalla Fondazione Promozione Salute Svizzera (www.promozionesalute.ch), l’ente nazionale cappello sostenuto dai Cantoni che su incarico della Confederazione coordina e valuta misure atte a promuovere la salute e prevenire le malattie su tutto il territorio svizzero. Essa integra anche i principi e modelli promossi dalla rete nazionale Comuni Sani (www.labelgesundegemeinde), dalla Fondazione Radix (www.radix.ch), orientandosi ai criteri di qualità promossi a livello svizzero da Friendly Workspace Label e Quint-Essenz.ch. In seguito riferisce al Municipio, con il quale collabora a stretto contatto e che incontra mensilmente per concordare il piano d’azione, condividere l’operato per il tramite di un rapporto mensile e adattare di continuo l’agenda di lavoro sulla base degli impatti delle prime attività / iniziative / misure messe in atto. Una sorta di processo di consapevolezza che aiuta a capire se certe scelte fatte a scapito di altre siano opportune o meno

Superare gli interessi individualistici

Per arrivare a una dimensione comunitaria diversa e sana, che superi interessi individualistici è dunque per prima cosa indispensabile parlarsi. Paolo Senn, sindaco, ribadisce l’importanza «del dialogo cittadino-istituzioni per il buon governo del paese. È alla base di tutto e questa iniziativa è sicuramente meritevole di un seguito. La possibilità data al cittadino di confrontarsi con i propri rappresentanti politici è di primordiale importanza. Molto spesso, lo abbiamo visto in questi ultimi anni qui a Ronco, diversi progetti portati avanti dal Municipio finiscono con l’arenarsi in Consiglio comunale perché manca il necessario appoggio. È giusto che ci sia spazio per l’opinione contraria, ci mancherebbe altro. Dobbiamo però tener presente che se vogliamo migliorare la qualità di vita e svecchiare le infrastrutture del nostro Comune certi investimenti vanno fatti. Occorre perciò vincere la negatività e incontrarci per risolvere le criticità, coinvolgendo la popolazione. Ed è quello che abbiamo fatto, tra l’altro, con l’opuscolo trasmesso a fine anno a tutti i fuochi, contenente alcuni indirizzi di sviluppo di punti nevralgici del paese che andranno, ovviamente, approfonditi e discussi».
La Sezione enti locali del Cantone, informata dell’iniziativa, ha salutato positivamente il progetto (sottolineando l’importanza di simili esperienze locali per poi arrivare a proporre opportuni cambiamenti mormativi) , che potrebbe in futuro essere replicato altrove.
Se la visione delle autorità locali di rendere i ronchesi protagonisti della vita all’interno del paese porterà a un cambiamento nel rapporto amministrazione-cittadino e a una partecipazione maggiore, sarà il tempo a dirlo. A ogni buon conto si tratta di un esempio pratico di democrazia partecipativa in grado di ridurre malcontento e conflitti ricostruendo un rapporto di fiducia cittadini-istituzioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aspettative comune sano municipio progetto ronco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved