ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
48 min

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
1 ora

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
1 ora

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
1 ora

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
Bellinzonese
2 ore

Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’

Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
2 ore

Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023

Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Locarnese
5 ore

Sull’argine di Losone correre è tutta un’altra cosa

Grazie all’apposito fondo di rivestimento e alle demarcazioni podistiche è possibile svolgere allenamenti specifici in mezzo alla natura
Ticino
6 ore

Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)

È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
6 ore

Hangar 1, il Cantone risponde alle Città

Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Ticino
9 ore

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi
Luganese
9 ore

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
19.01.2022 - 15:55
Aggiornamento: 16:42

Locarno, pannelli fotovoltaici sulla palestra protetta

Il progetto alle scuole dei Saleggi costerà 255mila franchi. C’è già l’approvazione di principio dell’Ufficio beni culturali

locarno-pannelli-fotovoltaici-sulla-palestra-protetta
Ti-Press

Un impianto fotovoltaico verrà installato sul blocco palestra della Scuola comunale dei Saleggi a Locarno. La proposta del Municipio cittadino verrà sottoposta al Consiglio comunale, con la relativa richiesta di credito che ammonta a 255mila franchi.

Il progetto, per certi versi, è particolare. Infatti lo stabile in questione è oggetto di protezione, e prima di sviluppare qualsiasi tipo di variante possibile è stata richiesta l’approvazione di principio da parte dell’Ufficio beni culturali, che ha dato il suo assenso (in attesa del progetto definitivo) la scorsa primavera.

Finanziamento e autoconsumo

Per quanto riguarda il finanziamento, il Municipio segnala che l’opera beneficerà di sussidi cantonali e federali per circa 47mila franchi, mentre altri 125mila saranno prelevati dall’accantonamento del Fondo per le energie rinnovabili (Fer), ciò che corrisponde al 50 per cento dell’investimento, in linea con altri progetti sostenuti tramite questo stesso fondo. La spesa netta a carico della Città sarà di 83mila franchi. “L’impianto fotovoltaico può essere ammortizzato sulla base delle attuali tariffe in circa 11/12 anni, sempre che tutta la potenza prodotta possa essere trasportata e consumata su più stabili di proprietà del Comune – indica il Municipio nella sua richiesta di credito –. In caso contrario il lasso di tempo di ammortamento si allungherebbe a 14/15 anni (con una durata di vita degli impianti di circa 25/30 anni). In questo senso intendiamo discutere con la Società elettrica sopracenerina (Ses) sulla stipulazione di contratti che permettano di beneficiare in modo più marcato dell’energia prodotta, con un maggior autoconsumo anche in funzione di futuri impianti previsti nella strategia a medio-lungo termine”.

La Città punta alle fonti rinnovabili

Locarno da diversi anni sta trovando soluzioni per sfruttare l’energia solare: “Tra le azioni concrete che i Comuni possono attuare nell’ambito di una gestione intelligente delle risorse e delle scelte di politica energetica a tutela dell’ambiente, c’è sicuramente la realizzazione di impianti che sfruttano questa fonte – spiega l’esecutivo –. Il Piano energetico comunale (PECo), datato settembre 2017, detta il percorso da intraprendere per il raggiungimento degli obiettivi strategici a medio e lungo termine. Tra questi c’è la promozione e la realizzazione degli impianti fotovoltaici che permettono di rispondere in modo adeguato ai bisogni sempre importanti di energia elettrica, in questo caso assolutamente rinnovabile”.

Nell’ambito di questa strategia, negli ultimi anni a Locarno sono stati realizzati impianti su diversi edifici: spogliatoi alla Morettina, Scuola dell’infanzia dei Saleggi, Palacinema e Centro tecnico logistico. Tutti questi pannelli messi assieme hanno una potenza totale di quasi 280 kWp e fruttano un beneficio annuo di oltre 38’500 franchi. L’impianto che sarà posato sulla palestra delle scuole comunali dei Saleggi avrà una potenza fino a quasi 120 kWp, e sarà composto da un totale di 294 pannelli di ultima generazione, con un basso grado di riflessione.

Misure concrete e label

“La strategia energetica 2050, approvata dal popolo svizzero il 21 maggio 2017 con la nuova Legge sull’energia, pone degli obiettivi importanti che necessitano misure concrete per il loro raggiungimento e ognuno è chiamato a giocare un ruolo attivo in tutto ciò – conclude il Municipio –. Con la volontà ribadita in più occasioni, anche con l’ottenimento del Label “Città dell’energia”, Locarno ha deciso da tempo di voler essere protagonista attiva, con la messa in atto di misure concrete per il raggiungimento di tali obiettivi. La produzione di energia rinnovabile indigena rientra pienamente in questa strategia ed è obiettivamente un investimento redditizio a lungo termine su tutti i fronti”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved