22.12.2021 - 14:44
Aggiornamento: 18:01

Palazzo Tondü a Lionza, due vincitori ex aequo

La giuria del concorso di idee per la destinazione dell’edificio seicentesco ha emesso il verdetto

palazzo-tond-a-lionza-due-vincitori-ex-aequo
Una delle sale del palazzo (Ti-Press)

Due vincitori ex aequo nel concorso di idee per la destinazione e la gestione del seicentesco palazzo Tondü, sito al centro della piccola frazione nelle alte Centovalli. La giuria del concorso, indetto nell’estate del 2020, ha comunicato il proprio verdetto, condiviso e fatto proprio con entusiasmo dalla Fondazione Casa Tondü di Lionza.

Dopo aver esaminato in più fasi i 18 progetti presentati, la giuria ha eletto all’unanimità, come vincitori a pari merito, le proposte inoltrate dai candidati “TondO” e “Benevol”. La prima è portata da un collettivo radicato in Ticino, coordinato da Sandra Giovannacci, Monique Bosco-von Allmen e Marianna Aliano. Incentrato sulla costituzione di una cooperativa, il progetto immagina palazzo Tondü come fulcro di una struttura multifunzionale volta a spaziare sull’insieme del villaggio di Lionza, in collaborazione con altre entità pubbliche e private.

La seconda proposta, promossa dalla fondazione zurighese “Baustelle Denkmal” presieduta da Jan Capol, mira ad implicare nella fase di restauro e di gestione del manufatto gruppi di civilisti e volontari, accompagnati professionalmente da specialisti dei vari settori d’intervento.
“La giuria – specifica la Fondazione in una nota diffusa ai media – ha intravisto un elevato potenziale di sinergia e di complementarità tra i due progetti laureati per i valori, le competenze, la programmazione, la strategia, l’operatività, la comunicazione e la divulgazione del progetto”. La stessa giuria ha quindi raccomandato alla Fondazione di mettere in atto gli sforzi necessari affinché “TondO” e “Benevol” possano collaborare attivamente a favore dello sviluppo di un progetto comune. È questo l’orizzonte che si delinea durante i prossimi mesi, dedicati all’approfondimento delle modalità d’interazione e di collaborazione tra la Fondazione stessa e i promotori dei due progetti vincitori del concorso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved